La voce che trasmetteva dagli altoparlanti della stazione annunciò il binario dove sarebbe arrivata la sua freccia. Quella voce non gli era mai piaciuta. Troppo simile a quella di un uomo, troppo robotica per esserlo davvero. Era un inganno. Qualche volta riusciva a non sentirla ascoltando musica con le cuffiette ma significava rimanere impalato davanti al tabellone centrale ad aspettare che venisse aggiornato, ed era molto noioso. Quindi la maggior parte delle volte era costretto a sentirla. Come questa volta. Stavolta l’annuncio lo sorprese mentre dava un’occhiata ai dvd. Fosse stato per lui avrebbe comprato milioni di film in dvd per poi chiudersi in casa e guardarli uno dopo l’altro senza nessuno che lo scocciasse. Non amava particolarmente parlare con le persone, per questo quando viaggiava teneva sempre le cuffiette, perché la gente pensasse che ascoltava musica. Le persone molto di rado attaccano bottone con qualcuno che legge o che ascolta musica. Quindi lui usava questo espediente sempre, anche quando da quelle cuffiette non usciva un bel niente. Con questo metodo aveva anche ascoltato, o per meglio dire origliato, molte conversazioni private. Era sempre stato un osservatore molto attento e sapeva già solo guardandola gesticolare da lontano se una persona stava avendo una discussione interessante. Non amava parlarci con le persone ma lo affascinavano. Cominciò a dirigersi verso l’uscita del negozio sempre con le cuffiette nelle orecchie e il suo inseparabile zaino nero della Seven. Quello zaino aveva più di quindici anni e quindi era stato con lui anche dall’inizio dei suoi viaggi e dei suoi controlli periodici. Aveva trasportato di tutto, una volta anche della refurtiva di una bravata dei suoi amici delle superiori, i quali avevano ritenuto saggio usarlo a sua insaputa per nascondere snack, cioccolata e patatine varie di un supermercato. Tutto questo mentre era sulle sue spalle. Quella giornata finì con due ore di attesa nella saletta della sicurezza del supermercato aspettando suo padre che venisse a prenderlo, e con una sfuriata della madre appena rientrato a casa. Sorrise al pensiero di quel ricordo. Adesso quello zaino trasportava qualcosa di più serio.

Lui non aveva mai parlato molto. Quando era piccolo il pediatra la riteneva timidezza. Crescendo era diventata per i medici “disturbo di ansia sociale”. Ecco cosa c’era nello zaino, il suo bel “certificato” di fobia sociale. Dopo l’ennesimo controllo e l’ennesima chiacchierata con uno dei tanti professoroni di turno. La diagnosi era sempre la stessa: “Paura marcata e persistente nell’affrontare molte situazioni sociali o prestazionali, nell’interazione con gli altri o anche semplicemente nell’essere osservati in qualche situazione. Il paziente tende a isolarsi socialmente e adotta un comportamento di evitamento tipico delle sindromi fobiche.” Una stretta di mano, uno sguardo consolatorio alla “ce la puoi fare campione” e si ritornava a casa. Ecco perché da quando aveva potuto, aveva cominciato ad andarci da solo da questi luminari della medicina e della psicologia, per evitare alla madre sempre la stessa delusione. Lui d’altro canto era perfettamente consapevole della sua fobia, anzi ormai si può dire che l’avesse abbracciata. Non si sentiva solo, aveva molti amici. Alcuni solo immaginari, altri li aveva creati sulla carta, disegnandoli o scrivendo le loro storie. Prendeva spunto anche dalle persone che osservava senza essere visto. Sorrise al pensiero del mondo che aveva nella testa e a sua madre che lo riteneva un solitario. La voce dell’uomo-robot scandì di nuovo il binario dove sarebbe arrivato il suo treno. Ora che sapeva dove dirigersi e già sapendo la carrozza e il posto, Carrozza 7 posto 22/c, pensò, poteva davvero mettere un po' di musica che lo accompagnasse. Mentre camminava veloce per arrivare al binario e prendeva dalla tasca il cellulare, sentì una forte spinta sul torace che lo fece indietreggiare di due o tre passi e, cosa più importante, gli fece sbalzare via il cellulare di mano. Capì che si era scontrato con qualcuno che però al contrario di lui era caduto sul pavimento. Ben ti sta, pensò. Dal pavimento però si alzò una ragazza. Bellissima. Capelli rossi, occhiali neri con la montatura spessa ma di un modello sottile. Occhi scuri e qualche lentiggine. Se ne innamorò all’istante.

