Una cosa cominciò però a preoccuparmi presto: la nostalgia di Deuxippo che era comune a quella degli altri. Non tanto la nostalgia dei luoghi di origine ma quella della vita militare, l’unica vita che quegli uomini conoscevano e alla quale erano stati abituati sin da bambini. Così avvezzi alla disciplina, che i sottoposti del mio sposo non cessarono di considerarlo come loro comandante neanche quando ognuno era stato lasciato libero. Tutti infatti avevano deciso di rimanere lì, dove era il loro capo.

Passò un altro anno ed io ero felice ma un giorno un uomo sbarcò da una nave. Era greco e venne a trovarci a casa. Deuxippo volle parlare con lui da solo ed io capii che il momento di affrontare le mie paure era giunto. Al termine di quel colloquio, non rispose alle mie domande ma mandò a chiamare gli altri otto, si sarebbero incontrati in casa di Militiadis.

Fremei finché non tornò.

“Partiremo, mi disse.”

“ E per dove, e a fare cosa?”

“ Ci hanno proposto una missione, se tutto andrà bene torneremo con molte ricchezze, l’ingaggio è ottimo”.

Quell’uomo veniva da Sparta. In gran segreto stavano raggruppando tutti gli uomini di quello che fu il loro grande esercito per affiancare un potente re straniero in una guerra che doveva essere breve e dalla vittoria scontata, visto il grande spiegamento di forze e la perizia del contingente spartano che aveva la fama di essere invincibile.

Lo supplicai di non andare ma nei suoi occhi leggevo che ogni mio sforzo di trattenerlo sarebbe stato inutile. Anche gli altri parevano galvanizzati dall’idea di partire. L’unica vita che conoscevano, l’organismo si era di nuovo riunito e l’unico cuore comune di tutti quegli uomini aveva ricominciato a battere all’unisono.

Aneitha ed io salutammo i nostri sposi in una tiepida mattina d’estate, al molo. Forse se mi fossi accorta prima di essere incinta, Deuxippo non sarebbe partito ma gli dei non vollero che fosse così o forse, più semplicemente, sarebbe partito lo stesso. Passò un anno e mio padre, tornato da uno dei suoi viaggi, ci informò che la guerra che aveva coinvolto gli Spartani aveva avuto un epilogo imprevisto e tutto quel grande esercito si stava ritirando. Si dice fossero partiti al soldo di Ciro che voleva conquistare l’impero persiano sottraendolo al fratello maggiore ma la missione era segreta e non si sapeva se ciò fosse vero o meno. Quindi, Deuxippo e gli altri sarebbero tornati presto, se erano sopravvissuti! Non so quante volte ci recammo al porto io e quell’altra disgraziata, sperando di scorgere da qualche nave in lontananza una capigliatura rossa o bionda o entrambe! Avevo timore che alla gioia di una avesse potuto coincidere la disperazione dell’altra, e se fosse tornato solo uno dei due?

Erano passati più di due anni dalla partenza. Era una mattina di settembre quando un ragazzetto venne a bussarmi alla porta dicendomi che qualcuno di quegli stranieri era tornato, lasciai il mio bimbo alla serva e mi precipitati a chiamare Aneitha, corremmo a più non posso per la discesa che portava al porto e all’improvviso vedemmo un soldato dal mantello porpora salire dalla direzione contraria, era solo uno ed aveva i capelli rossi. Militiadis era l’unico sopravvissuto di quel gruppo di dieci. Mi portò del mio amore solo una ciocca di capelli e la sua spada. Queste furono le uniche cose che mi rimasero di Deuxippo, a parte te, figlio mio che sei il suo ritratto.

Ecco, con questo racconto ho risposto alla tua domanda su chi fosse tuo padre: un guerriero valoroso e l’unico uomo che abbia mai amato. Sono sicura che sarebbe stato anche un buon padre per te se solo la sorte ci avesse assistito. Per questo, ti dico, oh figlio, non ti lagnare se i tuoi compagni ti chiamano “il figlio di Apollo”. E’ solo perché i tuoi capelli sono biondi come il sole e ti invidiano perché nessun altro li ha come i tuoi, almeno in questi lidi. Adesso li accarezzo ed è come se accarezzassi i suoi, lui rivive in te, non piangere, devi essere orgoglioso se ti paragonano ad un dio luminoso!

