Una cosa cominciò però a preoccuparmi presto: la nostalgia di Deuxippo che era comune a quella degli altri. Non tanto la nostalgia dei luoghi di origine ma quella della vita militare, l’unica vita che quegli uomini conoscevano e alla quale erano stati abituati sin da bambini. Così avvezzi alla disciplina, che i sottoposti del mio sposo non cessarono di considerarlo come loro comandante neanche quando ognuno era stato lasciato libero. Tutti infatti avevano deciso di rimanere lì, dove era il loro capo.

Passò un altro anno ed io ero felice ma un giorno un uomo sbarcò da una nave. Era greco e venne a trovarci a casa. Deuxippo volle parlare con lui da solo ed io capii che il momento di affrontare le mie paure era giunto. Al termine di quel colloquio, non rispose alle mie domande ma mandò a chiamare gli altri otto, si sarebbero incontrati in casa di Militiadis.

Fremei finché non tornò.

“Partiremo, mi disse.”

“ E per dove, e a fare cosa?”

“ Ci hanno proposto una missione, se tutto andrà bene torneremo con molte ricchezze, l’ingaggio è ottimo”.

Quell’uomo veniva da Sparta. In gran segreto stavano raggruppando tutti gli uomini di quello che fu il loro grande esercito per affiancare un potente re straniero in una guerra che doveva essere breve e dalla vittoria scontata, visto il grande spiegamento di forze e la perizia del contingente spartano che aveva la fama di essere invincibile.

Lo supplicai di non andare ma nei suoi occhi leggevo che ogni mio sforzo di trattenerlo sarebbe stato inutile. Anche gli altri parevano galvanizzati dall’idea di partire. L’unica vita che conoscevano, l’organismo si era di nuovo riunito e l’unico cuore comune di tutti quegli uomini aveva ricominciato a battere all’unisono.

Aneitha ed io salutammo i nostri sposi in una tiepida mattina d’estate, al molo. Forse se mi fossi accorta prima di essere incinta, Deuxippo non sarebbe partito ma gli dei non vollero che fosse così o forse, più semplicemente, sarebbe partito lo stesso. Passò un anno e mio padre, tornato da uno dei suoi viaggi, ci informò che la guerra che aveva coinvolto gli Spartani aveva avuto un epilogo imprevisto e tutto quel grande esercito si stava ritirando. Si dice fossero partiti al soldo di Ciro che voleva conquistare l’impero persiano sottraendolo al fratello maggiore ma la missione era segreta e non si sapeva se ciò fosse vero o meno. Quindi, Deuxippo e gli altri sarebbero tornati presto, se erano sopravvissuti! Non so quante volte ci recammo al porto io e quell’altra disgraziata, sperando di scorgere da qualche nave in lontananza una capigliatura rossa o bionda o entrambe! Avevo timore che alla gioia di una avesse potuto coincidere la disperazione dell’altra, e se fosse tornato solo uno dei due?

Erano passati più di due anni dalla partenza. Era una mattina di settembre quando un ragazzetto venne a bussarmi alla porta dicendomi che qualcuno di quegli stranieri era tornato, lasciai il mio bimbo alla serva e mi precipitati a chiamare Aneitha, corremmo a più non posso per la discesa che portava al porto e all’improvviso vedemmo un soldato dal mantello porpora salire dalla direzione contraria, era solo uno ed aveva i capelli rossi. Militiadis era l’unico sopravvissuto di quel gruppo di dieci. Mi portò del mio amore solo una ciocca di capelli e la sua spada. Queste furono le uniche cose che mi rimasero di Deuxippo, a parte te, figlio mio che sei il suo ritratto.

Ecco, con questo racconto ho risposto alla tua domanda su chi fosse tuo padre: un guerriero valoroso e l’unico uomo che abbia mai amato. Sono sicura che sarebbe stato anche un buon padre per te se solo la sorte ci avesse assistito. Per questo, ti dico, oh figlio, non ti lagnare se i tuoi compagni ti chiamano “il figlio di Apollo”. E’ solo perché i tuoi capelli sono biondi come il sole e ti invidiano perché nessun altro li ha come i tuoi, almeno in questi lidi. Adesso li accarezzo ed è come se accarezzassi i suoi, lui rivive in te, non piangere, devi essere orgoglioso se ti paragonano ad un dio luminoso!

6
8
18

Federico e la Sindone - 2/3

The day after war

20 September 2017

Inutile raccontare qui il percorso della Sindone, da tutti ritenuto il lenzuolo funebre di Cristo. Per alcuni secoli fu proprietà dei Savoia, i quali ne erano venuti in possesso con la dote di una delle mogli. Nel 1667 Guarino Guarini, il grande architetto, costruì la meravigliosa cappella dove [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: grassie a tutti quanti,
    Caro Scilyx, spulciando la storia di Augusta Taurinorum [...]

