Ci sono giornate nella mia vita in cui mi guardo veramente allo specchio e faccio un pò di conti con me stessa e con quella parte del genere umano che mi trovo intorno come compagna di viaggio.

In questi ultimi giorni, la parte di genere umano di sesso maschile ha occupato una fetta importante di questi conteggi, e la sintesi che ne è uscita è che l'altra metà del cielo io proprio non riesco a comprenderla.

Questa mancanza di comprensione da parte mia mi disturba molto, credendo io fermamente nel potere dell'analisi e in una base di educazione e rispetto, verso se stessi e verso gli altri, che deve sottendere all'essere uomini, prima ancora della suddivisione in generi.

L'assunto che uomini e donne siano diversi lo condivido per il semplice fatto che considero la diversità un valore importante, e nella diversità, in qualsiasi modo essa si manifesti, esiste potente il germoglio della crescita personale e civile.

Giustificare però la diversità tra uomini e donne e farle assumere il compito di nascondere sotto di essa comportamenti poco educati, meschini, vili e privi di rispetto, trovo sia un pensiero semplicistico, riduttivo, infantile e vigliacco.

Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere, va bene, ma sfortunatamente ci si trova a vivere sotto lo stesso cielo e, che si voglia o meno, sarebbe ora di cominciare a conviverci davvero e a comprenderci, nelle diversità, così come nelle affinità, senza continuare sterilmente ad accampare la scusa del "siamo diversi" per evitare ogni tipo di confronto e darsi alla fuga.

E allora ecco che mi tocca di togliermi qualche sassolino dalla scarpa anche se so benissimo che ne torneranno infiniti altri, come se in questa vita io camminassi costantemente in un terreno fatto di ghiaino, che torna ciclicamente ad infilarsi sotto i miei piedi e a farmi zoppicare.

Una donna (e da ora in avanti generalizzerò parlando al plurale delle donne, ma prendendo la mia personale esperienza come esempio mi ergerò a valida rappresentante della categoria...) ha un'enorme capacità di ascoltare, per il semplice fatto che dà un estrema importanza alle parole e al loro significato.

Una donna parla, tanto forse, ma non chiacchiera mai davvero, ogni singola parola ha un significato preciso.

Una donna ascolta, lo fa anche quando voi uomini non dite niente, ma se le parlate, sappiate che sarà in grado di comprendere tutto quello che le farete l'onore di condividere con lei, con l'unica attenzione, che dovete porre alle parole che dite, che se dite qualcosa quello che dite assume un significato preciso.

Fate molta attenzione alle parole che dite, quindi, quando parlate con una donna.

Nessuna parola sarà mai senza significato, e la donna ne comprenderà uno preciso.

Se avete anche solo il dubbio che quello che dite abbia per voi significati diversi da quello che il termine ha nel suo senso comune, ditelo, spiegatevi, comunicate, se non altro vi toglierete dall'impiccio di dover giustificare, magari anche a distanza di tempo, che parole come "domani", "dopo", "mi sto innamorando di te", non avevano per voi il significato comunemente condiviso, ma significavano rispettivamente "mai", "mai", "addio".

Fate proprio una bella cosa, ve lo do come consiglio, da ora in avanti, se volete dire "addio", dite "addio".

E' un modo per essere in fondo onesti, rispettosi, educati, verso se stessi e nei confronti dell'altra persona (uomo o donna che sia).

Alle donne non serve proprio essere prese in giro, ci pensa la vita a farlo, da quando nascono, a partire dalla stronzata della storia del principe azzurro, per arrivare a vette creative importanti quando alcune di loro vengono sfregiate, nel migliore di casi, o uccise in modi sempre più stravaganti, per aver rivendicato un loro diritto inalienabile: la libertà di scegliere.

Non fate promesse che non siete sicuri di poter o voler mantenere, non usate il futuro.

Se dite ad una donna "andremo insieme", "faremo insieme", quella donna comprende che quella determinata cosa prima o poi la farete davvero insieme e in qualche modo, bislacco e sentimentale, se volete, nel suo animo la dedica a voi, la terrà in serbo, nella sua vita, per voi.

Esiste, nell'immenso mondo della lingua italiana, il condizionale. Se non siete sicuri di poter o voler fare davvero quello che promettete, promettete al condizionale.

Basta aggiungere una parola. "Potremmo andare insieme" o "potremmo fare insieme" ha tutto un altro significato e serve ad evitare di farle del male, quando poi deciderete, con un "a domani" o "a dopo" di sparire dalla sua vita.

Le donne sono animali forti, non lo saranno quanto voi a sollevare pesi materiali, ma lo sono quanto e più di voi a sollevare i pesi dell'animo.

Le donne risolvono i problemi, sono abituate a gestirne diversi contemporaneamente.

Se invece di chiudervi nella vostra maledetta superbia quando avete una difficoltà di qualsiasi genere parlate con una donna, potete star certi che essa ne comprenderà l'entità fino in fondo, e anche oltre, e sarà un valido appoggio su cui contare per trovare una soluzione. Le donne non si tirano indietro, non sono programmate per farlo, per il semplice motivo che la natura impone loro, nel momento topico della loro esistenza, cioè quando partoriscono un figlio, di oltrepassare coscientemente ogni possibile soglia del dolore e dei limiti fisici e andare avanti, finchè quella nuova vita non sarà venuta al mondo.

Le donne sono uragani potentissimi (programmate per creare, non per distruggere...a meno che non diate loro motivi validi per farlo) sui quali appoggiarsi per uscire da ogni difficoltà, a patto che vogliate farlo "insieme".

Nel momento che una donna si affianca a voi per essere "insieme", le vostre difficoltà non saranno più solo vostre, i meriti, sappiatelo, lo rimarranno.

