A parte gli animali più o meno velenosi, è piuttosto noioso dover stare sempre attenti a quel che succede alle nostre spalle. Ovvio che di notte non usciamo anche se abbiamo una vita sociale abbastanza vivace. Chi ha costruito questo villaggio voleva che la privacy degli abitanti fosse protetta ed hanno costruito un reticolo di tunnel da una casa all'altra in modo da poter uscire di notte senza essere visti e soprattutto protetti da intrusi pericolosi. Quindi organizziamo spesso feste e balliamo le vecchie musiche dei secoli passati. Federico che è un inventore straordinario, ha ripristinato la vecchia torre degli scienziati che per noi è un ottimo posto di osservazione notturna. Protetti dai vetri antisfondamento passiamo parecchie notti ad osservare streghe e vampiri e zombi che mangiano streghe. Da qualche tempo nella valle, sul greto del fiume che è quasi sempre in secca, passa un enorme verme di venti metri di diametro e lungo forse un chilometro. Poggia su un numero infinito di zampe posteriori e a volte si alza di qualche decina di metri mostrando le robuste braccia e delle 'mani' chiuse a pugno. La sua peculiarità è il canto. Canta con voce da soprano le arie delle opere liriche di centinaia e centinaia di anni fa. Sono talmente antiche che nessuno di noi le conosce ma sono piacevolissime. Una notte che siamo di guardia Federico ed io, lo vediamo arrivare. Si ferma sotto di noi alla base della collina e intona ''Un bel dì vedremo'' insistendo sulla frase che non capisco : mi fermerò sulla cima del colle. e la ripete varie volte. Forse è il suo modo per avvisarci di un pericolo. Non capiamo, ma appena spunta l'alba decido di mandare un drone ad esplorare intorno. Dopo pochi secondi le immagini arrivano sul monitor

<<Azz, uomini gatto a est>> lo grido quasi con paura.

<<A quanto sono, - chiede Fede - dobbiamo far rientrare tutti>>

Metto in funzione la sirena di pericolo e in meno di due minuti ogni abitante dei Gujet è chiuso in casa al sicuro, tranne gli uomini che quel giorno sono di guardia. Attiviamo tutte le difese e saliamo sulla torre per tenere tutto sotto controllo.

Arrivano prima del previsto. Sono una decina di individui a cavallo di mostri dagli occhi gialli e i denti a sciabola <<Dai Andrea, buttagli una bistecca che hanno fame>> Federico scherza, come sempre e gli rispondo <<Offriti volontario>> Ridendo sta preparando un lanciafiamme e lo posiziona sul treppiede nella terrazza. Loro si avvicinano, annusano l'aria e il filo spinato, forse sentono l'elettricità e si tengono a distanza di sicurezza. Annalisa e Serena sono al nostro fianco armate di fucile laser e sparano per prime. I gatti si sono accorti di noi ma le armi sono troppo vecchie e loro non sanno sparare, noi al contrario, siamo ottimi tiratori e al primo colpo di lanciafiamme ne buttiamo giù tre o quattro e i cavalli non perdono tempo e li sbranano o come si dice ''gli danno onorata sepoltura''. Spariamo ancora in meno di un'ora degli uomini gatto non rimangono nemmeno le tracce delle pellicce colorate. << Ho mandato fuori un drone con le telecamere ed ho già le prime immagini, guarda un po'>> Federico è eccitato e chiede a me che fare. Osservo il monitor e vedo un mare, un'onda anomala di pellicce colorate, gialle, blu, viola, rosse un caleidoscopio di colori, e un luccichio di armi obsolete, fucili, doppiette da caccia vecchie di almeno cinquecento anni, li per li mi viene un'idea <<Quanti droni abbiamo in attivo?>>

<< Circa un centinaio, facevano parte della ricerca scientifica. Ho fatto l'inventario il mese scorso, senza che me lo chiedi funzionano tutti perfettamente>> Ha risposto Serena

<<In deposito ci sono un migliaio di bombe piccole ma efficaci. Due per ogni drone dovrebbero bastare. Via al lavoro, non abbiamo molto tempo.>>

In breve i droni sono armati, partiti e dai monitor dell'osservatorio vediamo quando sganciano le bombe e i gatti che cadono a terra mentre i cavalli che restano vivi se li mangiano con piacere. Restano vivi pochi esemplari di uomo gatto, ma quello che pareva il capo, un mostro alto almeno due metri e mezzo con la pelliccia nera, è tra le fauci del suo cavallo, gli altri fuggono a gambe levate seguiti dai cavalli disarcionati. Cessato allarme, per oggi, la prossima volta affronteremo un altro pericolo. Sarà sempre così la nostra vita da ora in poi?

Penso al futuro, a noi che non avremo mai figli perché le radiazioni ci hanno resi sterili. La speranza sono i bambini. Cinquanta bambini a cui affidare la sopravvivenza della razza umana.

