Alice aveva incontrato il suo ‘principe azzurro’ in una sera di fine estate.

Aveva avuto la capacità di intercettare una discreta manciata dei suoi desideri più reconditi, quello di continuare a fare il lavoro che le piaceva, quello di finire un percorso di studi che era stata costretta ad abbandonare a pochi passi dal traguardo, quello di costruire una famiglia.

Un invito improvviso per una vacanza insieme a Venezia, e il gioco era fatto…

Alice si era innamorata, il cervello si era spento.

A dire la verità Alice avrebbe dovuto intuire da subito i tanti segnali presenti che facevano presagire quello che sarebbe stato, ma lei già non li vedeva più.

Alice rimase incinta, forse troppo presto.

L’embrione della sua nuova vita cresceva dentro di lei.

Ma una sera di novembre, la sera del suo compleanno, Alice capì di essere sola, capì che sarebbe stata una madre sola.

Ed era incinta di due mesi.

Lui le camminava davanti distaccato, lasciandola indietro di qualche metro. Separato, distante, nervoso. Dov’era finito il suo ‘principe azzurro’?

Alice chiese spiegazioni.

"Io mi vergogno di te in pubblico, non mi piace che le persone mi vedano accanto a te. Sono da sempre abituato ad avere accanto delle belle ragazze, tu sei una bella persona, ma non sei nè alta, nè bionda, nè con le tette grosse. Scusa. E' un problema mio."

Guidava lei la macchina quella sera, e guidò tra le lacrime, urlando, chiedendo spiegazioni, rischiando di sbandare ad ogni curva, su strade di montagna buie e contorte, allungando a dismisura il percorso per tornare a casa.

Probabilmente lui quella sera temette di non tornare vivo a casa.

Alice voleva tornare a casa sua, una casa che di fatto non esisteva più, voleva finirla lì, voleva fuggire lontano.

Ma lui la convinse a restare.

Passò la notte in bianco, camminò perdendosi nelle strade di quello che era diventato il suo nuovo paese la mattina dopo, per diverse ore, finché il suo ‘principe azzurro’ decisamente meno splendido di quando lo aveva conosciuto, non la chiamò per andare a pranzo insieme a tutta la sua famiglia.

Alice fece allora la sua scelta.

Sarebbe rimasta accanto a quell'uomo, per dare un padre a suo figlio.

Avrebbe sacrificato la sua felicità perchè il bambino che aveva in grembo, il figlio di quel ‘principe’ ormai sbiadito, avesse la possibilità di avere un padre e una famiglia.

Iniziò così la sua discesa agli inferi.

Sola a tutte le visite, la frase più carina nei suoi confronti mentre il corpo gonfiava per la gravidanza era "Mamma mia come sei grassa, non ti si può vedere!"

Pulì la loro nuova casa da sola, fece il trasloco delle sue cose da sola, a gravidanza avanzata.

In sala parto le uniche parole che uscirono dalla bocca del padre di suo figlio furono "Madonna che schifo, c'è un monte di sangue!"

Appena nato il bambino, mentre quel piccolo cucciolo d’uomo già succhiava la vita dal suo seno, Alice chiese dell'acqua e lui rispose "Aspetta."

Stava mandando i messaggi ai suoi amici per farsi bello di una nascita che a guardar bene neanche gli apparteneva.

Alice parlò per la prima volta col suo minuscolo bambino appena nato e gli disse "Preparati, amore dolce, dovrai ‘aspettare’... tanto..."

E l'inferno continuò.

Il ‘principe sbiadito’ non cenò mai con loro, tranne una sola sera. Alzandosi da tavola disse "Era meglio se andavo a mangiare da mia mamma."

Il ‘principe sbiadito’ non stava mai con il bambino, perchè si diceva depresso, e Alice era la causa e la scusa più comoda per la sua depressione.

Dormivano in camere separate, perchè le notti che Alice provava e provava ancora a passare con lui erano sempre definite "le peggiori notti" della sua vita. Alice era diventata agli occhi di lui un ‘nano deforme sottosviluppato e con la testa grossa’

“Perchè non è vero? Guardati, nana sei nana, deforme lo sei, non vedi che pancia hai, sottosviluppata sei sottosviluppata, perchè sei bassa, e la testa grossa ce l'hai è un dato di fatto. Guardati. Devi accettare la realtà."

E Alice aveva quasi finito per credere che avesse ragione.

L'inferno divenne ancora più buio quando il ‘principe’, ormai nero di vuoto ed assenze, cominciò a mettere in pericolo il bambino o a usare su di lui la stessa indifferenza che usava con Alice.

Fino a dire che se in qualche modo si fosse fatto male o peggio fosse venuto a mancare per una sua disattenzione mentre gli era affidato per una rara e momentanea assenza di Alice "non sarebbe stato un problema, sarebbe stato un bambino in meno da campare al mondo."

Fino ad umiliare il piccolo costringendolo a farsi la pipì addosso mentre cominciava a lasciare il pannolino, nonostante il cucciolo d’uomo chiamasse suo padre e lo chiamasse sempre più forte e piangesse, nonostante lo chiamasse anche Alice dalla stanza dove era confinata da un attacco improvviso della sua subdola malattia cronica.

Lui stava guardando la televisione e non aveva sentito.

Per Alice arrivarono gli attacchi di panico, la psicoterapia, gli psicofarmaci.

Allora Alice decise che sarebbe stata sola, come genitore e come donna, ma per davvero stavolta. Era una sera di autunno quando il suo bambino di poco più di due anni le chiese: "Perchè mamma sei sempre triste? Perchè piangi sempre?"

Alice decise in quel momento che doveva salvarsi.

Lo doveva a se stessa.