1
1
6

Se solo tu tornassi

28 July 2017

Mi sarei immaginato un grande parco, un grande albero di fiori glicine e bianchi... Sai, quei fiori che scendono verso il basso scintillando di brina... Delle semplici panche color bianco, odore di erba umida e una marea di gente in confusione per trovare il proprio posto, la propria panca... [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

La trottola di Sasà

28 July 2017

Uno dei regali, che ancora Sasà conserva con nostalgica gioia è una vecchia trottola meccanica. Ammaccando più volte l'impugnatura di plastica, il trabiccolo prendeva velocità ed una vecchia automobilina, in essa racchiusa, percorreva le strade del mondo fra quattro vari paesaggi. Che bella quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
4

Fermata prenotata

28 July 2017

No, vabbè: mi arrendo. La mia amica Laura è una che in genere non spara balle e che difficilmente litiga con la gente, quindi sentite che roba e rendetevi conto. Sera autunnale romana classica, con pioggerellina, umidità e rodimenti di culo in ordine sparso. Laura se ne sta a Viale Ostiense, in [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Bella e simpatica, lo ha mandato con eleganza. Brava Giulia

0
0
6

Maledetto Godot!

27 July 2017

Ho aspettato Godot per due ore al metrò, con su un vecchio palto' preso a nolo a Bordeaux Dopo un ora, però, sono andato a un bistrot; due tartine, un Pernod Camembert , Veuve Cliquot ! Mi son visto uno spot con madame la Bardot che vestiva in guepiere sulla rue de Saint Pierre. Son partito al [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
14
24

Eppur non so

27 July 2017

È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare. Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
15
22

Vuoi leggere con me?

Shylock

27 July 2017

Devo portare la mia Lola al parco dove si diverte a correre, ma sono stanca e non ho voglia di correrle dietro. Porto con me il mio amico William (Sachespeare, come diceva il mio papà). Il libro è una raccolta di monologhi famosi in cui si sono cimentati i più grandi attori di teatro e cinema. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giufo: E aggiungo, nella realta mi sembra molto poco probabile che un adolescente [...]

  • flavia: i libri sulla panchina devono essere quelli che vi interessano meno. A volte [...]

5
4
22

Tipi da spiaggia

Piccole storie tristi (vere)

26 July 2017

CAPITOLO 1 (LO SFIGATO): impiega tre quarti d'ora per piantare l'ombrellone. Dopo cinque minuti l'ombrellone cade. Non c'era vento. CAPITOLO 2 (ASPIRANTI OMICIDI): bagnino salva bambino sui dodici anni tedesco che non riusciva a tornare a riva con la sua tavola da surf; i genitori litigano con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Osservazioni odierne, che mondo! Preferisco il mondo scomparso che tanto bene [...]

4
8
30

Non sò che scrivere

...Qualche volta

26 July 2017

Non so che scrivere, suona un po’ strano vero? Che sia a causa del caldo, dei pensieri galoppanti nella mia mente, dei troppi ricordi confusi, troppo di tutto e allora la testa fa un po’ tilt. E poi io, che ostinatamente ancora scrivo a mano, prendo una penna, un foglio di carta e vai. Sapete che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

Gertrude

26 July 2017

La penombra mi consola e nella stanza c'è profumo di pace. È il mio mondo, la mia vita, il mio essere qui con una vecchia scatola appoggiata sulle ginocchia. Quante cianfrusaglie, lettere ricevute o mai spedite, i nastri che portavo tra i capelli quando ero bambina, il diario chiuso con un piccolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Bibbi: Bellissimo con finale che non ti aspetti e riflessioni perfette.

  • Puccia: Non hai tralasciato proprio nulla, bel racconto!

1
0
9

Assoreta!

25 July 2017

In assenza di un'essenza d'assenzio, mi assopii sopra un assolato assito ad Assisi, assaporando un'assiette con un vasto assortimento di Asiago, asparagi, astici di Asuncion e animelle all'asolana. Poi, con l'assistenza di un assessore di Asolo, assolutamente assuefatto alle assenze, mi assentai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
21

...Pensiero fisso...

25 July 2017

Caro blog... Inizio a pensare che tutto quello che è stato non sia stato poi vero... Inizio a pensare che le sue parole erano dette per un dolore di circostanza ma esasperate da ciò... Come può aver insistito così tanto e ora non sono nessuno? Così tanta indifferenza... Io invece sento di marciare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
3
12

Tennis V.M. 18

25 July 2017

Mattina di metà settembre: è il primo giorno di scuola e questo - come ogni provetto viaggiatore dovrebbe sapere - comporterà sicuramente degli imprevisti al mio viaggio di andata verso il lavoro. Sicuro, a palla; è solo questione di minuti prima che un fattaccio si verifichi davanti ai miei occhi. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su