 

 

 

 

 

 

 

 

1
1
6

In cerca di pace

lontano da Belfast

24 May 2018

Ci eravamo messi in cammino alle prime luci dell’alba, io e Brian, mio figlio di sei anni. Avevo dovuto mettere per forza uno zaino sulle spalle anche a lui, il nostro era un lungo cammino e la meta era incerta. Fuggivamo da una situazione che si stava facendo pericolosa, vivere a Belfast stava [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
9

Oroscopo Mentecatto 2

Non datemi retta sono mentecatto pure io

24 May 2018

Amici lettori di letturedametropolitana, eccoci al nuovo appuntamento con il nostro oroscopo mentecatto, svegliatevi bambini è Primavera, dite che piove sempre? Vabbè mica è colpa delle stelle! Dormite ancora con il piumone? Vedete il lato positivo, lì sotto possono farsi tante cose! Dite che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
8

Di spalle - 1/2

24 May 2018

«È tardi, Mario, lasciami andare». Si era buttata fuori dell’auto, aveva armeggiato con la serratura, per un attimo la luce aveva illuminato l’androne. Portava una maglia che le stava un po’ grande. Gli era rimasta impressa l’immagine delle sue spalle magre che sparivano dentro il portone. Le aveva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
11

Quando il cuore

24 May 2018

Quando il cuore emana forti emozioni in cui ogni attimo diviene eterna presenza l’anima respira profondi incantevoli percorsi che il tempo premurosamente dona.

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
12

Don Calogero u' Spadazzaru - 2/2

Le nuove Storie Americane

23 May 2018

Qualche giorno più tardi il corpo di Don Michele Lo Iacono fu trovato riverso in una pozza di sangue ne La Zagara con una pietra in bocca, un’esecuzione in pieno stile mafioso e il mandante era chiaro: Don Calabrese. Quando accadono cose di questo tipo esiste una sola legge: la Vendetta! Il Sangue [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
4
39

Riconoscersi

23 May 2018

Si erano conosciuti su una chat room prima ancora dell’avvento di Facebook. Lui era Micky79 e lei Lucy82, si erano scritti per mesi e mesi. Sapevano tantissime cose dell’altro, ma non conoscevano i rispettivi nomi, le rispettive città, se erano sposati, fidanzati o altro. Conoscevano però le rispettive [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adamo Stuardi: Dannatamente forte. E pure ben scritto.

  • Piero: Viva la realtà virtuale e le coincidenze incredibili e l'immaginazione. [...]

5
7
28

Il sogno erotico di un alieno

23 May 2018

Ho visto l'astronave planare tra i tuoi vestiti e venir giù, kamikaze dell'ultima ora, a espugnare fortezze da B. Runner, mentre sognavo di essere tra folti boschi di querce secolari ed elfi atavici di favole inglesi. Ma sì, dopotutto è un dopoguerra accertato ogni volta, quando si placano gli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Un bel lavoro 5

23 May 2018

Il momento più noioso del mio lavoro di informatore medico scientifico era l’attesa nelle sale d’aspetto degli studi medici. Vero è che eravamo facilitati da una regola, non scritta, che ci garantiva (non in tutti gli studi medici però) di entrare dal medico ogni due pazienti, nonostante ciò le [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
17

Andrew & C.

la sfida

22 May 2018

Andrew e Carol si erano conosciuti a un convegno degli scout organizzato dalla locale associazione religiosa. Il presidente, il reverendo Allison, aveva relazionato sull’importanza che ricopriva lo scoutismo per il recupero di giovani sbandati e disagiati. Restare a stretto contatto con l’associazione [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
7
15

Don Calogero u' Spadazzaru - 1/2

Le nuove Storie Americane

22 May 2018

Le storie di Mafia e di mafiosi si assomigliano quasi tutte, questo il Don lo sapeva bene, eppure era convinto che la sua fosse speciale, diversa dalle solite, forse perché era stato lui a viverla in prima persona. La Sicilia in cui era cresciuto non era come sempre viene descritta nei film, nei [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
19

Il luminare

22 May 2018

Il dottore entrò nella stanza e trovò i due fratelli seduti sul letto ad attenderlo. «Buongiorno signori. Eccoli qui, i miei M&M's!» Rideva ogni volta alla sua stessa battuta e loro, per educazione, ridevano con lui. «La vedo in ottima forma, Marco. Matteo invece lo vorremmo nostro ospite ancora [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
3
12

Una ciliegia tira l'altra

22 May 2018

Era così ovvio che un pianeta tanto bello come è la Terra, prima o dopo, avrebbe attirato l'attenzione di specie meno fortunate e bisognose di nuovi territori da colonizzare. Specie che furono avvantaggiate dalla convinzione, diffusa tra gli umani, di essere al centro di un universo, il quale, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su