“Ma piove il cielo sulla città
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te’
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sul Lungotevere in festa
Concerto di viole e mondanità
Profumo tuo di vacanze romane”

La compilation su chiavetta USB ha passato magicamente il brano giusto al momento giusto del viaggio, mentre Bruno interviene

«Se vi confesso che non amo i Matia Bazar mi uccidete?»

«È un tuo diritto avere gusti strani, ma tu te ne approfitti!»

«Dai Marta, state mettendo questo brano solo perché stiamo in vacanza nella capitale, una volta è divertente, di più rompe!»

«E allora? A Natale metti ottomila volte “Happy Christmas” di John Lennon, sei riuscito a farmi vomitare John Lennon ogni volta che sento l’inizio:”So this is Christmas”!»

Primo maggio 2002: Una bella vacanza che si sono presi, non sarà certo rovinata da queste discussioni che sono ordinarie tra loro quattro, gli inseparabili amici, Bruno e Marta che avete già iniziato a conoscere, e gli altri due, Bianca e Marco, ormai coppie consolidate da tre anni a questa parte.

Sono partiti stamattina dalla provincia di Bolzano, da Bressanone, ed arrivati da pochi minuti a Roma, vogliono godersi il concerto del primo maggio, erano anni che rimandavano, ma quest’anno ci sono gli Oasis che meritano questa pazzia.

«Dai, parcheggia lì!»

«Ma è piazza Lodi, siamo a circa un paio di chilometri dal concerto, secondo la cartina»

«Già è una fortuna che abbiamo trovato questo posto, accontentati!»

Scendono dall’auto ed iniziano l’operazione di avvicinamento, da lontano arrivano le note del Banco Mutuo Soccorso, il sole è ancora alto nel cielo ed avvolge le guglie della basilica, che vedono stranamente libera dalla visuale, malgrado siano ancora abbastanza lontani.

Bruno e Marta vanno leggermente più veloci e prendono un po’ di vantaggio, lei ne approfitta per chiedere: «Come va adesso, avete smesso di litigare?»

«Sì, si avvicina l’estate, le belle giornate, siamo più rilassati»

«Meno male, abbiamo raggiunto l’equilibrio completo, siamo amici veri, in questo c’è anche del sano egoismo, dove le troviamo altre due persone con cui si va d’accordo su tutto»

«Hai ragione, anche noi siamo egoisti» si abbracciano ridendo mentre gli altri due li guardano

«Bianca, che dici? Parlano male di noi?»

«Non essere gelotofobico!»

«Eh?»

«Uno che ha paura di essere deriso dagli altri!»

«Parla come mangi!»

«Scusa, ricordi universitari, comunque sono allegri, lasciali stare!»

«Hai ragione, sto odiando quell’ora di fila a Roncobilaccio, potevamo vedere Morgan che in questo momento sta suonando con il Banco! Tristezza!»

Venti minuti dopo arrivano alla periferia della piazza ed iniziano a cercare un punto dove sdraiarsi mentre Claudio Amendola presenta Irene Grandi che inizia cantando un bellissimo brano di Janis Joplin: “Mercedes Benz”

«Mettiamoci lì, c’è abbastanza spazio per aprire i tappetini»

Riescono finalmente a sdraiarsi ed a guardarsi intorno, nella piazza sventolano decine di bandiere simili, ma diverse

«Che tristezza, ci sono almeno cinque partiti comunisti diversi, è l’inizio della fine»

«Sono cambiati i tempi, il riflusso…»

«…sì, giusto quello gastrico»

«Va bene, basta tristezza, poghiamo!!!»

Si alzano tutti buttandosi in avanti, vengono subito risucchiati nel gruppo pogatori professionisti, , ogni tanto riescono a ritrovarsi per pochi secondi, un’ora di questa attività fa perdere almeno tre chili. Bruno è il primo a schiantarsi in terra

«Sono defunto, lasciatemi morire qui»

Marco si butta addosso e lo bacia, un bacio lungo, bello, innamorato

«’A FROCI!!!!!!!»

Bruno si rialza di scatto

«Bravo, fatti vedere, tranquillo, non farò a botte, la mia conformazione fisica è inadatta, come direbbero quelli come te, potrei graffiarti! In questa bellissima piazza pensavo di trovare solo dei progressisti, brave persone che hanno superato certi stereotipi, invece scopro che siamo circondati ancora da cavernicoli! Mi vergogno di chi è stato, spero solo che venga lasciato da solo, schifato»

Nel frattempo Bruno abbraccia Marco, anche Marta e Bianca si baciano per far sapere che sono dalla sua parte, il nostro coraggioso amico continua ad infervorarsi, mentre tra i presenti viene isolato un ragazzo, è stato lui l’autore della battutaccia.

Si guarda intorno e si allontana, dei fischi lo inseguono, si sentono fino al palco, i musicisti non riescono a capire cosa sia successo, poi vedono che è tutto tranquillo e ricominciano a suonare con più energia, sono gli ultimi prima degli Oasis e devono dare tutto in un quarto d’ora per non essere dimenticati.

«Dai, tranquillizzati» Marco abbraccia Bruno, seguito dalle due ragazze

«Siamo venuti per divertirci, dai ridi!»

