La voce che trasmetteva dagli altoparlanti della stazione annunciò il binario dove sarebbe arrivata la sua freccia. Quella voce non gli era mai piaciuta. Troppo simile a quella di un uomo, troppo robotica per esserlo davvero. Era un inganno. Qualche volta riusciva a non sentirla ascoltando musica con le cuffiette ma significava rimanere impalato davanti al tabellone centrale ad aspettare che venisse aggiornato, ed era molto noioso. Quindi la maggior parte delle volte era costretto a sentirla. Come questa volta. Stavolta l’annuncio lo sorprese mentre dava un’occhiata ai dvd. Fosse stato per lui avrebbe comprato milioni di film in dvd per poi chiudersi in casa e guardarli uno dopo l’altro senza nessuno che lo scocciasse. Non amava particolarmente parlare con le persone, per questo quando viaggiava teneva sempre le cuffiette, perché la gente pensasse che ascoltava musica. Le persone molto di rado attaccano bottone con qualcuno che legge o che ascolta musica. Quindi lui usava questo espediente sempre, anche quando da quelle cuffiette non usciva un bel niente. Con questo metodo aveva anche ascoltato, o per meglio dire origliato, molte conversazioni private. Era sempre stato un osservatore molto attento e sapeva già solo guardandola gesticolare da lontano se una persona stava avendo una discussione interessante. Non amava parlarci con le persone ma lo affascinavano. Cominciò a dirigersi verso l’uscita del negozio sempre con le cuffiette nelle orecchie e il suo inseparabile zaino nero della Seven. Quello zaino aveva più di quindici anni e quindi era stato con lui anche dall’inizio dei suoi viaggi e dei suoi controlli periodici. Aveva trasportato di tutto, una volta anche della refurtiva di una bravata dei suoi amici delle superiori, i quali avevano ritenuto saggio usarlo a sua insaputa per nascondere snack, cioccolata e patatine varie di un supermercato. Tutto questo mentre era sulle sue spalle. Quella giornata finì con due ore di attesa nella saletta della sicurezza del supermercato aspettando suo padre che venisse a prenderlo, e con una sfuriata della madre appena rientrato a casa. Sorrise al pensiero di quel ricordo. Adesso quello zaino trasportava qualcosa di più serio.

Lui non aveva mai parlato molto. Quando era piccolo il pediatra la riteneva timidezza. Crescendo era diventata per i medici “disturbo di ansia sociale”. Ecco cosa c’era nello zaino, il suo bel “certificato” di fobia sociale. Dopo l’ennesimo controllo e l’ennesima chiacchierata con uno dei tanti professoroni di turno. La diagnosi era sempre la stessa: “Paura marcata e persistente nell’affrontare molte situazioni sociali o prestazionali, nell’interazione con gli altri o anche semplicemente nell’essere osservati in qualche situazione. Il paziente tende a isolarsi socialmente e adotta un comportamento di evitamento tipico delle sindromi fobiche.” Una stretta di mano, uno sguardo consolatorio alla “ce la puoi fare campione” e si ritornava a casa. Ecco perché da quando aveva potuto, aveva cominciato ad andarci da solo da questi luminari della medicina e della psicologia, per evitare alla madre sempre la stessa delusione. Lui d’altro canto era perfettamente consapevole della sua fobia, anzi ormai si può dire che l’avesse abbracciata. Non si sentiva solo, aveva molti amici. Alcuni solo immaginari, altri li aveva creati sulla carta, disegnandoli o scrivendo le loro storie. Prendeva spunto anche dalle persone che osservava senza essere visto. Sorrise al pensiero del mondo che aveva nella testa e a sua madre che lo riteneva un solitario. La voce dell’uomo-robot scandì di nuovo il binario dove sarebbe arrivato il suo treno. Ora che sapeva dove dirigersi e già sapendo la carrozza e il posto, Carrozza 7 posto 22/c, pensò, poteva davvero mettere un po' di musica che lo accompagnasse. Mentre camminava veloce per arrivare al binario e prendeva dalla tasca il cellulare, sentì una forte spinta sul torace che lo fece indietreggiare di due o tre passi e, cosa più importante, gli fece sbalzare via il cellulare di mano. Capì che si era scontrato con qualcuno che però al contrario di lui era caduto sul pavimento. Ben ti sta, pensò. Dal pavimento però si alzò una ragazza. Bellissima. Capelli rossi, occhiali neri con la montatura spessa ma di un modello sottile. Occhi scuri e qualche lentiggine. Se ne innamorò all’istante.

