“Ma piove il cielo sulla città
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te’
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sul Lungotevere in festa
Concerto di viole e mondanità
Profumo tuo di vacanze romane”

La compilation su chiavetta USB ha passato magicamente il brano giusto al momento giusto del viaggio, mentre Bruno interviene

«Se vi confesso che non amo i Matia Bazar mi uccidete?»

«È un tuo diritto avere gusti strani, ma tu te ne approfitti!»

«Dai Marta, state mettendo questo brano solo perché stiamo in vacanza nella capitale, una volta è divertente, di più rompe!»

«E allora? A Natale metti ottomila volte “Happy Christmas” di John Lennon, sei riuscito a farmi vomitare John Lennon ogni volta che sento l’inizio:”So this is Christmas”!»

Primo maggio 2002: Una bella vacanza che si sono presi, non sarà certo rovinata da queste discussioni che sono ordinarie tra loro quattro, gli inseparabili amici, Bruno e Marta che avete già iniziato a conoscere, e gli altri due, Bianca e Marco, ormai coppie consolidate da tre anni a questa parte.

Sono partiti stamattina dalla provincia di Bolzano, da Bressanone, ed arrivati da pochi minuti a Roma, vogliono godersi il concerto del primo maggio, erano anni che rimandavano, ma quest’anno ci sono gli Oasis che meritano questa pazzia.

«Dai, parcheggia lì!»

«Ma è piazza Lodi, siamo a circa un paio di chilometri dal concerto, secondo la cartina»

«Già è una fortuna che abbiamo trovato questo posto, accontentati!»

Scendono dall’auto ed iniziano l’operazione di avvicinamento, da lontano arrivano le note del Banco Mutuo Soccorso, il sole è ancora alto nel cielo ed avvolge le guglie della basilica, che vedono stranamente libera dalla visuale, malgrado siano ancora abbastanza lontani.

Bruno e Marta vanno leggermente più veloci e prendono un po’ di vantaggio, lei ne approfitta per chiedere: «Come va adesso, avete smesso di litigare?»

«Sì, si avvicina l’estate, le belle giornate, siamo più rilassati»

«Meno male, abbiamo raggiunto l’equilibrio completo, siamo amici veri, in questo c’è anche del sano egoismo, dove le troviamo altre due persone con cui si va d’accordo su tutto»

«Hai ragione, anche noi siamo egoisti» si abbracciano ridendo mentre gli altri due li guardano

«Bianca, che dici? Parlano male di noi?»

«Non essere gelotofobico!»

«Eh?»

«Uno che ha paura di essere deriso dagli altri!»

«Parla come mangi!»

«Scusa, ricordi universitari, comunque sono allegri, lasciali stare!»

«Hai ragione, sto odiando quell’ora di fila a Roncobilaccio, potevamo vedere Morgan che in questo momento sta suonando con il Banco! Tristezza!»

Venti minuti dopo arrivano alla periferia della piazza ed iniziano a cercare un punto dove sdraiarsi mentre Claudio Amendola presenta Irene Grandi che inizia cantando un bellissimo brano di Janis Joplin: “Mercedes Benz”

«Mettiamoci lì, c’è abbastanza spazio per aprire i tappetini»

Riescono finalmente a sdraiarsi ed a guardarsi intorno, nella piazza sventolano decine di bandiere simili, ma diverse

«Che tristezza, ci sono almeno cinque partiti comunisti diversi, è l’inizio della fine»

«Sono cambiati i tempi, il riflusso…»

«…sì, giusto quello gastrico»

«Va bene, basta tristezza, poghiamo!!!»

Si alzano tutti buttandosi in avanti, vengono subito risucchiati nel gruppo pogatori professionisti, , ogni tanto riescono a ritrovarsi per pochi secondi, un’ora di questa attività fa perdere almeno tre chili. Bruno è il primo a schiantarsi in terra

«Sono defunto, lasciatemi morire qui»

Marco si butta addosso e lo bacia, un bacio lungo, bello, innamorato

«’A FROCI!!!!!!!»

Bruno si rialza di scatto

«Bravo, fatti vedere, tranquillo, non farò a botte, la mia conformazione fisica è inadatta, come direbbero quelli come te, potrei graffiarti! In questa bellissima piazza pensavo di trovare solo dei progressisti, brave persone che hanno superato certi stereotipi, invece scopro che siamo circondati ancora da cavernicoli! Mi vergogno di chi è stato, spero solo che venga lasciato da solo, schifato»

Nel frattempo Bruno abbraccia Marco, anche Marta e Bianca si baciano per far sapere che sono dalla sua parte, il nostro coraggioso amico continua ad infervorarsi, mentre tra i presenti viene isolato un ragazzo, è stato lui l’autore della battutaccia.

Si guarda intorno e si allontana, dei fischi lo inseguono, si sentono fino al palco, i musicisti non riescono a capire cosa sia successo, poi vedono che è tutto tranquillo e ricominciano a suonare con più energia, sono gli ultimi prima degli Oasis e devono dare tutto in un quarto d’ora per non essere dimenticati.

«Dai, tranquillizzati» Marco abbraccia Bruno, seguito dalle due ragazze

«Siamo venuti per divertirci, dai ridi!»