(...continua...)

6
8
18

Federico e la Sindone - 2/3

The day after war

20 September 2017

Inutile raccontare qui il percorso della Sindone, da tutti ritenuto il lenzuolo funebre di Cristo. Per alcuni secoli fu proprietà dei Savoia, i quali ne erano venuti in possesso con la dote di una delle mogli. Nel 1667 Guarino Guarini, il grande architetto, costruì la meravigliosa cappella dove [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: grassie a tutti quanti,
    Caro Scilyx, spulciando la storia di Augusta Taurinorum [...]

  • Roberta21: Sempre sorprendente 😊

8
10
22

Splatter’s story

stavolta splatto pure io

20 September 2017

La sta penetrando da dietro con rabbia, mi sale il sangue al cervello, c’è riuscito, sono arrivato tardi, ma non per poterti vendicare: «Sei morto, maledetto bastardo!» Nel momento in cui l’accetta entra nella sua faccia vedo gli occhi stupirsi dell’accaduto e la bocca che aveva riso fino a poco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
4
12

Il paladino

20 September 2017

Nato per essere di sostegno a chi soffre per mancanza di mezzi e di strumenti, il paladino è sempre in continua ricerca della propria identità. Un tempo s'era comprata l'armatura per poter essere al pari degli altri suoi compagni di studio ed aveva orientato la sua vita nella difesa della legalità, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

9
10
26

Non ci resta che amare

19 September 2017

N'omo na donna, n'omo n'omo, na donna na donna, quarcuno dirà che mò lì tempi sò cambiati, cor progresso, la modernità, la curtura nova, li punti de vista se sò modificati ma pè disdetta er penziero comune è ancora storto.Eppure la vita da quanno è nato er monno è sempre stata la stessa, tutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Bellissimo e profondo.
    E sono d'accordissimo con te che l'amore [...]

  • Walter Fest: Ancora grazie di cuore a Rob21, Scritimperf, Surya.... mi state scoprendo poeta [...]

6
10
18

Federico e la Sindone - 1/3

the day after war

19 September 2017

Andrea si sporse oltre il parapetto per guardare verso il fondovalle, dove la luce argentea splendeva inquietante <<Ci deve pur essere un modo per liberarci di quella mostruosità>> disse. <<Non ho la più pallida idea di cosa fare. Non ne avevo mai sentito parlare prima, non ho [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
3
13

Super-emme

19 September 2017

Molleggiando le membra, come un mollusco del Mar di Marmara, mi meravigliai molto quando mi mostrarono le malefatte di un malmostoso mentecatto messicano amante della macarena, che aveva messo in cinta nel mese di maggio una ex monaca di nome Monica che abitava a Monza al numero mille, in un magazzino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
30

Urlo

18 September 2017

Alan fissava la sveglia da circa un'ora. Erano le sei e cinquantacinque. L'ansia non smetteva di tormentarlo, e a niente servivano tutti gli ansiolitici che prendeva. Aveva un colloquio di lavoro giù al porto, nemmeno sapeva di cosa si trattasse. Era da sei mesi che non lavorava. Aveva tirato avanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Ti ho messo mi piace perché sei bravo ad esprimere emozioni non certo [...]

  • Puccia: Il mio commento sopra si riferisce al tuo racconto, crampi allo stomaco, che [...]

7
14
43

MR B 2

COME TI TROMBO ALLA GRANDE MA TU HAI LA TESTA DA UN ALTRA PARTE.

18 September 2017

Ci rivedemmo ancora, per sedute di buon sesso. Mi invitò al suo posto di lavoro dove cosumammo l'aplesso in orariodi chiusura, prima sulla scrivania del capo, poi in guardiola, e per ultimo ma non meno intenso sulla sedia girevole di una che gli stava sul cazzo. Inizio cosi una sana relazione sessuale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Wow Bibbi! Sei una forza della natura... senti come avrai capito io sono [...]

  • Bibbi: Contaci!!!👍🏻😂💋

7
8
18

FINE ESTATE...

18 September 2017

Come sono belli questi giorni di settembre, sola con il mare, con il vento, con il sole, con la sabbia, con le parole silenziose di un libro, mentre in fondo, sulla striscia blu, all'orizzonte lontano, dolce come miele scivola lenta una vela...

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Bella e delicata questa poesia e bello il mare in autunno, loadoro!
    Brava [...]

  • Roberta21: Brava davvero

3
4
15

L'ultimo suono

17 September 2017

Thomas si era trovato nell'ennesima stanza di un alberghetto economico appena fuori dal centro di Amsterdam, ma non faceva molta differenza che fosse lì o nella prima periferia di qualche altra città del mondo dove il suo lavoro lo portava a trascorrere la sua vita in viaggio tra un aereo e l'altro. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
11
26

Sotto la pelle... tu

17 September 2017

Chiudo gli occhi e risento il tuo sapore. Mi manchi. Piccole fiamme di desiderio mi divorano lentamente. Ti penso Come un blocco di ghiaccio in un giorno torrido d'estate solo un tuo bacio potrebbe placare l'arsura che mi consuma. Ho voglia di te . Il ricordo dei tuoi gesti vive [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
15

Di sera, un geranio

17 September 2017

S'è liberato nel sonno, non sa come; forse come quando s'affonda nell'acqua, che si ha la sensazione che poi il corpo riverrà sú da sé, e sú invece riviene solamente la sensazione, ombra galleggiante del corpo rimasto giú. Dormiva, e non è piú nel suo corpo; non può dire che si sia svegliato; [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Yoda: Lo svolgimento, a tratti, ha un ritmo un po' antico ma il finale è [...]

  • Puccia: Stupendo!

Torna su