La voce che trasmetteva dagli altoparlanti della stazione annunciò il binario dove sarebbe arrivata la sua freccia. Quella voce non gli era mai piaciuta. Troppo simile a quella di un uomo, troppo robotica per esserlo davvero. Era un inganno. Qualche volta riusciva a non sentirla ascoltando musica con le cuffiette ma significava rimanere impalato davanti al tabellone centrale ad aspettare che venisse aggiornato, ed era molto noioso. Quindi la maggior parte delle volte era costretto a sentirla. Come questa volta. Stavolta l’annuncio lo sorprese mentre dava un’occhiata ai dvd. Fosse stato per lui avrebbe comprato milioni di film in dvd per poi chiudersi in casa e guardarli uno dopo l’altro senza nessuno che lo scocciasse. Non amava particolarmente parlare con le persone, per questo quando viaggiava teneva sempre le cuffiette, perché la gente pensasse che ascoltava musica. Le persone molto di rado attaccano bottone con qualcuno che legge o che ascolta musica. Quindi lui usava questo espediente sempre, anche quando da quelle cuffiette non usciva un bel niente. Con questo metodo aveva anche ascoltato, o per meglio dire origliato, molte conversazioni private. Era sempre stato un osservatore molto attento e sapeva già solo guardandola gesticolare da lontano se una persona stava avendo una discussione interessante. Non amava parlarci con le persone ma lo affascinavano. Cominciò a dirigersi verso l’uscita del negozio sempre con le cuffiette nelle orecchie e il suo inseparabile zaino nero della Seven. Quello zaino aveva più di quindici anni e quindi era stato con lui anche dall’inizio dei suoi viaggi e dei suoi controlli periodici. Aveva trasportato di tutto, una volta anche della refurtiva di una bravata dei suoi amici delle superiori, i quali avevano ritenuto saggio usarlo a sua insaputa per nascondere snack, cioccolata e patatine varie di un supermercato. Tutto questo mentre era sulle sue spalle. Quella giornata finì con due ore di attesa nella saletta della sicurezza del supermercato aspettando suo padre che venisse a prenderlo, e con una sfuriata della madre appena rientrato a casa. Sorrise al pensiero di quel ricordo. Adesso quello zaino trasportava qualcosa di più serio.

Lui non aveva mai parlato molto. Quando era piccolo il pediatra la riteneva timidezza. Crescendo era diventata per i medici “disturbo di ansia sociale”. Ecco cosa c’era nello zaino, il suo bel “certificato” di fobia sociale. Dopo l’ennesimo controllo e l’ennesima chiacchierata con uno dei tanti professoroni di turno. La diagnosi era sempre la stessa: “Paura marcata e persistente nell’affrontare molte situazioni sociali o prestazionali, nell’interazione con gli altri o anche semplicemente nell’essere osservati in qualche situazione. Il paziente tende a isolarsi socialmente e adotta un comportamento di evitamento tipico delle sindromi fobiche.” Una stretta di mano, uno sguardo consolatorio alla “ce la puoi fare campione” e si ritornava a casa. Ecco perché da quando aveva potuto, aveva cominciato ad andarci da solo da questi luminari della medicina e della psicologia, per evitare alla madre sempre la stessa delusione. Lui d’altro canto era perfettamente consapevole della sua fobia, anzi ormai si può dire che l’avesse abbracciata. Non si sentiva solo, aveva molti amici. Alcuni solo immaginari, altri li aveva creati sulla carta, disegnandoli o scrivendo le loro storie. Prendeva spunto anche dalle persone che osservava senza essere visto. Sorrise al pensiero del mondo che aveva nella testa e a sua madre che lo riteneva un solitario. La voce dell’uomo-robot scandì di nuovo il binario dove sarebbe arrivato il suo treno. Ora che sapeva dove dirigersi e già sapendo la carrozza e il posto, Carrozza 7 posto 22/c, pensò, poteva davvero mettere un po' di musica che lo accompagnasse. Mentre camminava veloce per arrivare al binario e prendeva dalla tasca il cellulare, sentì una forte spinta sul torace che lo fece indietreggiare di due o tre passi e, cosa più importante, gli fece sbalzare via il cellulare di mano. Capì che si era scontrato con qualcuno che però al contrario di lui era caduto sul pavimento. Ben ti sta, pensò. Dal pavimento però si alzò una ragazza. Bellissima. Capelli rossi, occhiali neri con la montatura spessa ma di un modello sottile. Occhi scuri e qualche lentiggine. Se ne innamorò all’istante.

3
4
8

Don Saverio

29 June 2017

Don Saverio era un tipo abitudinario; raggiunti in piena salute i 70 anni dopo una vita di duro lavoro (era stato il falegname del paese) adesso che della bottega si occupava principalmente suo figlio si godeva la pensione. Gli piaceva stare all’ombra della grande quercia che domina la piazza [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • mammola: Non mi aspettavo proprio la battuta finale e la lettura di questo racconto [...]

