A parte gli animali più o meno velenosi, è piuttosto noioso dover stare sempre attenti a quel che succede alle nostre spalle. Ovvio che di notte non usciamo anche se abbiamo una vita sociale abbastanza vivace. Chi ha costruito questo villaggio voleva che la privacy degli abitanti fosse protetta ed hanno costruito un reticolo di tunnel da una casa all'altra in modo da poter uscire di notte senza essere visti e soprattutto protetti da intrusi pericolosi. Quindi organizziamo spesso feste e balliamo le vecchie musiche dei secoli passati. Federico che è un inventore straordinario, ha ripristinato la vecchia torre degli scienziati che per noi è un ottimo posto di osservazione notturna. Protetti dai vetri antisfondamento passiamo parecchie notti ad osservare streghe e vampiri e zombi che mangiano streghe. Da qualche tempo nella valle, sul greto del fiume che è quasi sempre in secca, passa un enorme verme di venti metri di diametro e lungo forse un chilometro. Poggia su un numero infinito di zampe posteriori e a volte si alza di qualche decina di metri mostrando le robuste braccia e delle 'mani' chiuse a pugno. La sua peculiarità è il canto. Canta con voce da soprano le arie delle opere liriche di centinaia e centinaia di anni fa. Sono talmente antiche che nessuno di noi le conosce ma sono piacevolissime. Una notte che siamo di guardia Federico ed io, lo vediamo arrivare. Si ferma sotto di noi alla base della collina e intona ''Un bel dì vedremo'' insistendo sulla frase che non capisco : mi fermerò sulla cima del colle. e la ripete varie volte. Forse è il suo modo per avvisarci di un pericolo. Non capiamo, ma appena spunta l'alba decido di mandare un drone ad esplorare intorno. Dopo pochi secondi le immagini arrivano sul monitor

<<Azz, uomini gatto a est>> lo grido quasi con paura.

<<A quanto sono, - chiede Fede - dobbiamo far rientrare tutti>>

Metto in funzione la sirena di pericolo e in meno di due minuti ogni abitante dei Gujet è chiuso in casa al sicuro, tranne gli uomini che quel giorno sono di guardia. Attiviamo tutte le difese e saliamo sulla torre per tenere tutto sotto controllo.

Arrivano prima del previsto. Sono una decina di individui a cavallo di mostri dagli occhi gialli e i denti a sciabola <<Dai Andrea, buttagli una bistecca che hanno fame>> Federico scherza, come sempre e gli rispondo <<Offriti volontario>> Ridendo sta preparando un lanciafiamme e lo posiziona sul treppiede nella terrazza. Loro si avvicinano, annusano l'aria e il filo spinato, forse sentono l'elettricità e si tengono a distanza di sicurezza. Annalisa e Serena sono al nostro fianco armate di fucile laser e sparano per prime. I gatti si sono accorti di noi ma le armi sono troppo vecchie e loro non sanno sparare, noi al contrario, siamo ottimi tiratori e al primo colpo di lanciafiamme ne buttiamo giù tre o quattro e i cavalli non perdono tempo e li sbranano o come si dice ''gli danno onorata sepoltura''. Spariamo ancora in meno di un'ora degli uomini gatto non rimangono nemmeno le tracce delle pellicce colorate. << Ho mandato fuori un drone con le telecamere ed ho già le prime immagini, guarda un po'>> Federico è eccitato e chiede a me che fare. Osservo il monitor e vedo un mare, un'onda anomala di pellicce colorate, gialle, blu, viola, rosse un caleidoscopio di colori, e un luccichio di armi obsolete, fucili, doppiette da caccia vecchie di almeno cinquecento anni, li per li mi viene un'idea <<Quanti droni abbiamo in attivo?>>

<< Circa un centinaio, facevano parte della ricerca scientifica. Ho fatto l'inventario il mese scorso, senza che me lo chiedi funzionano tutti perfettamente>> Ha risposto Serena

<<In deposito ci sono un migliaio di bombe piccole ma efficaci. Due per ogni drone dovrebbero bastare. Via al lavoro, non abbiamo molto tempo.>>

In breve i droni sono armati, partiti e dai monitor dell'osservatorio vediamo quando sganciano le bombe e i gatti che cadono a terra mentre i cavalli che restano vivi se li mangiano con piacere. Restano vivi pochi esemplari di uomo gatto, ma quello che pareva il capo, un mostro alto almeno due metri e mezzo con la pelliccia nera, è tra le fauci del suo cavallo, gli altri fuggono a gambe levate seguiti dai cavalli disarcionati. Cessato allarme, per oggi, la prossima volta affronteremo un altro pericolo. Sarà sempre così la nostra vita da ora in poi?

Penso al futuro, a noi che non avremo mai figli perché le radiazioni ci hanno resi sterili. La speranza sono i bambini. Cinquanta bambini a cui affidare la sopravvivenza della razza umana.

