“Ma piove il cielo sulla città
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te’
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sul Lungotevere in festa
Concerto di viole e mondanità
Profumo tuo di vacanze romane”

La compilation su chiavetta USB ha passato magicamente il brano giusto al momento giusto del viaggio, mentre Bruno interviene

«Se vi confesso che non amo i Matia Bazar mi uccidete?»

«È un tuo diritto avere gusti strani, ma tu te ne approfitti!»

«Dai Marta, state mettendo questo brano solo perché stiamo in vacanza nella capitale, una volta è divertente, di più rompe!»

«E allora? A Natale metti ottomila volte “Happy Christmas” di John Lennon, sei riuscito a farmi vomitare John Lennon ogni volta che sento l’inizio:”So this is Christmas”!»

Primo maggio 2002: Una bella vacanza che si sono presi, non sarà certo rovinata da queste discussioni che sono ordinarie tra loro quattro, gli inseparabili amici, Bruno e Marta che avete già iniziato a conoscere, e gli altri due, Bianca e Marco, ormai coppie consolidate da tre anni a questa parte.

Sono partiti stamattina dalla provincia di Bolzano, da Bressanone, ed arrivati da pochi minuti a Roma, vogliono godersi il concerto del primo maggio, erano anni che rimandavano, ma quest’anno ci sono gli Oasis che meritano questa pazzia.

«Dai, parcheggia lì!»

«Ma è piazza Lodi, siamo a circa un paio di chilometri dal concerto, secondo la cartina»

«Già è una fortuna che abbiamo trovato questo posto, accontentati!»

Scendono dall’auto ed iniziano l’operazione di avvicinamento, da lontano arrivano le note del Banco Mutuo Soccorso, il sole è ancora alto nel cielo ed avvolge le guglie della basilica, che vedono stranamente libera dalla visuale, malgrado siano ancora abbastanza lontani.

Bruno e Marta vanno leggermente più veloci e prendono un po’ di vantaggio, lei ne approfitta per chiedere: «Come va adesso, avete smesso di litigare?»

«Sì, si avvicina l’estate, le belle giornate, siamo più rilassati»

«Meno male, abbiamo raggiunto l’equilibrio completo, siamo amici veri, in questo c’è anche del sano egoismo, dove le troviamo altre due persone con cui si va d’accordo su tutto»

«Hai ragione, anche noi siamo egoisti» si abbracciano ridendo mentre gli altri due li guardano

«Bianca, che dici? Parlano male di noi?»

«Non essere gelotofobico!»

«Eh?»

«Uno che ha paura di essere deriso dagli altri!»

«Parla come mangi!»

«Scusa, ricordi universitari, comunque sono allegri, lasciali stare!»

«Hai ragione, sto odiando quell’ora di fila a Roncobilaccio, potevamo vedere Morgan che in questo momento sta suonando con il Banco! Tristezza!»

Venti minuti dopo arrivano alla periferia della piazza ed iniziano a cercare un punto dove sdraiarsi mentre Claudio Amendola presenta Irene Grandi che inizia cantando un bellissimo brano di Janis Joplin: “Mercedes Benz”

«Mettiamoci lì, c’è abbastanza spazio per aprire i tappetini»

Riescono finalmente a sdraiarsi ed a guardarsi intorno, nella piazza sventolano decine di bandiere simili, ma diverse

«Che tristezza, ci sono almeno cinque partiti comunisti diversi, è l’inizio della fine»

«Sono cambiati i tempi, il riflusso…»

«…sì, giusto quello gastrico»

«Va bene, basta tristezza, poghiamo!!!»

Si alzano tutti buttandosi in avanti, vengono subito risucchiati nel gruppo pogatori professionisti, , ogni tanto riescono a ritrovarsi per pochi secondi, un’ora di questa attività fa perdere almeno tre chili. Bruno è il primo a schiantarsi in terra

«Sono defunto, lasciatemi morire qui»

Marco si butta addosso e lo bacia, un bacio lungo, bello, innamorato

«’A FROCI!!!!!!!»

Bruno si rialza di scatto

«Bravo, fatti vedere, tranquillo, non farò a botte, la mia conformazione fisica è inadatta, come direbbero quelli come te, potrei graffiarti! In questa bellissima piazza pensavo di trovare solo dei progressisti, brave persone che hanno superato certi stereotipi, invece scopro che siamo circondati ancora da cavernicoli! Mi vergogno di chi è stato, spero solo che venga lasciato da solo, schifato»

Nel frattempo Bruno abbraccia Marco, anche Marta e Bianca si baciano per far sapere che sono dalla sua parte, il nostro coraggioso amico continua ad infervorarsi, mentre tra i presenti viene isolato un ragazzo, è stato lui l’autore della battutaccia.

Si guarda intorno e si allontana, dei fischi lo inseguono, si sentono fino al palco, i musicisti non riescono a capire cosa sia successo, poi vedono che è tutto tranquillo e ricominciano a suonare con più energia, sono gli ultimi prima degli Oasis e devono dare tutto in un quarto d’ora per non essere dimenticati.

«Dai, tranquillizzati» Marco abbraccia Bruno, seguito dalle due ragazze

«Siamo venuti per divertirci, dai ridi!»

