“Ma piove il cielo sulla città
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te’
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sul Lungotevere in festa
Concerto di viole e mondanità
Profumo tuo di vacanze romane”

La compilation su chiavetta USB ha passato magicamente il brano giusto al momento giusto del viaggio, mentre Bruno interviene

«Se vi confesso che non amo i Matia Bazar mi uccidete?»

«È un tuo diritto avere gusti strani, ma tu te ne approfitti!»

«Dai Marta, state mettendo questo brano solo perché stiamo in vacanza nella capitale, una volta è divertente, di più rompe!»

«E allora? A Natale metti ottomila volte “Happy Christmas” di John Lennon, sei riuscito a farmi vomitare John Lennon ogni volta che sento l’inizio:”So this is Christmas”!»

Primo maggio 2002: Una bella vacanza che si sono presi, non sarà certo rovinata da queste discussioni che sono ordinarie tra loro quattro, gli inseparabili amici, Bruno e Marta che avete già iniziato a conoscere, e gli altri due, Bianca e Marco, ormai coppie consolidate da tre anni a questa parte.

Sono partiti stamattina dalla provincia di Bolzano, da Bressanone, ed arrivati da pochi minuti a Roma, vogliono godersi il concerto del primo maggio, erano anni che rimandavano, ma quest’anno ci sono gli Oasis che meritano questa pazzia.

«Dai, parcheggia lì!»

«Ma è piazza Lodi, siamo a circa un paio di chilometri dal concerto, secondo la cartina»

«Già è una fortuna che abbiamo trovato questo posto, accontentati!»

Scendono dall’auto ed iniziano l’operazione di avvicinamento, da lontano arrivano le note del Banco Mutuo Soccorso, il sole è ancora alto nel cielo ed avvolge le guglie della basilica, che vedono stranamente libera dalla visuale, malgrado siano ancora abbastanza lontani.

Bruno e Marta vanno leggermente più veloci e prendono un po’ di vantaggio, lei ne approfitta per chiedere: «Come va adesso, avete smesso di litigare?»

«Sì, si avvicina l’estate, le belle giornate, siamo più rilassati»

«Meno male, abbiamo raggiunto l’equilibrio completo, siamo amici veri, in questo c’è anche del sano egoismo, dove le troviamo altre due persone con cui si va d’accordo su tutto»

«Hai ragione, anche noi siamo egoisti» si abbracciano ridendo mentre gli altri due li guardano

«Bianca, che dici? Parlano male di noi?»

«Non essere gelotofobico!»

«Eh?»

«Uno che ha paura di essere deriso dagli altri!»

«Parla come mangi!»

«Scusa, ricordi universitari, comunque sono allegri, lasciali stare!»

«Hai ragione, sto odiando quell’ora di fila a Roncobilaccio, potevamo vedere Morgan che in questo momento sta suonando con il Banco! Tristezza!»

Venti minuti dopo arrivano alla periferia della piazza ed iniziano a cercare un punto dove sdraiarsi mentre Claudio Amendola presenta Irene Grandi che inizia cantando un bellissimo brano di Janis Joplin: “Mercedes Benz”

«Mettiamoci lì, c’è abbastanza spazio per aprire i tappetini»

Riescono finalmente a sdraiarsi ed a guardarsi intorno, nella piazza sventolano decine di bandiere simili, ma diverse

«Che tristezza, ci sono almeno cinque partiti comunisti diversi, è l’inizio della fine»

«Sono cambiati i tempi, il riflusso…»

«…sì, giusto quello gastrico»

«Va bene, basta tristezza, poghiamo!!!»

Si alzano tutti buttandosi in avanti, vengono subito risucchiati nel gruppo pogatori professionisti, , ogni tanto riescono a ritrovarsi per pochi secondi, un’ora di questa attività fa perdere almeno tre chili. Bruno è il primo a schiantarsi in terra

«Sono defunto, lasciatemi morire qui»

Marco si butta addosso e lo bacia, un bacio lungo, bello, innamorato

«’A FROCI!!!!!!!»

Bruno si rialza di scatto

«Bravo, fatti vedere, tranquillo, non farò a botte, la mia conformazione fisica è inadatta, come direbbero quelli come te, potrei graffiarti! In questa bellissima piazza pensavo di trovare solo dei progressisti, brave persone che hanno superato certi stereotipi, invece scopro che siamo circondati ancora da cavernicoli! Mi vergogno di chi è stato, spero solo che venga lasciato da solo, schifato»

Nel frattempo Bruno abbraccia Marco, anche Marta e Bianca si baciano per far sapere che sono dalla sua parte, il nostro coraggioso amico continua ad infervorarsi, mentre tra i presenti viene isolato un ragazzo, è stato lui l’autore della battutaccia.

Si guarda intorno e si allontana, dei fischi lo inseguono, si sentono fino al palco, i musicisti non riescono a capire cosa sia successo, poi vedono che è tutto tranquillo e ricominciano a suonare con più energia, sono gli ultimi prima degli Oasis e devono dare tutto in un quarto d’ora per non essere dimenticati.

«Dai, tranquillizzati» Marco abbraccia Bruno, seguito dalle due ragazze

«Siamo venuti per divertirci, dai ridi!»

