A parte gli animali più o meno velenosi, è piuttosto noioso dover stare sempre attenti a quel che succede alle nostre spalle. Ovvio che di notte non usciamo anche se abbiamo una vita sociale abbastanza vivace. Chi ha costruito questo villaggio voleva che la privacy degli abitanti fosse protetta ed hanno costruito un reticolo di tunnel da una casa all'altra in modo da poter uscire di notte senza essere visti e soprattutto protetti da intrusi pericolosi. Quindi organizziamo spesso feste e balliamo le vecchie musiche dei secoli passati. Federico che è un inventore straordinario, ha ripristinato la vecchia torre degli scienziati che per noi è un ottimo posto di osservazione notturna. Protetti dai vetri antisfondamento passiamo parecchie notti ad osservare streghe e vampiri e zombi che mangiano streghe. Da qualche tempo nella valle, sul greto del fiume che è quasi sempre in secca, passa un enorme verme di venti metri di diametro e lungo forse un chilometro. Poggia su un numero infinito di zampe posteriori e a volte si alza di qualche decina di metri mostrando le robuste braccia e delle 'mani' chiuse a pugno. La sua peculiarità è il canto. Canta con voce da soprano le arie delle opere liriche di centinaia e centinaia di anni fa. Sono talmente antiche che nessuno di noi le conosce ma sono piacevolissime. Una notte che siamo di guardia Federico ed io, lo vediamo arrivare. Si ferma sotto di noi alla base della collina e intona ''Un bel dì vedremo'' insistendo sulla frase che non capisco : mi fermerò sulla cima del colle. e la ripete varie volte. Forse è il suo modo per avvisarci di un pericolo. Non capiamo, ma appena spunta l'alba decido di mandare un drone ad esplorare intorno. Dopo pochi secondi le immagini arrivano sul monitor

<<Azz, uomini gatto a est>> lo grido quasi con paura.

<<A quanto sono, - chiede Fede - dobbiamo far rientrare tutti>>

Metto in funzione la sirena di pericolo e in meno di due minuti ogni abitante dei Gujet è chiuso in casa al sicuro, tranne gli uomini che quel giorno sono di guardia. Attiviamo tutte le difese e saliamo sulla torre per tenere tutto sotto controllo.

Arrivano prima del previsto. Sono una decina di individui a cavallo di mostri dagli occhi gialli e i denti a sciabola <<Dai Andrea, buttagli una bistecca che hanno fame>> Federico scherza, come sempre e gli rispondo <<Offriti volontario>> Ridendo sta preparando un lanciafiamme e lo posiziona sul treppiede nella terrazza. Loro si avvicinano, annusano l'aria e il filo spinato, forse sentono l'elettricità e si tengono a distanza di sicurezza. Annalisa e Serena sono al nostro fianco armate di fucile laser e sparano per prime. I gatti si sono accorti di noi ma le armi sono troppo vecchie e loro non sanno sparare, noi al contrario, siamo ottimi tiratori e al primo colpo di lanciafiamme ne buttiamo giù tre o quattro e i cavalli non perdono tempo e li sbranano o come si dice ''gli danno onorata sepoltura''. Spariamo ancora in meno di un'ora degli uomini gatto non rimangono nemmeno le tracce delle pellicce colorate. << Ho mandato fuori un drone con le telecamere ed ho già le prime immagini, guarda un po'>> Federico è eccitato e chiede a me che fare. Osservo il monitor e vedo un mare, un'onda anomala di pellicce colorate, gialle, blu, viola, rosse un caleidoscopio di colori, e un luccichio di armi obsolete, fucili, doppiette da caccia vecchie di almeno cinquecento anni, li per li mi viene un'idea <<Quanti droni abbiamo in attivo?>>

<< Circa un centinaio, facevano parte della ricerca scientifica. Ho fatto l'inventario il mese scorso, senza che me lo chiedi funzionano tutti perfettamente>> Ha risposto Serena

<<In deposito ci sono un migliaio di bombe piccole ma efficaci. Due per ogni drone dovrebbero bastare. Via al lavoro, non abbiamo molto tempo.>>

In breve i droni sono armati, partiti e dai monitor dell'osservatorio vediamo quando sganciano le bombe e i gatti che cadono a terra mentre i cavalli che restano vivi se li mangiano con piacere. Restano vivi pochi esemplari di uomo gatto, ma quello che pareva il capo, un mostro alto almeno due metri e mezzo con la pelliccia nera, è tra le fauci del suo cavallo, gli altri fuggono a gambe levate seguiti dai cavalli disarcionati. Cessato allarme, per oggi, la prossima volta affronteremo un altro pericolo. Sarà sempre così la nostra vita da ora in poi?

Penso al futuro, a noi che non avremo mai figli perché le radiazioni ci hanno resi sterili. La speranza sono i bambini. Cinquanta bambini a cui affidare la sopravvivenza della razza umana.