 

 

 

 

 

 

 

 

3
3
14

Iniezioni di humour - 1/2

18 December 2017

Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi in word in vari file tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura. Queste composizioni narrative di matrice autobiografica, furono salvate su una vecchia chiavetta tenuta conservata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
5
16

Sciaf, sciaf

18 December 2017

Sciaf, sciaf Un rumore acquatico sovrasta quello delle onde che si frangono sulla riva pietrosa della spiaggetta. Mi ero addormentato, guardo il cellulare, ore undici, un’ora di oblio vicino al pontile, lo sciaf sciaf che mi ha svegliato è causato da due piedini indubbiamente e meravigliosamente [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Bibbi: Che fregatura😃 tutta quest apprensione e poi....!!sciaf sciaf😅bravo Dario [...]

  • Dario De Santis: Grazie ragazze!!!!!!!!!!!!!!!!!

3
2
10

La raccolta delle olive

17 December 2017

Uno dei momenti più belli durante l'anno è per le famiglie la raccolta delle olive. Quei frutti di varia grandezza, che sono cresciuti lentamente durante la precedente stagione con l'avvento delle piogge di ottobre/ novembre si caricano d'olio e gonfiano in maniera straordinaria. Sembrano tanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
24

Scena di un padre e dei suoi figli

17 December 2017

A volte mi capita di fare la pendolare e prendere l’autobus per recarmi al lavoro. Ieri era un giorno di quelli e mentre tutti avevano le cuffiette e ascoltavano musica, io stavo leggendo i racconti del giorno di Letture da Metropolitana. Seduto di fronte a me c’era un ragazzo con i suoi due figli: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Brava Surya, racconto molto delicato che purtroppo tocca tanti in questi ultimi [...]

  • Surya: Grazie a tutti dei vostri commenti! Scusate se non vi ho ringraziato prima [...]

10
13
30

La ragazza dei miei sogni - 2/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

16 December 2017

Mi giro di scatto e un'incantevole visione mi assale. La Bionda è a pochi metri da me, mi è difficile descrivere l'espressione del suo viso puntato verso la mia direzione accompagnato da un sorriso luminoso, nonché mi è difficilissimo descrivere la sua bellezza, la foto del suo profilo di Letture [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
4
16

La vita, è.

16 December 2017

Zoe aveva conosciuto il suo nuovo vicino di casa una fredda sera di novembre. Convenevoli, strette di mano, sorrisi imbarazzati e frasi di circostanza. "Piacere, Matteo." Poi quattro chiacchiere al bar vicino, e aveva scoperto che stava sistemando la casa vicina alla sua per tornarci presto a [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Ottimo, questa frase "la vita è" da tener presente ogni giorno, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ottimo racconto, hai scritto un qualcosa di importante, ha degli aspetti filosofici [...]

9
13
22

La ragazza dei miei sogni - 1/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

15 December 2017

«Leggo sempre i tuoi racconti, hai un animo dolcissimo, sei tenerissimo, non posso credere che esistono uomini ancora capaci di emozionare, di trasmettere sentimenti cosi puri come i tuoi, Giu...io desidero incontrarti, desidero specchiarmi nei tuoi occhi color Nutella, desidero dirti tante di [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
28

Aspetterò la guarigione

che fare?

15 December 2017

Non sono abituata a vederlo soffrire, è sempre stato forte e robusto. In vita sua ha avuto due volte il raffreddore, ed ora non sopporto di vederlo deperire ogni giorno. Cammina curvo, quasi che il peso degli anni sia improvvisamente sulle sue spalle come un macigno. La sua malattia, sconosciuta, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Camillina, Gius, Surya grazie perché sapete sempre trovare le parole [...]

  • Marianna Patti: È toccante quanto hai scritto! Scritto molto bene, con parole giuste [...]

6
5
19

Risponde allora amore

15 December 2017

Maschera di felicità copre mondi di delusione. Poi una voce chiama mamma, risponde allora amore. Ed è nuova gioia.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Crazy, in merito ai molti scritti in precedenza, senza fare accenni o [...]

  • Surya: Solo una cosa ci aiuta a superare le difficoltà: l'amore per i nostri [...]

10
13
24

Alla ricerca di Roberta

Storie pazze a Rivarolo

14 December 2017

Prima di recarsi all’ Hotel Rivarolo, i nostri amici autori provano a telefonare a Roberta, l’unica che non si è presentata all’appuntamento della mattina alla stazione di Torino Porta Nuova. Walter prende il telefono e compone il numero. Squilla, ma Roberta non risponde. “A Robè, mandò sei finita? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Puccia: Brava, semplicemente bello! Hai dato a me la parte che veramente mi compete [...]

  • Scrittrice imperfetta: Troppo carino.. E noi siamo i più bravi investigautori che si siano [...]

11
10
23

I miei natali in casa Meraviglia

14 December 2017

Ho quarantadue anni, una famiglia, una casa, e un’anima stropicciata.. una vita piena, intensa, incasinata.. A volte mi piace giocare e provo a guardare la mia esistenza dal di fuori.. provo ad essere estranea a me stessa, ed osservare ciò che gira intorno.. la mia vita mi piace. Ne amo le sfumature, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
14

La sveglia

14 December 2017

Ritornò in sè al suono della sirena. Era lì, in attesa del segnale per poter ricominciare a vivere e a respirare, dato che avevano finora trattenuto il respiro senza alcuna lamentela. Quelle note assordanti avevano finalmente prodotto in lui un risveglio da quel torpore che la notte gli aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Marianna Patti: Bello e scritto bene! Si potrebbe interpretare in vari modi...un risveglio [...]

Torna su