Alice aveva incontrato il suo ‘principe azzurro’ in una sera di fine estate.

Aveva avuto la capacità di intercettare una discreta manciata dei suoi desideri più reconditi, quello di continuare a fare il lavoro che le piaceva, quello di finire un percorso di studi che era stata costretta ad abbandonare a pochi passi dal traguardo, quello di costruire una famiglia.

Un invito improvviso per una vacanza insieme a Venezia, e il gioco era fatto…

Alice si era innamorata, il cervello si era spento.

A dire la verità Alice avrebbe dovuto intuire da subito i tanti segnali presenti che facevano presagire quello che sarebbe stato, ma lei già non li vedeva più.

Alice rimase incinta, forse troppo presto.

L’embrione della sua nuova vita cresceva dentro di lei.

Ma una sera di novembre, la sera del suo compleanno, Alice capì di essere sola, capì che sarebbe stata una madre sola.

Ed era incinta di due mesi.

Lui le camminava davanti distaccato, lasciandola indietro di qualche metro. Separato, distante, nervoso. Dov’era finito il suo ‘principe azzurro’?

Alice chiese spiegazioni.

"Io mi vergogno di te in pubblico, non mi piace che le persone mi vedano accanto a te. Sono da sempre abituato ad avere accanto delle belle ragazze, tu sei una bella persona, ma non sei nè alta, nè bionda, nè con le tette grosse. Scusa. E' un problema mio."

Guidava lei la macchina quella sera, e guidò tra le lacrime, urlando, chiedendo spiegazioni, rischiando di sbandare ad ogni curva, su strade di montagna buie e contorte, allungando a dismisura il percorso per tornare a casa.

Probabilmente lui quella sera temette di non tornare vivo a casa.

Alice voleva tornare a casa sua, una casa che di fatto non esisteva più, voleva finirla lì, voleva fuggire lontano.

Ma lui la convinse a restare.

Passò la notte in bianco, camminò perdendosi nelle strade di quello che era diventato il suo nuovo paese la mattina dopo, per diverse ore, finché il suo ‘principe azzurro’ decisamente meno splendido di quando lo aveva conosciuto, non la chiamò per andare a pranzo insieme a tutta la sua famiglia.

Alice fece allora la sua scelta.

Sarebbe rimasta accanto a quell'uomo, per dare un padre a suo figlio.

Avrebbe sacrificato la sua felicità perchè il bambino che aveva in grembo, il figlio di quel ‘principe’ ormai sbiadito, avesse la possibilità di avere un padre e una famiglia.

Iniziò così la sua discesa agli inferi.

Sola a tutte le visite, la frase più carina nei suoi confronti mentre il corpo gonfiava per la gravidanza era "Mamma mia come sei grassa, non ti si può vedere!"

Pulì la loro nuova casa da sola, fece il trasloco delle sue cose da sola, a gravidanza avanzata.

In sala parto le uniche parole che uscirono dalla bocca del padre di suo figlio furono "Madonna che schifo, c'è un monte di sangue!"

Appena nato il bambino, mentre quel piccolo cucciolo d’uomo già succhiava la vita dal suo seno, Alice chiese dell'acqua e lui rispose "Aspetta."

Stava mandando i messaggi ai suoi amici per farsi bello di una nascita che a guardar bene neanche gli apparteneva.

Alice parlò per la prima volta col suo minuscolo bambino appena nato e gli disse "Preparati, amore dolce, dovrai ‘aspettare’... tanto..."

E l'inferno continuò.

Il ‘principe sbiadito’ non cenò mai con loro, tranne una sola sera. Alzandosi da tavola disse "Era meglio se andavo a mangiare da mia mamma."

Il ‘principe sbiadito’ non stava mai con il bambino, perchè si diceva depresso, e Alice era la causa e la scusa più comoda per la sua depressione.

Dormivano in camere separate, perchè le notti che Alice provava e provava ancora a passare con lui erano sempre definite "le peggiori notti" della sua vita. Alice era diventata agli occhi di lui un ‘nano deforme sottosviluppato e con la testa grossa’

“Perchè non è vero? Guardati, nana sei nana, deforme lo sei, non vedi che pancia hai, sottosviluppata sei sottosviluppata, perchè sei bassa, e la testa grossa ce l'hai è un dato di fatto. Guardati. Devi accettare la realtà."

E Alice aveva quasi finito per credere che avesse ragione.

L'inferno divenne ancora più buio quando il ‘principe’, ormai nero di vuoto ed assenze, cominciò a mettere in pericolo il bambino o a usare su di lui la stessa indifferenza che usava con Alice.

Fino a dire che se in qualche modo si fosse fatto male o peggio fosse venuto a mancare per una sua disattenzione mentre gli era affidato per una rara e momentanea assenza di Alice "non sarebbe stato un problema, sarebbe stato un bambino in meno da campare al mondo."

Fino ad umiliare il piccolo costringendolo a farsi la pipì addosso mentre cominciava a lasciare il pannolino, nonostante il cucciolo d’uomo chiamasse suo padre e lo chiamasse sempre più forte e piangesse, nonostante lo chiamasse anche Alice dalla stanza dove era confinata da un attacco improvviso della sua subdola malattia cronica.

Lui stava guardando la televisione e non aveva sentito.