Finalmente le nubi nel suo cervello fanno ritornare il sole, i nostri amici ricominciano a godersi la giornata. Noel e Liam sono vicini, fra poco potranno ascoltare la voce di Noel attaccare “Don’t look back in anger”

And so, Sally can wait
She knows it’s too late as we’re walking on by
Her soul slides away
But don’t look back in anger
I heard you say

 

E quindi, Sally può aspettare
Sa che è troppo tardi mentre camminiamo
La sua anima scivola via
Ma non guardare indietro con rabbia
Ti ho sentito dire

1
1
6

In cerca di pace

lontano da Belfast

24 May 2018

Ci eravamo messi in cammino alle prime luci dell’alba, io e Brian, mio figlio di sei anni. Avevo dovuto mettere per forza uno zaino sulle spalle anche a lui, il nostro era un lungo cammino e la meta era incerta. Fuggivamo da una situazione che si stava facendo pericolosa, vivere a Belfast stava [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
9

Oroscopo Mentecatto 2

Non datemi retta sono mentecatto pure io

24 May 2018

Amici lettori di letturedametropolitana, eccoci al nuovo appuntamento con il nostro oroscopo mentecatto, svegliatevi bambini è Primavera, dite che piove sempre? Vabbè mica è colpa delle stelle! Dormite ancora con il piumone? Vedete il lato positivo, lì sotto possono farsi tante cose! Dite che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
8

Di spalle - 1/2

24 May 2018

«È tardi, Mario, lasciami andare». Si era buttata fuori dell’auto, aveva armeggiato con la serratura, per un attimo la luce aveva illuminato l’androne. Portava una maglia che le stava un po’ grande. Gli era rimasta impressa l’immagine delle sue spalle magre che sparivano dentro il portone. Le aveva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
11

Quando il cuore

24 May 2018

Quando il cuore emana forti emozioni in cui ogni attimo diviene eterna presenza l’anima respira profondi incantevoli percorsi che il tempo premurosamente dona.

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
12

Don Calogero u' Spadazzaru - 2/2

Le nuove Storie Americane

23 May 2018

Qualche giorno più tardi il corpo di Don Michele Lo Iacono fu trovato riverso in una pozza di sangue ne La Zagara con una pietra in bocca, un’esecuzione in pieno stile mafioso e il mandante era chiaro: Don Calabrese. Quando accadono cose di questo tipo esiste una sola legge: la Vendetta! Il Sangue [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
4
39

Riconoscersi

23 May 2018

Si erano conosciuti su una chat room prima ancora dell’avvento di Facebook. Lui era Micky79 e lei Lucy82, si erano scritti per mesi e mesi. Sapevano tantissime cose dell’altro, ma non conoscevano i rispettivi nomi, le rispettive città, se erano sposati, fidanzati o altro. Conoscevano però le rispettive [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adamo Stuardi: Dannatamente forte. E pure ben scritto.

  • Piero: Viva la realtà virtuale e le coincidenze incredibili e l'immaginazione. [...]

5
7
28

Il sogno erotico di un alieno

23 May 2018

Ho visto l'astronave planare tra i tuoi vestiti e venir giù, kamikaze dell'ultima ora, a espugnare fortezze da B. Runner, mentre sognavo di essere tra folti boschi di querce secolari ed elfi atavici di favole inglesi. Ma sì, dopotutto è un dopoguerra accertato ogni volta, quando si placano gli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Un bel lavoro 5

23 May 2018

Il momento più noioso del mio lavoro di informatore medico scientifico era l’attesa nelle sale d’aspetto degli studi medici. Vero è che eravamo facilitati da una regola, non scritta, che ci garantiva (non in tutti gli studi medici però) di entrare dal medico ogni due pazienti, nonostante ciò le [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
17

Andrew & C.

la sfida

22 May 2018

Andrew e Carol si erano conosciuti a un convegno degli scout organizzato dalla locale associazione religiosa. Il presidente, il reverendo Allison, aveva relazionato sull’importanza che ricopriva lo scoutismo per il recupero di giovani sbandati e disagiati. Restare a stretto contatto con l’associazione [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
7
15

Don Calogero u' Spadazzaru - 1/2

Le nuove Storie Americane

22 May 2018

Le storie di Mafia e di mafiosi si assomigliano quasi tutte, questo il Don lo sapeva bene, eppure era convinto che la sua fosse speciale, diversa dalle solite, forse perché era stato lui a viverla in prima persona. La Sicilia in cui era cresciuto non era come sempre viene descritta nei film, nei [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
19

Il luminare

22 May 2018

Il dottore entrò nella stanza e trovò i due fratelli seduti sul letto ad attenderlo. «Buongiorno signori. Eccoli qui, i miei M&M's!» Rideva ogni volta alla sua stessa battuta e loro, per educazione, ridevano con lui. «La vedo in ottima forma, Marco. Matteo invece lo vorremmo nostro ospite ancora [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
3
12

Una ciliegia tira l'altra

22 May 2018

Era così ovvio che un pianeta tanto bello come è la Terra, prima o dopo, avrebbe attirato l'attenzione di specie meno fortunate e bisognose di nuovi territori da colonizzare. Specie che furono avvantaggiate dalla convinzione, diffusa tra gli umani, di essere al centro di un universo, il quale, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su