Lo doveva a suo figlio.

6
8
18

Federico e la Sindone - 2/3

The day after war

20 September 2017

Inutile raccontare qui il percorso della Sindone, da tutti ritenuto il lenzuolo funebre di Cristo. Per alcuni secoli fu proprietà dei Savoia, i quali ne erano venuti in possesso con la dote di una delle mogli. Nel 1667 Guarino Guarini, il grande architetto, costruì la meravigliosa cappella dove [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: grassie a tutti quanti,
    Caro Scilyx, spulciando la storia di Augusta Taurinorum [...]

  • Roberta21: Sempre sorprendente 😊

8
10
22

Splatter’s story

stavolta splatto pure io

20 September 2017

La sta penetrando da dietro con rabbia, mi sale il sangue al cervello, c’è riuscito, sono arrivato tardi, ma non per poterti vendicare: «Sei morto, maledetto bastardo!» Nel momento in cui l’accetta entra nella sua faccia vedo gli occhi stupirsi dell’accaduto e la bocca che aveva riso fino a poco [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
4
12

Il paladino

20 September 2017

Nato per essere di sostegno a chi soffre per mancanza di mezzi e di strumenti, il paladino è sempre in continua ricerca della propria identità. Un tempo s'era comprata l'armatura per poter essere al pari degli altri suoi compagni di studio ed aveva orientato la sua vita nella difesa della legalità, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

9
10
26

Non ci resta che amare

19 September 2017

N'omo na donna, n'omo n'omo, na donna na donna, quarcuno dirà che mò lì tempi sò cambiati, cor progresso, la modernità, la curtura nova, li punti de vista se sò modificati ma pè disdetta er penziero comune è ancora storto.Eppure la vita da quanno è nato er monno è sempre stata la stessa, tutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Bellissimo e profondo.
    E sono d'accordissimo con te che l'amore [...]

  • Walter Fest: Ancora grazie di cuore a Rob21, Scritimperf, Surya.... mi state scoprendo poeta [...]

6
10
18

Federico e la Sindone - 1/3

the day after war

19 September 2017

Andrea si sporse oltre il parapetto per guardare verso il fondovalle, dove la luce argentea splendeva inquietante <<Ci deve pur essere un modo per liberarci di quella mostruosità>> disse. <<Non ho la più pallida idea di cosa fare. Non ne avevo mai sentito parlare prima, non ho [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
3
13

Super-emme

19 September 2017

Molleggiando le membra, come un mollusco del Mar di Marmara, mi meravigliai molto quando mi mostrarono le malefatte di un malmostoso mentecatto messicano amante della macarena, che aveva messo in cinta nel mese di maggio una ex monaca di nome Monica che abitava a Monza al numero mille, in un magazzino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
30

Urlo

18 September 2017

Alan fissava la sveglia da circa un'ora. Erano le sei e cinquantacinque. L'ansia non smetteva di tormentarlo, e a niente servivano tutti gli ansiolitici che prendeva. Aveva un colloquio di lavoro giù al porto, nemmeno sapeva di cosa si trattasse. Era da sei mesi che non lavorava. Aveva tirato avanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Ti ho messo mi piace perché sei bravo ad esprimere emozioni non certo [...]

  • Puccia: Il mio commento sopra si riferisce al tuo racconto, crampi allo stomaco, che [...]

7
14
43

MR B 2

COME TI TROMBO ALLA GRANDE MA TU HAI LA TESTA DA UN ALTRA PARTE.

18 September 2017

Ci rivedemmo ancora, per sedute di buon sesso. Mi invitò al suo posto di lavoro dove cosumammo l'aplesso in orariodi chiusura, prima sulla scrivania del capo, poi in guardiola, e per ultimo ma non meno intenso sulla sedia girevole di una che gli stava sul cazzo. Inizio cosi una sana relazione sessuale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: Wow Bibbi! Sei una forza della natura... senti come avrai capito io sono [...]

  • Bibbi: Contaci!!!👍🏻😂💋

7
8
18

FINE ESTATE...

18 September 2017

Come sono belli questi giorni di settembre, sola con il mare, con il vento, con il sole, con la sabbia, con le parole silenziose di un libro, mentre in fondo, sulla striscia blu, all'orizzonte lontano, dolce come miele scivola lenta una vela...

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Bella e delicata questa poesia e bello il mare in autunno, loadoro!
    Brava [...]

  • Roberta21: Brava davvero

3
4
15

L'ultimo suono

17 September 2017

Thomas si era trovato nell'ennesima stanza di un alberghetto economico appena fuori dal centro di Amsterdam, ma non faceva molta differenza che fosse lì o nella prima periferia di qualche altra città del mondo dove il suo lavoro lo portava a trascorrere la sua vita in viaggio tra un aereo e l'altro. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
11
26

Sotto la pelle... tu

17 September 2017

Chiudo gli occhi e risento il tuo sapore. Mi manchi. Piccole fiamme di desiderio mi divorano lentamente. Ti penso Come un blocco di ghiaccio in un giorno torrido d'estate solo un tuo bacio potrebbe placare l'arsura che mi consuma. Ho voglia di te . Il ricordo dei tuoi gesti vive [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
15

Di sera, un geranio

17 September 2017

S'è liberato nel sonno, non sa come; forse come quando s'affonda nell'acqua, che si ha la sensazione che poi il corpo riverrà sú da sé, e sú invece riviene solamente la sensazione, ombra galleggiante del corpo rimasto giú. Dormiva, e non è piú nel suo corpo; non può dire che si sia svegliato; [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Yoda: Lo svolgimento, a tratti, ha un ritmo un po' antico ma il finale è [...]

  • Puccia: Stupendo!

Torna su