Finalmente le nubi nel suo cervello fanno ritornare il sole, i nostri amici ricominciano a godersi la giornata. Noel e Liam sono vicini, fra poco potranno ascoltare la voce di Noel attaccare “Don’t look back in anger”

And so, Sally can wait
She knows it’s too late as we’re walking on by
Her soul slides away
But don’t look back in anger
I heard you say

 

E quindi, Sally può aspettare
Sa che è troppo tardi mentre camminiamo
La sua anima scivola via
Ma non guardare indietro con rabbia
Ti ho sentito dire

1
1
3

La valigia

19 October 2017

Devo preparare la valigia. Non so perché né cosa ci metterò. Sicuramente tutti i ricordi che mi terranno compagnia lungo la strada. Li poggero' sul fondo perché sopra stendero' i miei sogni . Senza non saprei vivere . Sogno di giorno per vivere di notte. Con te vicina. E lo spazio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
2

Il Dottor Supposton - 2/2

La giusta medicina

19 October 2017

Il grande Dottore Supposon e il suo fedele servitore, trovarono alloggio in una locanda dove, saputo che praticava l'arte medica, lo accolsero con grande sollecitudine <<Siete il benvenuto, Signore, sarà mia premura avvertire il ciambellano della vostra venuta. Il re accoglie tutti i dottori [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Supponevo che anche questa seconda parte mi sarebbe piaciuta tanto da mettere [...]

  • flavia: Grazie caro Scilyx, se mi riprenderò scriverò ancora di Supposton [...]

0
0
4

L'assassinio di una patatina - 2/2

19 October 2017

'Scusami, per caso hai visto qualcosa?" esordì il commissario. "Forse!" rispose sorridendo la bellissima patatina dalla corporatura longilinea ed appariscente. Si presentò come Dixi Sancarlos, una assidua frequentatrice del locale. "Cosa intedevi dire con quel forse?" "Forse ho visto qualcosa o [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

8
9
23

Le braccia

18 October 2017

Sono un castello di sabbia, che si sgretola al passaggio di un alito di vento. Sono la mano incerta che fa e disfa, in bilico tra l’equilibrio e l’assenza di un centro. Sono gelosa del mio tempo, eppure il tempo scivola via dalla mia mano tremante, ed i giorni scorrono veloci.. .. sono una casa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Scrittrice imperfetta: Vi ringrazio tutti di cuore.. La vostre parole mi sono di conforto

  • Surya: Bellissima poesia, intensissima. Non aggiungo altro, anzi si, ti abbraccio... [...]

6
8
19

Il Dottor Supposton - 1/2

La giusta medicina

18 October 2017

Il dottor Supposton, grande medico conosciuto in tutto l'universo e dintorni, insieme col suo aiutante Coi Cai Sig Ke mal, camminavano o meglio correvano sulla strada polverosa molto rapidamente per mettere più distanza possibile fra loro e la gente del villaggio lasciato in tutta fretta alle prime [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

9
13
23

L'assassinio di una patatina - 1/2

18 October 2017

C hi non conosce il simpatico spot su una nota marca di patatine interpretato dal grande Rocco Siffredi? Da questo spot, mi è venuta l'ispirazione per scrivere questa sorta di giallino un pò particolare pieno di citazioni 'patatinose'. Buona lettura e buon divertimento. [NdA] All'esterno del [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
9
27

La manovra di Valsalva - 3/3

17 October 2017

Intanto le ore trascorrevano con infinita lentezza e le prime luci dell’alba penetravano tra le feritoie delle persiane. Ero esausto, sull’orlo della follia. La viscida bestia seguitava nervosamente a strisciarmi sulle gambe, forse affamata e, a ogni mio minimo movimento, scuoteva la coda minacciosamente. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
13
25

Notte sul lago

il congresso dei gatti

17 October 2017

La luna piena rifletteva la sua facciona tonda sulle acque placide del lago. La notte era calda senza vento e quaranta quattro gatti in fila per sei col resto di due, passeggiavano sulla riva ghiaiosa. Si guardavano sospettosi, come gatti sospettosi, sotto i baffi dritti dritti. Stavano andando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mammola: Io ho due cani,ma sono una gattara in incognito
    Sempre brava Flavia

  • Puccia: Bello anche il ricordo dei "quarantaquattro gatti in fila per sei col [...]

9
15
26

Intervista con l'artista Salvador Dalì

La persistenza della memoria

17 October 2017

Io e Mario stamo seduti ar tavolino der bar mò telefonamo a Dalì sperando che ce risponne! -Pronto maestro? Sono Walter Fest stò quì ar bar e vorremmo parlà cò lei de n'opera sua, ce farebbe er piacere de facce compagnia? -Seguro, dateme er tempo de vestimme, state sempre ar solito bar? Ecchime [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Sempre bravo Walter e sempre mi piace tenere svegli i neuroni con il tuo dialetto.

  • Walter Fest: Grazie mille anche a Mammola e a Puccia... a breve un altro incontro speriamo [...]

10
17
36

Autunno

16 October 2017

Passeranno i giorni, gli anni... il tempo in ogni sua forma... ma l'unica cosa che poi ti resterà sempre,comunque e fortemente saranno i tuoi attimi,il tuo credo, quello per cui ti sei battuto, quello per cui non ti sei venduto, quello per cui non ti sei abbassato al livello degli altri... e questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
10
21

La manovra di Valsalva - 2/3

16 October 2017

Confesso che, in principio, credetti si trattasse di un paio di mutandine puzzolenti o un reggiseno marcito, dimenticati lì sbadatamente. La sera prima, infatti, mi ero portato in casa, per i miei notturni piaceri, il corpo morto e già mezzo putrefatto di un’incantevole ragazza. L’avevo spogliata [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

9
14
23

Quindici uomini...

sulla cassa del morto

16 October 2017

Estate del 1956, un gruppo di ragazzi esce dal bosco cantando con voce cavernosa, o perlomeno facevano di tutto perché risultasse tale. <<Quindici uomini, quindici uomini sulla cassa del morto, yohohoh, yohohoh, e una pinta di rum, e una pinta di rum...>> La vecchia canzone dei pirati [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su