Finalmente le nubi nel suo cervello fanno ritornare il sole, i nostri amici ricominciano a godersi la giornata. Noel e Liam sono vicini, fra poco potranno ascoltare la voce di Noel attaccare “Don’t look back in anger”

And so, Sally can wait
She knows it’s too late as we’re walking on by
Her soul slides away
But don’t look back in anger
I heard you say

 

E quindi, Sally può aspettare
Sa che è troppo tardi mentre camminiamo
La sua anima scivola via
Ma non guardare indietro con rabbia
Ti ho sentito dire

6
6
12

5 disavventure sulle scale mobili

24 May 2017

Ovvero: mettere un piede dopo l'altro su dei gradini sembra un'azione elementare, ma spesso non lo è. 1. La bella addormentata Quando è mattina e magari fa anche un freddo cane, c'è solo un'ingenua speranza a cui aggrapparsi: l'utopia di arrivare a lavoro sani e salvi, possibilmente non in [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

9
10
20

Riflessioni sull'arte

Quattro parole improvvisate, anche questa è arte.

24 May 2017

Siete sul bus, sulla metro, il solito tran-tran giornaliero, camminate sul marciapiede annoiati ve la faccio breve, sapete che vi manca? Oh sì penserete a tante cose che mancano a tutti noi, certo non voglio dire di no, eppure se guardaste, se pensaste all'arte intesa in tutte le sue forme espressive, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Ti leggo e la giornata migliora 😊

  • Surya: L'arte è tutto ciò che trasmette un emozione, rispecchiando [...]

1
0
9

Il vassoio-vascello di cannoli

24 May 2017

Una barca avanza tra la pasticceria ed il desco verso la casa che accoglie la famiglia riunita tutta assieme per godere del meritato riposo settimanale ed offrire le preghiere alla divinità nel giorno di domenica dell'anno del Signore 2017. Una barca di cartone reca sopra il suo pontile cannoli [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
4
17

Tra memory, music e speme

23 May 2017

A sentire la musica del nostro passato è inevitabile la commozione. È come una colona sonora che risuona sempre dentro al nostro cuore, con il tocco magico di quel vinile che odora ancora di arte e di epoca e che sebbene graffiato fa gustare un ricordo, fa rivivere un'atmosfera con quel salto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Senza musica non potrei vivere

  • Surya: La musica ti fa provare nostalgia e subito dopo la voglia di andare avanti...

8
8
25

Van, la bambina che viveva sul tetto del mondo

23 May 2017

C'era una volta una bambina di nome Van che viveva sul tetto del mondo. Van abitava con la sua famiglia in un villaggio di montagna nel Nord del Vietnam. I capelli lucenti color ebano, gli occhi a mandorla e la piccola bocca a forma di petalo di rosa, la rendevano una bimba veramente molto graziosa. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Poesia e speranza,brava Dani

  • Surya: Sei tu Danimare vero?
    Bellissimo testo... dolcissimo e colmo di speranza. [...]

9
11
24

Ricordati che ti ho sempre amata

L'amore di una vita

23 May 2017

La camera da letto, trasformata in camera ardente. La bara lucida, ancora aperta e il corpo di Giovanni, coperto da un velo bianco. L'espressione del volto è serena, quasi sorridente. Maria, vestita di nero, col viso rigato di lacrime lo guardava e pensava alle ultime parole che le aveva detto: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: L'amore vero è qualcosa di potente e dura per sempre...fino alla fine

  • flavia: Grazie a tutti, amici miei vi voglio bene

7
16
29

Tempo libero

22 May 2017

Il tempo libero….se ci pensi è una brutta parola, ti fa intendere che sei prigioniero, se non di te stesso dei tuoi bisogni primari o di un sistema che ha smesso di fare il baratto e ti obbliga a produrre per cui se vuoi rimanere al passo, il tuo tempo lo devi impiegare, ecco li che non hai più [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
17

Sette note

22 May 2017

C'è chi vive di realtà e chi insegue i sogni. I primi attori sono sempre nervosi, corrono per le strade del mondo, si annullano nel loro sforzo di primeggiare l'uno sull'altro e si lasciano irretire dagli inganni delle strade, che percorrono in fretta ed ottengono solo di essere impastati di terrestrità; [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
12
46

Basta poco per ridere....molto di più per invecchiare

E nessuno ci fermerà

22 May 2017

Dove eravamo rimasti? Con l'ultimo tuffo provvidenziale fra le gambe e la cosina di lei, la femme fatal ad Oreste propose di partire insieme, destinazione mari del sud per iniziare una nuova avventura, sono appena atterrati all'aeroporto di Mar della Phata e un taxi porterà la coppia allo Ascabarac [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • mammola: Si Walter,continua a raccontarci di Oreste perche ormai gli vogliamo tutti [...]

  • Walter Fest: Grazie anche a Giuseppe e a Mammola, si la storia continuerà, non lo [...]

4
4
15

Sesto senso

21 May 2017

Sibilando come uno scorfano di scoglio con la scoliosi, nei sedimenti sabbiosi del mar dei Sargassi, mi stesi su un soffice sofà in seta color sangue di somaro siamese, sognando serate di sesso sfrenato con una scostumata segretaria slovena dai grossi seni e un sedere da super Guinness! Mi sollevai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
26

Di abissi e luce

21 May 2017

Sono fatta di rabbia e malinconia Di schiuma del mare e rosso tramonto Di notte oscura Eppure limpida di luna e stelle. Sono fatta di abissi E di luce. Non sono adatta al mondo Abito il tempo ma mio non lo sento. Rinuncio a inseguire la sorte Lascio che faccia di me brandelli di cuore e anima [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Poesia meravigliosa!
    Breve ma ricca di significato.
    Bravissima Alice!

  • Federico Negro: Complimenti Alice...per la tua bella poesia. Mi piace il tuo modo di scriverle. [...]

5
6
20

Quando cadono le stelle

21 May 2017

Ma che Paese è questo dove gli unici che hanno qualche speranza vengono chiamati disperati? S. Benni Oh, guarda, una stella cadente! Hai diritto ad un desiderio… Va bene, però è difficile… Vediamo: desidero che la stella non cada su casa mia stanotte, che non sia la mia casa [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su