0
0
2

Arrivano i guai - 2/3

The day after the war

20 August 2017

I turni stabiliti e i volontari, entusiasti, furono più del previsto, e la vita proseguì come di consueto tra difesa e attacco. I vampiri erano spariti e gli zombie li avevano sterminati tutti quelli in fondo alla valle. Anche le lucertole volanti parevano diminuite. Secondo Micaela ciò era dovuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
2

Er professore m'ha bocciato

Scene di ordinaria quotidianità

20 August 2017

Sò oramai passate le sei der pomeriggio fà n'callo da paura, li cambiamenti climatici sò diventati na realtà, io mò dovrei portà a spasso er cane e semo onesti nun me và e nimmanco a lui poveraccio, ma faccio no sforzo, me metto le ciavatte, pjo na boccia d'acqua metto er guinzajo a Pippo e se [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
14
18

Arrivano i guai - 1/3

The day after the war

19 August 2017

Andrea chiamò a raccolta i suoi aiutanti per fare il punto della situazione. Federico e Luisanna erano già sul posto, Patrick, al lavoro sui campi e Annalisa a scuola, arrivarono dopo qualche minuto. La sala riunioni si trovava al primo piano di una delle casette appartenute agli scienziati e chiamato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia, ma certo che non cadi nel banale! Il paragone è solo un vago [...]

  • flavia: Bibbi prova ad indovinare o leggi domani quel che succede.
    Caro Scilyx [...]

4
5
19

Non capita mai

19 August 2017

Portiere di notte, vuoi vedere che si rimedia? Da due mesi lavoro qui e non si rimedia un bel niente. Gli ospiti arrivano, un paio di saluti, gli consegni la chiave, gli prepari qualcosa al bar, due parole e non li rivedi più. Ieri sera, arrivo in hotel e il mio capo sta servendo da bere allo spagnolo. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Bibbi: Bellissimo!! Ti prende questo racconto fichissimo !! Brava super 😎🔝🔝💋

  • Vocestruggente: Siete troppo buoni. Questo lavoro è meraviglioso.

3
1
10

Il pescatore di Mazara del Vallo

18 August 2017

Raffaele era partito con il suo motopeschereccio il venerdì notte. Lui ed i suoi marinari avevano preparato per tutta la giornata le reti, rammendandole e riparando ogni strappo, verificatosi nella battuta di pesca precedente. C'era freddo anche se la notte era stellata. Pertanto indossò il suo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Questo piccolo raccontino mi ha stretto il cuore in una morsa. E poi ben scritto...la [...]

9
11
36

Call center - 2/2

Al pub

18 August 2017

Entriamo nel pub poco affollato, i nottambuli per fortuna stanno ancora decidendo il da farsi «Ecco, lui è Ivan, colui che ti ha incantata per la pulizia di casa nostra» Lo guarda interessata, lui ancora non ci ha visti, sta preparando un qualcosa di alcolico, si volta «Marietto, sono contento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
3
23

Sarà perfetto

17 August 2017

Chissà come sarebbe stato Ma oggi è Domenica E tu non ci sei Entro nella doccia E afferro il ricordo Di te Nudo sempre Di fronte al mio volto. E la notte dormire Dopo aver fatto l’amore Sentirti russare E non smettere mai Mi hai detto: “Amore, potrà sembrarti strano Ma sopportare A volte È il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
12
32

Call center - 1/2

Milano, vicino l’Europa

17 August 2017

«Prego, siete i benvenuti in casa mia» I tre colleghi di Mario, Pino, Barbara e Marzia, cercano un piano d’appoggio ed entrano con pizza e bibite varie nell’ appartamentino a via del Caravaggio, sopra al Ruby’s bar Barbara, quella delle ragazze che sembra la più estroversa, è la prima che si [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
7

Oh, poffarbacco!

16 August 2017

Pimpante come un pupazzo di pezza , vestito di pizzo, che va pazzo per la pizza a pezzi, mi presentai ad un provino per la parte di Ponzio Pilato, in un film girato a Pompei tra piantagioni di poponi, papaya del Parana' e peperoni del Perù. Purtroppo persi il portafoglio dove tenevo gli autografi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

La ricotta

Delizie della pasticceria siciliana

16 August 2017

Uno degli ingredienti della cucina agro-pastorale siciliana è la ricotta, il prodotto della lavorazione del latte caprino, ovino e bovino. Un pentolone che bolle ed una manciata di caglio, prelevato dalle budella degli animali scannati, produce l’agglomerazione e la formazione di ricotta e mozzarelle, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
28

Viaggio Fantasy P 2/2

Molto diverso!

15 August 2017

Mentre i miei compagni di viaggio se ne vanno prendendo due direzioni diverse, mi rendo conto di due cose, nel posto convivono molteplici razze che hanno scritture differenti, ma mentre le insegne dei negozi sono e rimangono incomprensibili, la lingua sembra essere una sola, forse diventata comune [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
16

La notte dei desideri

stelle cadenti

15 August 2017

Notte di stelle cadenti notte dei desideri, e lacrime filanti. Corriamo nel buio della notte su prati verdi sconosciuti di montagne alte fino al cielo. Corriamo su spiagge calde, deserte. Corriamo incontro all'amore. Ogni stella caduta un desiderio espresso mai avverato. Se tu sei con me ogni [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Penso che tu sia una persona sensibile e romantica al contrario di quanto dici, [...]

  • flavia: Grazie Surya tengo sempRe ben nascosto il lato romantico
    lasciarsi andare [...]

Torna su