A parte gli animali più o meno velenosi, è piuttosto noioso dover stare sempre attenti a quel che succede alle nostre spalle. Ovvio che di notte non usciamo anche se abbiamo una vita sociale abbastanza vivace. Chi ha costruito questo villaggio voleva che la privacy degli abitanti fosse protetta ed hanno costruito un reticolo di tunnel da una casa all'altra in modo da poter uscire di notte senza essere visti e soprattutto protetti da intrusi pericolosi. Quindi organizziamo spesso feste e balliamo le vecchie musiche dei secoli passati. Federico che è un inventore straordinario, ha ripristinato la vecchia torre degli scienziati che per noi è un ottimo posto di osservazione notturna. Protetti dai vetri antisfondamento passiamo parecchie notti ad osservare streghe e vampiri e zombi che mangiano streghe. Da qualche tempo nella valle, sul greto del fiume che è quasi sempre in secca, passa un enorme verme di venti metri di diametro e lungo forse un chilometro. Poggia su un numero infinito di zampe posteriori e a volte si alza di qualche decina di metri mostrando le robuste braccia e delle 'mani' chiuse a pugno. La sua peculiarità è il canto. Canta con voce da soprano le arie delle opere liriche di centinaia e centinaia di anni fa. Sono talmente antiche che nessuno di noi le conosce ma sono piacevolissime. Una notte che siamo di guardia Federico ed io, lo vediamo arrivare. Si ferma sotto di noi alla base della collina e intona ''Un bel dì vedremo'' insistendo sulla frase che non capisco : mi fermerò sulla cima del colle. e la ripete varie volte. Forse è il suo modo per avvisarci di un pericolo. Non capiamo, ma appena spunta l'alba decido di mandare un drone ad esplorare intorno. Dopo pochi secondi le immagini arrivano sul monitor

<<Azz, uomini gatto a est>> lo grido quasi con paura.

<<A quanto sono, - chiede Fede - dobbiamo far rientrare tutti>>

Metto in funzione la sirena di pericolo e in meno di due minuti ogni abitante dei Gujet è chiuso in casa al sicuro, tranne gli uomini che quel giorno sono di guardia. Attiviamo tutte le difese e saliamo sulla torre per tenere tutto sotto controllo.

Arrivano prima del previsto. Sono una decina di individui a cavallo di mostri dagli occhi gialli e i denti a sciabola <<Dai Andrea, buttagli una bistecca che hanno fame>> Federico scherza, come sempre e gli rispondo <<Offriti volontario>> Ridendo sta preparando un lanciafiamme e lo posiziona sul treppiede nella terrazza. Loro si avvicinano, annusano l'aria e il filo spinato, forse sentono l'elettricità e si tengono a distanza di sicurezza. Annalisa e Serena sono al nostro fianco armate di fucile laser e sparano per prime. I gatti si sono accorti di noi ma le armi sono troppo vecchie e loro non sanno sparare, noi al contrario, siamo ottimi tiratori e al primo colpo di lanciafiamme ne buttiamo giù tre o quattro e i cavalli non perdono tempo e li sbranano o come si dice ''gli danno onorata sepoltura''. Spariamo ancora in meno di un'ora degli uomini gatto non rimangono nemmeno le tracce delle pellicce colorate. << Ho mandato fuori un drone con le telecamere ed ho già le prime immagini, guarda un po'>> Federico è eccitato e chiede a me che fare. Osservo il monitor e vedo un mare, un'onda anomala di pellicce colorate, gialle, blu, viola, rosse un caleidoscopio di colori, e un luccichio di armi obsolete, fucili, doppiette da caccia vecchie di almeno cinquecento anni, li per li mi viene un'idea <<Quanti droni abbiamo in attivo?>>

<< Circa un centinaio, facevano parte della ricerca scientifica. Ho fatto l'inventario il mese scorso, senza che me lo chiedi funzionano tutti perfettamente>> Ha risposto Serena

<<In deposito ci sono un migliaio di bombe piccole ma efficaci. Due per ogni drone dovrebbero bastare. Via al lavoro, non abbiamo molto tempo.>>

In breve i droni sono armati, partiti e dai monitor dell'osservatorio vediamo quando sganciano le bombe e i gatti che cadono a terra mentre i cavalli che restano vivi se li mangiano con piacere. Restano vivi pochi esemplari di uomo gatto, ma quello che pareva il capo, un mostro alto almeno due metri e mezzo con la pelliccia nera, è tra le fauci del suo cavallo, gli altri fuggono a gambe levate seguiti dai cavalli disarcionati. Cessato allarme, per oggi, la prossima volta affronteremo un altro pericolo. Sarà sempre così la nostra vita da ora in poi?

Penso al futuro, a noi che non avremo mai figli perché le radiazioni ci hanno resi sterili. La speranza sono i bambini. Cinquanta bambini a cui affidare la sopravvivenza della razza umana.

 

 

 

 

 

 

 

 

6
6
12

5 disavventure sulle scale mobili

24 May 2017

Ovvero: mettere un piede dopo l'altro su dei gradini sembra un'azione elementare, ma spesso non lo è. 1. La bella addormentata Quando è mattina e magari fa anche un freddo cane, c'è solo un'ingenua speranza a cui aggrapparsi: l'utopia di arrivare a lavoro sani e salvi, possibilmente non in [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

9
10
21

Riflessioni sull'arte

Quattro parole improvvisate, anche questa è arte.

