A parte gli animali più o meno velenosi, è piuttosto noioso dover stare sempre attenti a quel che succede alle nostre spalle. Ovvio che di notte non usciamo anche se abbiamo una vita sociale abbastanza vivace. Chi ha costruito questo villaggio voleva che la privacy degli abitanti fosse protetta ed hanno costruito un reticolo di tunnel da una casa all'altra in modo da poter uscire di notte senza essere visti e soprattutto protetti da intrusi pericolosi. Quindi organizziamo spesso feste e balliamo le vecchie musiche dei secoli passati. Federico che è un inventore straordinario, ha ripristinato la vecchia torre degli scienziati che per noi è un ottimo posto di osservazione notturna. Protetti dai vetri antisfondamento passiamo parecchie notti ad osservare streghe e vampiri e zombi che mangiano streghe. Da qualche tempo nella valle, sul greto del fiume che è quasi sempre in secca, passa un enorme verme di venti metri di diametro e lungo forse un chilometro. Poggia su un numero infinito di zampe posteriori e a volte si alza di qualche decina di metri mostrando le robuste braccia e delle 'mani' chiuse a pugno. La sua peculiarità è il canto. Canta con voce da soprano le arie delle opere liriche di centinaia e centinaia di anni fa. Sono talmente antiche che nessuno di noi le conosce ma sono piacevolissime. Una notte che siamo di guardia Federico ed io, lo vediamo arrivare. Si ferma sotto di noi alla base della collina e intona ''Un bel dì vedremo'' insistendo sulla frase che non capisco : mi fermerò sulla cima del colle. e la ripete varie volte. Forse è il suo modo per avvisarci di un pericolo. Non capiamo, ma appena spunta l'alba decido di mandare un drone ad esplorare intorno. Dopo pochi secondi le immagini arrivano sul monitor

<<Azz, uomini gatto a est>> lo grido quasi con paura.

<<A quanto sono, - chiede Fede - dobbiamo far rientrare tutti>>

Metto in funzione la sirena di pericolo e in meno di due minuti ogni abitante dei Gujet è chiuso in casa al sicuro, tranne gli uomini che quel giorno sono di guardia. Attiviamo tutte le difese e saliamo sulla torre per tenere tutto sotto controllo.

Arrivano prima del previsto. Sono una decina di individui a cavallo di mostri dagli occhi gialli e i denti a sciabola <<Dai Andrea, buttagli una bistecca che hanno fame>> Federico scherza, come sempre e gli rispondo <<Offriti volontario>> Ridendo sta preparando un lanciafiamme e lo posiziona sul treppiede nella terrazza. Loro si avvicinano, annusano l'aria e il filo spinato, forse sentono l'elettricità e si tengono a distanza di sicurezza. Annalisa e Serena sono al nostro fianco armate di fucile laser e sparano per prime. I gatti si sono accorti di noi ma le armi sono troppo vecchie e loro non sanno sparare, noi al contrario, siamo ottimi tiratori e al primo colpo di lanciafiamme ne buttiamo giù tre o quattro e i cavalli non perdono tempo e li sbranano o come si dice ''gli danno onorata sepoltura''. Spariamo ancora in meno di un'ora degli uomini gatto non rimangono nemmeno le tracce delle pellicce colorate. << Ho mandato fuori un drone con le telecamere ed ho già le prime immagini, guarda un po'>> Federico è eccitato e chiede a me che fare. Osservo il monitor e vedo un mare, un'onda anomala di pellicce colorate, gialle, blu, viola, rosse un caleidoscopio di colori, e un luccichio di armi obsolete, fucili, doppiette da caccia vecchie di almeno cinquecento anni, li per li mi viene un'idea <<Quanti droni abbiamo in attivo?>>

<< Circa un centinaio, facevano parte della ricerca scientifica. Ho fatto l'inventario il mese scorso, senza che me lo chiedi funzionano tutti perfettamente>> Ha risposto Serena

<<In deposito ci sono un migliaio di bombe piccole ma efficaci. Due per ogni drone dovrebbero bastare. Via al lavoro, non abbiamo molto tempo.>>

In breve i droni sono armati, partiti e dai monitor dell'osservatorio vediamo quando sganciano le bombe e i gatti che cadono a terra mentre i cavalli che restano vivi se li mangiano con piacere. Restano vivi pochi esemplari di uomo gatto, ma quello che pareva il capo, un mostro alto almeno due metri e mezzo con la pelliccia nera, è tra le fauci del suo cavallo, gli altri fuggono a gambe levate seguiti dai cavalli disarcionati. Cessato allarme, per oggi, la prossima volta affronteremo un altro pericolo. Sarà sempre così la nostra vita da ora in poi?

Penso al futuro, a noi che non avremo mai figli perché le radiazioni ci hanno resi sterili. La speranza sono i bambini. Cinquanta bambini a cui affidare la sopravvivenza della razza umana.