  • Roberta21: Don Saverio...che tipo 😊un racconto veramente gradevole

6
10
15

Rapporti Bergmaniani tra vampiri - 2/2

29 June 2017

<<Che significa? Potrà solamente uccidermi per avermi, se ne accorgerà!>> Si mette dietro di me, sento qualcosa di duro spingere sulle natiche, è eccitato il porco! Devo rimanere calma, aspetto che provi a togliermi i jeans, non sarà facile per lui, sono strettissimi, appena ci prova [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
1
4

Felice

29 June 2017

Non si era mai allontanato dalla piazza e continuava a stare lì, seduto sulla panchina, vicino ad un bar, appoggiato alla fontana, cercando di ricevere gli spruzzi freschi dell'acqua sulla faccia, con gli occhi sgranati per vedere la gente e la vita. Provava un senso di emozione quando la gente [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
4
12

Lucia - 4/4

28 June 2017

Partiti! Un colpo di pistola aveva dato il via alla gara. Circa venti uomini, i più abili nuotatori del mondo, erano in acqua. Dopo poche bracciate, i campioni erano già lontani, apparivano e scomparivano fra le onde come delfini. Dietro di loro le barche appoggio e ancora più dietro i motoscafi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Bello, ogni giorno abbiamo delle sfide ed ogni giorno dobbiamo impegnarci a [...]

  • Puccia: Sto leggendo i tuoi racconti più vecchi, ne avevo persi alcuni, sempre [...]

8
11
23

Rapporti Bergmaniani tra vampiri - 1/2

28 June 2017

Capitolo 1 - Scene da un matrimonio Un prato, bambini che giocano, caldo, un sole cocente mi pervade, un tuffo nel laghetto ci vuole… questo punto è profondo, mi sento male, non respiro, annaspo, cerco di portare la testa fuori! Non ci riesco! MUOIO!!!!!! Mi alzo e sbatto la testa, era solo un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

5
15
25

La cuoca

Spaghetti al burro

28 June 2017

Sono la cuoca nella casa di un ricco industriale svizzero, viviamo in una splendida villa nella parte collinare della zona residenziale di Locarno. Dalla terrazza si vede il lago e un panorama stupendo. La signora è originaria di Berna, una bellissima donna giovane magra e alta, lui è altrettanto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
11

Lucia - 3/4

27 June 2017

Non si aspettava di trovare il padre in casa a quell’ora di mattina. Rimase interdetta, non aveva mai mentito al padre e ora si sentiva a disagio non sapendo come cavarsela. Rispose titubante cercando di dissimulare il suo imbarazzo. <<Ciao papà, niente di particolare, vado in piscina per [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
11
22

Basta poco per ridere... mentre lassù qualcuno ci ama

Metteremo due posti a tavola in più

27 June 2017

La colazione al bar più smandruppato, più scalcinato, più bettoloso del luogo era una gran bella scena. I nostri due eroi, nati negli anni '40, erano seduti al tavolo la cui base era praticamente un vecchio fusto del lubrificante sul quale poggiava come tavola la metà di un cartello pubblicitario [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Flà non ci sarà nessun bebè....boh?chi sà che succederà?

  • mammola: Altro bel racconto smandruppato
    Bravo Walter ;-D

4
2
12

La scomparsa di calzino

27 June 2017

Al suo risveglio Michael fu colpito da un immenso dolore. Mentre cercava di prendere sotto il letto uno dei calzini che abitualmente amava più degli altri, trovò solo un cartiglio, un piccolo messaggio scritto con una grafia ancora infantile: Addio, vado via con il mio amore! Subito i suoi pensieri [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Questo racconto 'calza' proprio a pennello con il sottoscritto in quanto [...]

  • flavia: molto divertente, ho il problema dei calzini spaiati che entrano in due nella [...]

2
2
13

Lucia - 2/4

26 June 2017

Era un'emozione non da poco vedere spuntare fra le onde quelle piccole teste umane, sembravano dei granelli polvere in quella vastità d'acqua eppure erano in grado di vincere le avversità e le insidie che il mare proponeva loro come sfida. Letto il cartello stava per ritornare a casa, quando d’improvviso [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

5
6
19

Penombra

Darwinismo estremo

26 June 2017

"Mia cugina cerca un portiere per la notte, ti può interessare?". Ma sì... sì, chiamala, sono stufa di cercare un impiego, ché tanto non ce n'è, per finire poi in un altro ufficio polveroso e pieno di serpenti... Dai, chiamala e vado a farci due chiacchiere. Mica ci credevo, pensavo che non mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
9

L'ipocondriaco

26 June 2017

Aveva sperperato tutti i suoi averi per pagare i migliori professionisti. Check-up completi, visite in ogni reparto ospedaliero e presso lo studio privato del medico di turno, dall'oculista al neurologo, dall'internista al cardiologo. Era giunto al punto che aveva sospettato di essere incinto, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su