 

 

 

 

 

 

 

 

0
0
2

Arrivano i guai - 2/3

The day after the war

20 August 2017

I turni stabiliti e i volontari, entusiasti, furono più del previsto, e la vita proseguì come di consueto tra difesa e attacco. I vampiri erano spariti e gli zombie li avevano sterminati tutti quelli in fondo alla valle. Anche le lucertole volanti parevano diminuite. Secondo Micaela ciò era dovuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
2

Er professore m'ha bocciato

Scene di ordinaria quotidianità

20 August 2017

Sò oramai passate le sei der pomeriggio fà n'callo da paura, li cambiamenti climatici sò diventati na realtà, io mò dovrei portà a spasso er cane e semo onesti nun me và e nimmanco a lui poveraccio, ma faccio no sforzo, me metto le ciavatte, pjo na boccia d'acqua metto er guinzajo a Pippo e se [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
14
18

Arrivano i guai - 1/3

The day after the war

19 August 2017

Andrea chiamò a raccolta i suoi aiutanti per fare il punto della situazione. Federico e Luisanna erano già sul posto, Patrick, al lavoro sui campi e Annalisa a scuola, arrivarono dopo qualche minuto. La sala riunioni si trovava al primo piano di una delle casette appartenute agli scienziati e chiamato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia, ma certo che non cadi nel banale! Il paragone è solo un vago [...]

  • flavia: Bibbi prova ad indovinare o leggi domani quel che succede.
    Caro Scilyx [...]

4
5
19

Non capita mai

19 August 2017

Portiere di notte, vuoi vedere che si rimedia? Da due mesi lavoro qui e non si rimedia un bel niente. Gli ospiti arrivano, un paio di saluti, gli consegni la chiave, gli prepari qualcosa al bar, due parole e non li rivedi più. Ieri sera, arrivo in hotel e il mio capo sta servendo da bere allo spagnolo. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Bibbi: Bellissimo!! Ti prende questo racconto fichissimo !! Brava super 😎🔝🔝💋

  • Vocestruggente: Siete troppo buoni. Questo lavoro è meraviglioso.

3
1
10

Il pescatore di Mazara del Vallo

18 August 2017

Raffaele era partito con il suo motopeschereccio il venerdì notte. Lui ed i suoi marinari avevano preparato per tutta la giornata le reti, rammendandole e riparando ogni strappo, verificatosi nella battuta di pesca precedente. C'era freddo anche se la notte era stellata. Pertanto indossò il suo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Questo piccolo raccontino mi ha stretto il cuore in una morsa. E poi ben scritto...la [...]

9
11
36

Call center - 2/2

Al pub

18 August 2017

Entriamo nel pub poco affollato, i nottambuli per fortuna stanno ancora decidendo il da farsi «Ecco, lui è Ivan, colui che ti ha incantata per la pulizia di casa nostra» Lo guarda interessata, lui ancora non ci ha visti, sta preparando un qualcosa di alcolico, si volta «Marietto, sono contento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
3
23

Sarà perfetto

17 August 2017

Chissà come sarebbe stato Ma oggi è Domenica E tu non ci sei Entro nella doccia E afferro il ricordo Di te Nudo sempre Di fronte al mio volto. E la notte dormire Dopo aver fatto l’amore Sentirti russare E non smettere mai Mi hai detto: “Amore, potrà sembrarti strano Ma sopportare A volte È il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
12
32

Call center - 1/2

Milano, vicino l’Europa

17 August 2017

«Prego, siete i benvenuti in casa mia» I tre colleghi di Mario, Pino, Barbara e Marzia, cercano un piano d’appoggio ed entrano con pizza e bibite varie nell’ appartamentino a via del Caravaggio, sopra al Ruby’s bar Barbara, quella delle ragazze che sembra la più estroversa, è la prima che si [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
7

Oh, poffarbacco!

16 August 2017

Pimpante come un pupazzo di pezza , vestito di pizzo, che va pazzo per la pizza a pezzi, mi presentai ad un provino per la parte di Ponzio Pilato, in un film girato a Pompei tra piantagioni di poponi, papaya del Parana' e peperoni del Perù. Purtroppo persi il portafoglio dove tenevo gli autografi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

La ricotta

Delizie della pasticceria siciliana

16 August 2017

Uno degli ingredienti della cucina agro-pastorale siciliana è la ricotta, il prodotto della lavorazione del latte caprino, ovino e bovino. Un pentolone che bolle ed una manciata di caglio, prelevato dalle budella degli animali scannati, produce l’agglomerazione e la formazione di ricotta e mozzarelle, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
28

Viaggio Fantasy P 2/2

Molto diverso!

15 August 2017

Mentre i miei compagni di viaggio se ne vanno prendendo due direzioni diverse, mi rendo conto di due cose, nel posto convivono molteplici razze che hanno scritture differenti, ma mentre le insegne dei negozi sono e rimangono incomprensibili, la lingua sembra essere una sola, forse diventata comune [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
16

La notte dei desideri

stelle cadenti

15 August 2017

Notte di stelle cadenti notte dei desideri, e lacrime filanti. Corriamo nel buio della notte su prati verdi sconosciuti di montagne alte fino al cielo. Corriamo su spiagge calde, deserte. Corriamo incontro all'amore. Ogni stella caduta un desiderio espresso mai avverato. Se tu sei con me ogni [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Penso che tu sia una persona sensibile e romantica al contrario di quanto dici, [...]

  • flavia: Grazie Surya tengo sempRe ben nascosto il lato romantico
    lasciarsi andare [...]

Torna su