Finalmente le nubi nel suo cervello fanno ritornare il sole, i nostri amici ricominciano a godersi la giornata. Noel e Liam sono vicini, fra poco potranno ascoltare la voce di Noel attaccare “Don’t look back in anger”

And so, Sally can wait
She knows it’s too late as we’re walking on by
Her soul slides away
But don’t look back in anger
I heard you say

 

E quindi, Sally può aspettare
Sa che è troppo tardi mentre camminiamo
La sua anima scivola via
Ma non guardare indietro con rabbia
Ti ho sentito dire

0
0
2

Arrivano i guai - 2/3

The day after the war

20 August 2017

I turni stabiliti e i volontari, entusiasti, furono più del previsto, e la vita proseguì come di consueto tra difesa e attacco. I vampiri erano spariti e gli zombie li avevano sterminati tutti quelli in fondo alla valle. Anche le lucertole volanti parevano diminuite. Secondo Micaela ciò era dovuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
2

Er professore m'ha bocciato

Scene di ordinaria quotidianità

20 August 2017

Sò oramai passate le sei der pomeriggio fà n'callo da paura, li cambiamenti climatici sò diventati na realtà, io mò dovrei portà a spasso er cane e semo onesti nun me và e nimmanco a lui poveraccio, ma faccio no sforzo, me metto le ciavatte, pjo na boccia d'acqua metto er guinzajo a Pippo e se [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
14
18

Arrivano i guai - 1/3

The day after the war

19 August 2017

Andrea chiamò a raccolta i suoi aiutanti per fare il punto della situazione. Federico e Luisanna erano già sul posto, Patrick, al lavoro sui campi e Annalisa a scuola, arrivarono dopo qualche minuto. La sala riunioni si trovava al primo piano di una delle casette appartenute agli scienziati e chiamato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia, ma certo che non cadi nel banale! Il paragone è solo un vago [...]

  • flavia: Bibbi prova ad indovinare o leggi domani quel che succede.
    Caro Scilyx [...]

4
5
19

Non capita mai

19 August 2017

Portiere di notte, vuoi vedere che si rimedia? Da due mesi lavoro qui e non si rimedia un bel niente. Gli ospiti arrivano, un paio di saluti, gli consegni la chiave, gli prepari qualcosa al bar, due parole e non li rivedi più. Ieri sera, arrivo in hotel e il mio capo sta servendo da bere allo spagnolo. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Bibbi: Bellissimo!! Ti prende questo racconto fichissimo !! Brava super 😎🔝🔝💋

  • Vocestruggente: Siete troppo buoni. Questo lavoro è meraviglioso.

3
1
10

Il pescatore di Mazara del Vallo

18 August 2017

Raffaele era partito con il suo motopeschereccio il venerdì notte. Lui ed i suoi marinari avevano preparato per tutta la giornata le reti, rammendandole e riparando ogni strappo, verificatosi nella battuta di pesca precedente. C'era freddo anche se la notte era stellata. Pertanto indossò il suo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Questo piccolo raccontino mi ha stretto il cuore in una morsa. E poi ben scritto...la [...]

9
11
36

Call center - 2/2

Al pub

18 August 2017

Entriamo nel pub poco affollato, i nottambuli per fortuna stanno ancora decidendo il da farsi «Ecco, lui è Ivan, colui che ti ha incantata per la pulizia di casa nostra» Lo guarda interessata, lui ancora non ci ha visti, sta preparando un qualcosa di alcolico, si volta «Marietto, sono contento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
3
23

Sarà perfetto

17 August 2017

Chissà come sarebbe stato Ma oggi è Domenica E tu non ci sei Entro nella doccia E afferro il ricordo Di te Nudo sempre Di fronte al mio volto. E la notte dormire Dopo aver fatto l’amore Sentirti russare E non smettere mai Mi hai detto: “Amore, potrà sembrarti strano Ma sopportare A volte È il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
12
32

Call center - 1/2

Milano, vicino l’Europa

17 August 2017

«Prego, siete i benvenuti in casa mia» I tre colleghi di Mario, Pino, Barbara e Marzia, cercano un piano d’appoggio ed entrano con pizza e bibite varie nell’ appartamentino a via del Caravaggio, sopra al Ruby’s bar Barbara, quella delle ragazze che sembra la più estroversa, è la prima che si [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
7

Oh, poffarbacco!

16 August 2017

Pimpante come un pupazzo di pezza , vestito di pizzo, che va pazzo per la pizza a pezzi, mi presentai ad un provino per la parte di Ponzio Pilato, in un film girato a Pompei tra piantagioni di poponi, papaya del Parana' e peperoni del Perù. Purtroppo persi il portafoglio dove tenevo gli autografi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

La ricotta

Delizie della pasticceria siciliana

16 August 2017

Uno degli ingredienti della cucina agro-pastorale siciliana è la ricotta, il prodotto della lavorazione del latte caprino, ovino e bovino. Un pentolone che bolle ed una manciata di caglio, prelevato dalle budella degli animali scannati, produce l’agglomerazione e la formazione di ricotta e mozzarelle, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
28

Viaggio Fantasy P 2/2

Molto diverso!

15 August 2017

Mentre i miei compagni di viaggio se ne vanno prendendo due direzioni diverse, mi rendo conto di due cose, nel posto convivono molteplici razze che hanno scritture differenti, ma mentre le insegne dei negozi sono e rimangono incomprensibili, la lingua sembra essere una sola, forse diventata comune [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
16

La notte dei desideri

stelle cadenti

15 August 2017

Notte di stelle cadenti notte dei desideri, e lacrime filanti. Corriamo nel buio della notte su prati verdi sconosciuti di montagne alte fino al cielo. Corriamo su spiagge calde, deserte. Corriamo incontro all'amore. Ogni stella caduta un desiderio espresso mai avverato. Se tu sei con me ogni [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Penso che tu sia una persona sensibile e romantica al contrario di quanto dici, [...]

  • flavia: Grazie Surya tengo sempRe ben nascosto il lato romantico
    lasciarsi andare [...]

Torna su