Paolo Munegard si sedette vicino al finestrino, tamburellando con le dita contro il vetro gelido. Non ci volle molto perché le gocce d’acqua gli impedissero di guardare fuori, trasformando i finestrini doppi dell’aereo in un curioso quadro impressionista. Fino all’ultimo momento aveva avuto la fortissima tentazione di restare a terra, paralizzato dalla paura di volare, ma così facendo avrebbe perso l’appuntamento più importante della sua vita. L’aereo iniziò a rollare con dolcezza. Di lì a poco, si sarebbe fermato di colpo in mezzo alla pista per poi sfrecciare nel vuoto. Per un attimo, Paolo trattenne il fiato immaginandosi gli scenari più tragici. Proprio quando stava per alzarsi in preda al panico, una mano dalle unghie laccate di verde gli picchiettò seccamente sul braccio. La donna bionda accanto a lui, che un tempo era statala sua insegnante di inglese, lo fissava spazientita. I capelli indomabili, le labbra sottili colorate di rosso e l’abbigliamento stravagante la rendevano unica nel suo genere.
« La vuoi smettere di preoccuparti?»
Paolo tirò un  sospiro di sollievo e sentì che la tensione lo stava abbandonando.  
------------------------------
In quello stesso momento, una maestosa nave da crociera stava facendo il suo ingresso nel porto di La Valletta. In molti si erano accalcati sul ponte armati di macchina fotografica, nell’inutile tentativo  di strappare un pezzetto d’anima a quel tramonto infuocato. Appoggiato alla balaustra della nave,  lo sguardo fisso verso le alte mura della città, un uomo contemplava il calar del sole. La pietra bianca della roccaforte per un attimo sembrò riflettere i suoi pensieri. In mezzo a tutte quelle persone, Leonardo Spada era solo.
Accanto a lui una ragazza dai capelli dorati lanciò un gridolino di gioia.
«Finalmente siamo arrivati, Leonardo! Non è meravigliosa? »
 L’uomo scosse la testa diverse volte, come a voler scacciare un’idea, e un sorriso amaro moltiplicò le rughe sulla pelle abbronzata.
La ragazza sorrise a sua volta, il viso dalla pelle chiara arrossato per il sole, gli occhi pieni d’amore.
 ---------------------------------
A parecchi chilometri di distanza, un’anzianasignora si era persa in una delle tante calli di Venezia. Magra e ossuta, i capelli grigi raccolti in uno chignon scompigliato,  Zelda Marchesin si passò una mano sulla fronte cercando di ricordare la strada. Lo scialle trapuntato di stelle che portava sulle spalle ondeggiava morbidamente al vento, lasciando intravedere il sacchettino color porpora che teneva legato al collo. Di fianco a lei, la sua migliore amica scosse la testa con aria disperata.
 «Non possiamo chiedere a qualcuno? Sono ore che camminiamo»
Zelda sbuffò, aprendo una cartina spiegazzata« Possiamo cavarcela benissimo da sole»
D’un tratto videro una stradina laterale che non avevano ancora percorso. Si scambiarono uno sguardo complice, certe di avercela fatta.
 ------------------------------------
Il cuore di Edimburgo ospita uno splendido giardino. E’ circondato da alte mura di pietra grigia e vi si accede attraverso un ampio cancello nero in ferro battuto. La vista che si gode da quel luogo al tramonto è unica … poco importa che si tratti di un cimitero.
Paolo Munegard estrasse dalla tasca della giacca il cellulare, e compose un numero.
--------------------------------------
«E’ il momento?» rispose Leonardo Spada con l’aria un po’ autoritaria degli uomini di una volta,losguardo  fisso sul tramonto. Con la mano libera, estrasse una piccola scatoletta di metallo dalla borsa a tracolla.
«E la signora Zelda? Non dobbiamo aspettare anche lei? » chiese Paolo, che a sua volta reggeva  in mano una piccola urna.
«Quella non si è nemmeno portata dietro il cellulare!»
Leonardo interruppe la conversazione.
 ---------------------------------------
Zelda, appoggiata al corrimano di pietra del Ponte dei Sospiri, soppesò per un attimo il sacchettino color porpora, alzandolo verso il cielo come a voler  fare un brindisi. Il tramonto illuminava il piccolo canale scavandosi uno spiraglio di luce tra le case alte e strette della città lagunare. La donna abbassò la mano, rovesciando una piccola nuvola di cenere nel vuoto.
«Addio, amica mia. Ne abbiamo passate tante insieme!».
Tre persone, tre momenti e un unico modo per ricordare Giada Costante, brillante professoressa d’inglese, amata moglie eamica fidata, complice di tante avventure.
2
4
21

Avalon

nascita di una leggenda

23 April 2018

Non c’era re, cavaliere o dama che non fosse attratto dalle storie che si raccontavano sul bosco di Avalon, celato dalle nebbie eterne del lago che era ai piedi della montagna. La figlia del re, in dubbio sulla scelta del futuro marito, chiedeva come prova di coraggio e di amore al pretendente [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Lo Scrittore: ciao Flavia, avrai ragione certamente, ma questa è solo una mia invenzione, [...]

  • flavia: Leggilo insieme a tutti gli altri della stessa autrice, molto fantasiosa ma [...]