Per Alice arrivarono gli attacchi di panico, la psicoterapia, gli psicofarmaci.

Allora Alice decise che sarebbe stata sola, come genitore e come donna, ma per davvero stavolta. Era una sera di autunno quando il suo bambino di poco più di due anni le chiese: "Perchè mamma sei sempre triste? Perchè piangi sempre?"

Alice decise in quel momento che doveva salvarsi.

Lo doveva a se stessa.

Lo doveva a suo figlio.

1
1
6

Se solo tu tornassi

28 July 2017

Mi sarei immaginato un grande parco, un grande albero di fiori glicine e bianchi... Sai, quei fiori che scendono verso il basso scintillando di brina... Delle semplici panche color bianco, odore di erba umida e una marea di gente in confusione per trovare il proprio posto, la propria panca... [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

La trottola di Sasà

28 July 2017

Uno dei regali, che ancora Sasà conserva con nostalgica gioia è una vecchia trottola meccanica. Ammaccando più volte l'impugnatura di plastica, il trabiccolo prendeva velocità ed una vecchia automobilina, in essa racchiusa, percorreva le strade del mondo fra quattro vari paesaggi. Che bella quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
4

Fermata prenotata

28 July 2017

No, vabbè: mi arrendo. La mia amica Laura è una che in genere non spara balle e che difficilmente litiga con la gente, quindi sentite che roba e rendetevi conto. Sera autunnale romana classica, con pioggerellina, umidità e rodimenti di culo in ordine sparso. Laura se ne sta a Viale Ostiense, in [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Bella e simpatica, lo ha mandato con eleganza. Brava Giulia

0
0
6

Maledetto Godot!

27 July 2017

Ho aspettato Godot per due ore al metrò, con su un vecchio palto' preso a nolo a Bordeaux Dopo un ora, però, sono andato a un bistrot; due tartine, un Pernod Camembert , Veuve Cliquot ! Mi son visto uno spot con madame la Bardot che vestiva in guepiere sulla rue de Saint Pierre. Son partito al [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
14
24

Eppur non so

27 July 2017

È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare. Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
15
22

Vuoi leggere con me?

Shylock

27 July 2017

Devo portare la mia Lola al parco dove si diverte a correre, ma sono stanca e non ho voglia di correrle dietro. Porto con me il mio amico William (Sachespeare, come diceva il mio papà). Il libro è una raccolta di monologhi famosi in cui si sono cimentati i più grandi attori di teatro e cinema. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giufo: E aggiungo, nella realta mi sembra molto poco probabile che un adolescente [...]

  • flavia: i libri sulla panchina devono essere quelli che vi interessano meno. A volte [...]

5
4
22

Tipi da spiaggia

Piccole storie tristi (vere)

26 July 2017

CAPITOLO 1 (LO SFIGATO): impiega tre quarti d'ora per piantare l'ombrellone. Dopo cinque minuti l'ombrellone cade. Non c'era vento. CAPITOLO 2 (ASPIRANTI OMICIDI): bagnino salva bambino sui dodici anni tedesco che non riusciva a tornare a riva con la sua tavola da surf; i genitori litigano con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Osservazioni odierne, che mondo! Preferisco il mondo scomparso che tanto bene [...]

4
8
30

Non sò che scrivere

...Qualche volta

26 July 2017

Non so che scrivere, suona un po’ strano vero? Che sia a causa del caldo, dei pensieri galoppanti nella mia mente, dei troppi ricordi confusi, troppo di tutto e allora la testa fa un po’ tilt. E poi io, che ostinatamente ancora scrivo a mano, prendo una penna, un foglio di carta e vai. Sapete che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

Gertrude

26 July 2017

La penombra mi consola e nella stanza c'è profumo di pace. È il mio mondo, la mia vita, il mio essere qui con una vecchia scatola appoggiata sulle ginocchia. Quante cianfrusaglie, lettere ricevute o mai spedite, i nastri che portavo tra i capelli quando ero bambina, il diario chiuso con un piccolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Bibbi: Bellissimo con finale che non ti aspetti e riflessioni perfette.

  • Puccia: Non hai tralasciato proprio nulla, bel racconto!

1
0
9

Assoreta!

25 July 2017

In assenza di un'essenza d'assenzio, mi assopii sopra un assolato assito ad Assisi, assaporando un'assiette con un vasto assortimento di Asiago, asparagi, astici di Asuncion e animelle all'asolana. Poi, con l'assistenza di un assessore di Asolo, assolutamente assuefatto alle assenze, mi assentai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
21

...Pensiero fisso...

25 July 2017

Caro blog... Inizio a pensare che tutto quello che è stato non sia stato poi vero... Inizio a pensare che le sue parole erano dette per un dolore di circostanza ma esasperate da ciò... Come può aver insistito così tanto e ora non sono nessuno? Così tanta indifferenza... Io invece sento di marciare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
3
12

Tennis V.M. 18

25 July 2017

Mattina di metà settembre: è il primo giorno di scuola e questo - come ogni provetto viaggiatore dovrebbe sapere - comporterà sicuramente degli imprevisti al mio viaggio di andata verso il lavoro. Sicuro, a palla; è solo questione di minuti prima che un fattaccio si verifichi davanti ai miei occhi. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su