 

 

 

 

 

 

 

 

1
1
3

La valigia

19 October 2017

Devo preparare la valigia. Non so perché né cosa ci metterò. Sicuramente tutti i ricordi che mi terranno compagnia lungo la strada. Li poggero' sul fondo perché sopra stendero' i miei sogni . Senza non saprei vivere . Sogno di giorno per vivere di notte. Con te vicina. E lo spazio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
2

Il Dottor Supposton - 2/2

La giusta medicina

19 October 2017

Il grande Dottore Supposon e il suo fedele servitore, trovarono alloggio in una locanda dove, saputo che praticava l'arte medica, lo accolsero con grande sollecitudine <<Siete il benvenuto, Signore, sarà mia premura avvertire il ciambellano della vostra venuta. Il re accoglie tutti i dottori [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Supponevo che anche questa seconda parte mi sarebbe piaciuta tanto da mettere [...]

  • flavia: Grazie caro Scilyx, se mi riprenderò scriverò ancora di Supposton [...]

0
0
4

L'assassinio di una patatina - 2/2

19 October 2017

'Scusami, per caso hai visto qualcosa?" esordì il commissario. "Forse!" rispose sorridendo la bellissima patatina dalla corporatura longilinea ed appariscente. Si presentò come Dixi Sancarlos, una assidua frequentatrice del locale. "Cosa intedevi dire con quel forse?" "Forse ho visto qualcosa o [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

8
9
23

Le braccia

18 October 2017

Sono un castello di sabbia, che si sgretola al passaggio di un alito di vento. Sono la mano incerta che fa e disfa, in bilico tra l’equilibrio e l’assenza di un centro. Sono gelosa del mio tempo, eppure il tempo scivola via dalla mia mano tremante, ed i giorni scorrono veloci.. .. sono una casa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Scrittrice imperfetta: Vi ringrazio tutti di cuore.. La vostre parole mi sono di conforto

  • Surya: Bellissima poesia, intensissima. Non aggiungo altro, anzi si, ti abbraccio... [...]

6
8
19

Il Dottor Supposton - 1/2

La giusta medicina

18 October 2017

Il dottor Supposton, grande medico conosciuto in tutto l'universo e dintorni, insieme col suo aiutante Coi Cai Sig Ke mal, camminavano o meglio correvano sulla strada polverosa molto rapidamente per mettere più distanza possibile fra loro e la gente del villaggio lasciato in tutta fretta alle prime [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

9
13
23

L'assassinio di una patatina - 1/2

18 October 2017

C hi non conosce il simpatico spot su una nota marca di patatine interpretato dal grande Rocco Siffredi? Da questo spot, mi è venuta l'ispirazione per scrivere questa sorta di giallino un pò particolare pieno di citazioni 'patatinose'. Buona lettura e buon divertimento. [NdA] All'esterno del [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
9
27

La manovra di Valsalva - 3/3

17 October 2017

Intanto le ore trascorrevano con infinita lentezza e le prime luci dell’alba penetravano tra le feritoie delle persiane. Ero esausto, sull’orlo della follia. La viscida bestia seguitava nervosamente a strisciarmi sulle gambe, forse affamata e, a ogni mio minimo movimento, scuoteva la coda minacciosamente. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
13
25

Notte sul lago

il congresso dei gatti

17 October 2017

La luna piena rifletteva la sua facciona tonda sulle acque placide del lago. La notte era calda senza vento e quaranta quattro gatti in fila per sei col resto di due, passeggiavano sulla riva ghiaiosa. Si guardavano sospettosi, come gatti sospettosi, sotto i baffi dritti dritti. Stavano andando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mammola: Io ho due cani,ma sono una gattara in incognito
    Sempre brava Flavia

  • Puccia: Bello anche il ricordo dei "quarantaquattro gatti in fila per sei col [...]

9
15
26

Intervista con l'artista Salvador Dalì

La persistenza della memoria

17 October 2017

Io e Mario stamo seduti ar tavolino der bar mò telefonamo a Dalì sperando che ce risponne! -Pronto maestro? Sono Walter Fest stò quì ar bar e vorremmo parlà cò lei de n'opera sua, ce farebbe er piacere de facce compagnia? -Seguro, dateme er tempo de vestimme, state sempre ar solito bar? Ecchime [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Sempre bravo Walter e sempre mi piace tenere svegli i neuroni con il tuo dialetto.

  • Walter Fest: Grazie mille anche a Mammola e a Puccia... a breve un altro incontro speriamo [...]

10
17
36

Autunno

16 October 2017

Passeranno i giorni, gli anni... il tempo in ogni sua forma... ma l'unica cosa che poi ti resterà sempre,comunque e fortemente saranno i tuoi attimi,il tuo credo, quello per cui ti sei battuto, quello per cui non ti sei venduto, quello per cui non ti sei abbassato al livello degli altri... e questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
10
21

La manovra di Valsalva - 2/3

16 October 2017

Confesso che, in principio, credetti si trattasse di un paio di mutandine puzzolenti o un reggiseno marcito, dimenticati lì sbadatamente. La sera prima, infatti, mi ero portato in casa, per i miei notturni piaceri, il corpo morto e già mezzo putrefatto di un’incantevole ragazza. L’avevo spogliata [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

9
14
23

Quindici uomini...

sulla cassa del morto

16 October 2017

Estate del 1956, un gruppo di ragazzi esce dal bosco cantando con voce cavernosa, o perlomeno facevano di tutto perché risultasse tale. <<Quindici uomini, quindici uomini sulla cassa del morto, yohohoh, yohohoh, e una pinta di rum, e una pinta di rum...>> La vecchia canzone dei pirati [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su