24 May 2017

Siete sul bus, sulla metro, il solito tran-tran giornaliero, camminate sul marciapiede annoiati ve la faccio breve, sapete che vi manca? Oh sì penserete a tante cose che mancano a tutti noi, certo non voglio dire di no, eppure se guardaste, se pensaste all'arte intesa in tutte le sue forme espressive, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Ti leggo e la giornata migliora 😊

  • Surya: L'arte è tutto ciò che trasmette un emozione, rispecchiando [...]

1
0
9

Il vassoio-vascello di cannoli

24 May 2017

Una barca avanza tra la pasticceria ed il desco verso la casa che accoglie la famiglia riunita tutta assieme per godere del meritato riposo settimanale ed offrire le preghiere alla divinità nel giorno di domenica dell'anno del Signore 2017. Una barca di cartone reca sopra il suo pontile cannoli [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
4
17

Tra memory, music e speme

23 May 2017

A sentire la musica del nostro passato è inevitabile la commozione. È come una colona sonora che risuona sempre dentro al nostro cuore, con il tocco magico di quel vinile che odora ancora di arte e di epoca e che sebbene graffiato fa gustare un ricordo, fa rivivere un'atmosfera con quel salto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Senza musica non potrei vivere

  • Surya: La musica ti fa provare nostalgia e subito dopo la voglia di andare avanti...

8
8
25

Van, la bambina che viveva sul tetto del mondo

23 May 2017

C'era una volta una bambina di nome Van che viveva sul tetto del mondo. Van abitava con la sua famiglia in un villaggio di montagna nel Nord del Vietnam. I capelli lucenti color ebano, gli occhi a mandorla e la piccola bocca a forma di petalo di rosa, la rendevano una bimba veramente molto graziosa. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Poesia e speranza,brava Dani

  • Surya: Sei tu Danimare vero?
    Bellissimo testo... dolcissimo e colmo di speranza. [...]

9
11
24

Ricordati che ti ho sempre amata

L'amore di una vita

23 May 2017

La camera da letto, trasformata in camera ardente. La bara lucida, ancora aperta e il corpo di Giovanni, coperto da un velo bianco. L'espressione del volto è serena, quasi sorridente. Maria, vestita di nero, col viso rigato di lacrime lo guardava e pensava alle ultime parole che le aveva detto: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: L'amore vero è qualcosa di potente e dura per sempre...fino alla fine

  • flavia: Grazie a tutti, amici miei vi voglio bene

7
16
29

Tempo libero

22 May 2017

Il tempo libero….se ci pensi è una brutta parola, ti fa intendere che sei prigioniero, se non di te stesso dei tuoi bisogni primari o di un sistema che ha smesso di fare il baratto e ti obbliga a produrre per cui se vuoi rimanere al passo, il tuo tempo lo devi impiegare, ecco li che non hai più [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
17

Sette note

22 May 2017

C'è chi vive di realtà e chi insegue i sogni. I primi attori sono sempre nervosi, corrono per le strade del mondo, si annullano nel loro sforzo di primeggiare l'uno sull'altro e si lasciano irretire dagli inganni delle strade, che percorrono in fretta ed ottengono solo di essere impastati di terrestrità; [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
12
46

Basta poco per ridere....molto di più per invecchiare

E nessuno ci fermerà

22 May 2017

Dove eravamo rimasti? Con l'ultimo tuffo provvidenziale fra le gambe e la cosina di lei, la femme fatal ad Oreste propose di partire insieme, destinazione mari del sud per iniziare una nuova avventura, sono appena atterrati all'aeroporto di Mar della Phata e un taxi porterà la coppia allo Ascabarac [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • mammola: Si Walter,continua a raccontarci di Oreste perche ormai gli vogliamo tutti [...]

  • Walter Fest: Grazie anche a Giuseppe e a Mammola, si la storia continuerà, non lo [...]

4
4
15

Sesto senso

21 May 2017

Sibilando come uno scorfano di scoglio con la scoliosi, nei sedimenti sabbiosi del mar dei Sargassi, mi stesi su un soffice sofà in seta color sangue di somaro siamese, sognando serate di sesso sfrenato con una scostumata segretaria slovena dai grossi seni e un sedere da super Guinness! Mi sollevai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
26

Di abissi e luce

21 May 2017

Sono fatta di rabbia e malinconia Di schiuma del mare e rosso tramonto Di notte oscura Eppure limpida di luna e stelle. Sono fatta di abissi E di luce. Non sono adatta al mondo Abito il tempo ma mio non lo sento. Rinuncio a inseguire la sorte Lascio che faccia di me brandelli di cuore e anima [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Poesia meravigliosa!
    Breve ma ricca di significato.
    Bravissima Alice!

  • Federico Negro: Complimenti Alice...per la tua bella poesia. Mi piace il tuo modo di scriverle. [...]

5
6
20

Quando cadono le stelle

21 May 2017

Ma che Paese è questo dove gli unici che hanno qualche speranza vengono chiamati disperati? S. Benni Oh, guarda, una stella cadente! Hai diritto ad un desiderio… Va bene, però è difficile… Vediamo: desidero che la stella non cada su casa mia stanotte, che non sia la mia casa [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su