  • Roberta21: Sempre sorprendente 😊

8
10
22

Splatter’s story

stavolta splatto pure io

20 September 2017

La sta penetrando da dietro con rabbia, mi sale il sangue al cervello, c’è riuscito, sono arrivato tardi, ma non per poterti vendicare: «Sei morto, maledetto bastardo!» Nel momento in cui l’accetta entra nella sua faccia vedo gli occhi stupirsi dell’accaduto e la bocca che aveva riso fino a poco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
4
12

Il paladino

20 September 2017

Nato per essere di sostegno a chi soffre per mancanza di mezzi e di strumenti, il paladino è sempre in continua ricerca della propria identità. Un tempo s'era comprata l'armatura per poter essere al pari degli altri suoi compagni di studio ed aveva orientato la sua vita nella difesa della legalità, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

9
10
26

Non ci resta che amare

19 September 2017

N'omo na donna, n'omo n'omo, na donna na donna, quarcuno dirà che mò lì tempi sò cambiati, cor progresso, la modernità, la curtura nova, li punti de vista se sò modificati ma pè disdetta er penziero comune è ancora storto.Eppure la vita da quanno è nato er monno è sempre stata la stessa, tutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Bellissimo e profondo.
    E sono d'accordissimo con te che l'amore [...]

  • Walter Fest: Ancora grazie di cuore a Rob21, Scritimperf, Surya.... mi state scoprendo poeta [...]

6
10
18

Federico e la Sindone - 1/3

the day after war

19 September 2017

Andrea si sporse oltre il parapetto per guardare verso il fondovalle, dove la luce argentea splendeva inquietante <<Ci deve pur essere un modo per liberarci di quella mostruosità>> disse. <<Non ho la più pallida idea di cosa fare. Non ne avevo mai sentito parlare prima, non ho [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
3
13

Super-emme

19 September 2017

Molleggiando le membra, come un mollusco del Mar di Marmara, mi meravigliai molto quando mi mostrarono le malefatte di un malmostoso mentecatto messicano amante della macarena, che aveva messo in cinta nel mese di maggio una ex monaca di nome Monica che abitava a Monza al numero mille, in un magazzino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
30

Urlo

18 September 2017

Alan fissava la sveglia da circa un'ora. Erano le sei e cinquantacinque. L'ansia non smetteva di tormentarlo, e a niente servivano tutti gli ansiolitici che prendeva. Aveva un colloquio di lavoro giù al porto, nemmeno sapeva di cosa si trattasse. Era da sei mesi che non lavorava. Aveva tirato avanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Ti ho messo mi piace perché sei bravo ad esprimere emozioni non certo [...]

  • Puccia: Il mio commento sopra si riferisce al tuo racconto, crampi allo stomaco, che [...]

7
14
43

MR B 2

COME TI TROMBO ALLA GRANDE MA TU HAI LA TESTA DA UN ALTRA PARTE.

18 September 2017

Ci rivedemmo ancora, per sedute di buon sesso. Mi invitò al suo posto di lavoro dove cosumammo l'aplesso in orariodi chiusura, prima sulla scrivania del capo, poi in guardiola, e per ultimo ma non meno intenso sulla sedia girevole di una che gli stava sul cazzo. Inizio cosi una sana relazione sessuale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Wow Bibbi! Sei una forza della natura... senti come avrai capito io sono [...]

  • Bibbi: Contaci!!!👍🏻😂💋

7
8
18

FINE ESTATE...

18 September 2017

Come sono belli questi giorni di settembre, sola con il mare, con il vento, con il sole, con la sabbia, con le parole silenziose di un libro, mentre in fondo, sulla striscia blu, all'orizzonte lontano, dolce come miele scivola lenta una vela...

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Bella e delicata questa poesia e bello il mare in autunno, loadoro!
    Brava [...]

  • Roberta21: Brava davvero

3
4
15

L'ultimo suono

17 September 2017

Thomas si era trovato nell'ennesima stanza di un alberghetto economico appena fuori dal centro di Amsterdam, ma non faceva molta differenza che fosse lì o nella prima periferia di qualche altra città del mondo dove il suo lavoro lo portava a trascorrere la sua vita in viaggio tra un aereo e l'altro. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
11
26

Sotto la pelle... tu

17 September 2017

Chiudo gli occhi e risento il tuo sapore. Mi manchi. Piccole fiamme di desiderio mi divorano lentamente. Ti penso Come un blocco di ghiaccio in un giorno torrido d'estate solo un tuo bacio potrebbe placare l'arsura che mi consuma. Ho voglia di te . Il ricordo dei tuoi gesti vive [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
15

Di sera, un geranio

17 September 2017

S'è liberato nel sonno, non sa come; forse come quando s'affonda nell'acqua, che si ha la sensazione che poi il corpo riverrà sú da sé, e sú invece riviene solamente la sensazione, ombra galleggiante del corpo rimasto giú. Dormiva, e non è piú nel suo corpo; non può dire che si sia svegliato; [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Yoda: Lo svolgimento, a tratti, ha un ritmo un po' antico ma il finale è [...]

  • Puccia: Stupendo!

Torna su