1
1
6

In cerca di pace

lontano da Belfast

24 May 2018

Ci eravamo messi in cammino alle prime luci dell’alba, io e Brian, mio figlio di sei anni. Avevo dovuto mettere per forza uno zaino sulle spalle anche a lui, il nostro era un lungo cammino e la meta era incerta. Fuggivamo da una situazione che si stava facendo pericolosa, vivere a Belfast stava [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
9

Oroscopo Mentecatto 2

Non datemi retta sono mentecatto pure io

24 May 2018

Amici lettori di letturedametropolitana, eccoci al nuovo appuntamento con il nostro oroscopo mentecatto, svegliatevi bambini è Primavera, dite che piove sempre? Vabbè mica è colpa delle stelle! Dormite ancora con il piumone? Vedete il lato positivo, lì sotto possono farsi tante cose! Dite che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
8

Di spalle - 1/2

24 May 2018

«È tardi, Mario, lasciami andare». Si era buttata fuori dell’auto, aveva armeggiato con la serratura, per un attimo la luce aveva illuminato l’androne. Portava una maglia che le stava un po’ grande. Gli era rimasta impressa l’immagine delle sue spalle magre che sparivano dentro il portone. Le aveva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
11

Quando il cuore

24 May 2018

Quando il cuore emana forti emozioni in cui ogni attimo diviene eterna presenza l’anima respira profondi incantevoli percorsi che il tempo premurosamente dona.

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
12

Don Calogero u' Spadazzaru - 2/2

Le nuove Storie Americane

23 May 2018

Qualche giorno più tardi il corpo di Don Michele Lo Iacono fu trovato riverso in una pozza di sangue ne La Zagara con una pietra in bocca, un’esecuzione in pieno stile mafioso e il mandante era chiaro: Don Calabrese. Quando accadono cose di questo tipo esiste una sola legge: la Vendetta! Il Sangue [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
4
39

Riconoscersi

23 May 2018

Si erano conosciuti su una chat room prima ancora dell’avvento di Facebook. Lui era Micky79 e lei Lucy82, si erano scritti per mesi e mesi. Sapevano tantissime cose dell’altro, ma non conoscevano i rispettivi nomi, le rispettive città, se erano sposati, fidanzati o altro. Conoscevano però le rispettive [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adamo Stuardi: Dannatamente forte. E pure ben scritto.

  • Piero: Viva la realtà virtuale e le coincidenze incredibili e l'immaginazione. [...]

5
7
28

Il sogno erotico di un alieno

23 May 2018

Ho visto l'astronave planare tra i tuoi vestiti e venir giù, kamikaze dell'ultima ora, a espugnare fortezze da B. Runner, mentre sognavo di essere tra folti boschi di querce secolari ed elfi atavici di favole inglesi. Ma sì, dopotutto è un dopoguerra accertato ogni volta, quando si placano gli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Un bel lavoro 5

23 May 2018

Il momento più noioso del mio lavoro di informatore medico scientifico era l’attesa nelle sale d’aspetto degli studi medici. Vero è che eravamo facilitati da una regola, non scritta, che ci garantiva (non in tutti gli studi medici però) di entrare dal medico ogni due pazienti, nonostante ciò le [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
17

Andrew & C.

la sfida

22 May 2018

Andrew e Carol si erano conosciuti a un convegno degli scout organizzato dalla locale associazione religiosa. Il presidente, il reverendo Allison, aveva relazionato sull’importanza che ricopriva lo scoutismo per il recupero di giovani sbandati e disagiati. Restare a stretto contatto con l’associazione [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
7
15

Don Calogero u' Spadazzaru - 1/2

Le nuove Storie Americane

22 May 2018

Le storie di Mafia e di mafiosi si assomigliano quasi tutte, questo il Don lo sapeva bene, eppure era convinto che la sua fosse speciale, diversa dalle solite, forse perché era stato lui a viverla in prima persona. La Sicilia in cui era cresciuto non era come sempre viene descritta nei film, nei [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
19

Il luminare

22 May 2018

Il dottore entrò nella stanza e trovò i due fratelli seduti sul letto ad attenderlo. «Buongiorno signori. Eccoli qui, i miei M&M's!» Rideva ogni volta alla sua stessa battuta e loro, per educazione, ridevano con lui. «La vedo in ottima forma, Marco. Matteo invece lo vorremmo nostro ospite ancora [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
3
12

Una ciliegia tira l'altra

22 May 2018

Era così ovvio che un pianeta tanto bello come è la Terra, prima o dopo, avrebbe attirato l'attenzione di specie meno fortunate e bisognose di nuovi territori da colonizzare. Specie che furono avvantaggiate dalla convinzione, diffusa tra gli umani, di essere al centro di un universo, il quale, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su