5
5
18

Rinoplastica

23 April 2018

Ancora l’auto non si era messa in moto che già Lisa mormorava sconsolata: «Come farò, da sola, laggiù?» “Laggiù” indicava la Casa di Cura Villa Felice, appena tre isolati più avanti, ma per lei voleva dire allontanarsi dal suo appartamento, dalle braccia avvolgenti del marito, dalla gatta, dalle [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Lo Scrittore: quello della chirurgia estetica è un mondo tutto particolare, ci si [...]

  • Walter Fest: Brava Patrizia bel testo analitico della personalità. Molti anni vedevo [...]

4
3
15

Troppa fretta

23 April 2018

Mi hai stretto la mano e mentre io ti abbracciavo con gli occhi ho rivisto i nostri giorni insieme papà. Perché questa fretta di lasciarmi? E da allora il nostro tempo si è fermato. Cristallizzato in un ultimo sguardo . Avevo ancora bisogno di te. Della tua presenza. Del tuo sorriso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: Papà e mamme ci lasciano sempre troppo in fretta, ma restano nel nostro [...]

  • Bibbi: Bella e molto triste i genitori non siano mai pronti a lasciarli

4
5
20

La leggenda del vecchio bianco

22 April 2018

La leggenda del vecchio bianco era una di quelle storie che alimentavano la curiosità e la paura del bosco. Nessuno in paese lo attraversava volentieri, gli adulti perché erano costretti, i bambini più piccoli, impressionabili, ne restavano lontano, ma gli adolescenti e i giovani facevano a gara [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Carissimo Lorenzo, altra tua opera fiction che ho letto con gusto, con piacere [...]

  • Lo Scrittore: domani, ancora bosco sotto un'altra veste! mi stanno pubblicando quasi [...]

10
18
36

Il Genio della Lampada D'Oro

dovevo ascoltare Francesca

22 April 2018

Finalmente dopo mesi che mi programmavo di farlo, stamattina riesco a ritagliarmi del tempo libero per una corsetta nella spiaggia della mia città, ma non sono passati nemmeno cinque minuti che inciampo rovinosamente su qualcosa senza però farmi male, in quanto atterro sul morbido. Guardo scocciato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adamo Stuardi: Un lavoro fisso a 33 anni è già di per sé favoloso, figuriamoci [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Adamo, grazie per il tuo gradito passaggio e per il tuo simpatico ma tutto [...]

2
4
13

Assaggiamo la quarume...

22 April 2018

La vedi scolare dopo essere stata lavata per bene, già in bella mostra nelle carrozzerie di paese il lunedì o il martedì, quando al macello scannano gli animali. Fresca ed invitante in tutta la sua carnalità, la quarume si arricchisce dalla millefoglie, dallo ziniere, dalle animelle, che, pronte [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
16

Diogene

21 April 2018

Nel villaggio non era rimasto nessuno. Un po’ alla volta, lentamente come lo scorrere del fiume che giù a valle sonnecchia nel suo letto di sassi, gli abitanti erano andati via. Il vecchio borgo non poteva offrire più una parvenza di vita adeguata. Ora era rimasto solo il vento il padrone assoluto [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Carissimo Lorenzo, questo racconto dal titolo filosofico per via del nome, [...]

  • Lo Scrittore: se ricordi il Diogene greco, il filosofo, lui andava in giro anche di giorno [...]

3
7
23

L'uomo dal berretto rosso

Racconti varesini

21 April 2018

L’uomo dal berretto rosso sbucava ogni mattina, dal lunedì al venerdì, esattamente tre minuti prima delle otto, all’inizio di Corso Matteotti a Varese. L’uomo dal berretto rosso si chiamava Claudio, aveva 58 anni ma ne dimostrava molti meno e, con passo rapido ed elastico, percorreva tutto lo storico [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

7
13
33

Tony Mal

Amore sarchio

21 April 2018

Chi era Tony Mal? Tony Mal era una persona che ad un certo momento della sua vita aveva modificato il proprio destino. Dalla morosa abbandonato per un poeta fighetto, licenziato dal call center perchè al lavoro cantava, sì, vabbè, in fondo non si era perso niente e, trovandosi sentimentalmente [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

3
4
17

Gli spiriti del bosco

20 April 2018

Era passato il tempo delle streghe, degli stregoni e dei draghi, ora si viveva in pace e armonia, ma la gente del villaggio non riusciva a dimenticare gli anni bui, tutti i patimenti sofferti e le angherie che aveva dovuto subire a causa di questi esseri. Viveva sì in pace, ma nella perenne paura [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
7
74

Capretti

20 April 2018

Mi servirebbero in prestito gli aggettivi più incisivi, le forme più esplicite per raccontare come e quanto odiassi la scuola! Forse tutto è dipeso dagli esordi, dall’inizio di quella che è stata un’ infausta carriera scolastica. Odiavo la scuola come si può odiare la galera, una malattia, qualunque [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
9
28

Quand'ero scemo

20 April 2018

Accidenti al professor Zimmergaut. Chi glielo aveva chiesto di farmi quel buco nel cervello? A dire le cose come stanno, la colpa è di mia madre. Sì, d’accordo, ma io? Si sono informati se mi stava bene? «Ma tu non eri in grado d’intendere e di volere» direbbero loro. Loro sono la mia famiglia. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patrizia Poli: Ciao Giuseppe. Come già ti dissi, nessuna critica sociale o intento [...]

  • Lo Scrittore: che Patrizia sia una ottima penna è ormai assodato, complimenti, ma [...]

Torna su