Da mesi ho imparato a spiccare il volo grazie a delle necessarie esperienze negative, volare per non guardare in basso e la bassezza di certa gente, volare sinonimo di progredire, volare senza che nessuno mi tarpi le ali.

Giorno dopo giorno volteggio sempre più in alto, a volte sento degli sparialcuni vorrebbero colpirmi e farmi capitolare a terra. Bah! Poveri illusi, non ci lascerò le penne tanto facilmente, tra l'altro con questi artigli, oltre quell'afferrare tutto ciò che voglio, attraverso di essi, se occorre, sarò capace di difendermi e di lasciare il segno.

Eh sì, per un'aquila come me gli artigli sono estremamente importanti, così come il becco, prodigandomi piuttosto a chiuderlo il più possibile per una questione preventiva, e poi ci sarebbero gli occhi, altra caratteristica degna di nota, da tenere necessariamente bene aperti in modo tale da aguzzare la vista prestando attenzione persino nelle più piccole cose.

Da oggi in poi l'aquila rappresenta e rappresenterà il mio animale simbolo: protezione, forza, mascolinità, saggezza, spiritualità nonché (pro)cacciatore di sogni e obbiettivi, tra cui diventare un O.S.S. (Operatore Socio Sanitario) non prima di cominciare dal gradino più basso cioè l'O.S.A. (Operatore Socio Assistenziale).

Avrei dovuto farlo molto tempo fa, purtroppo la cornacchia sbagliata che fungeva tra l'altro come uccello del malaugurio, lei, assieme a quegli uccellacci e uccellini (no, Pasolini non c'entra), anzi, sarebbe più esatto dire avvoltoi che mi svolazzavano intorno, venni ahimè indirizzato male comportando una brusca frenata per non dire una orrenda caduta.

Si dice che ogni giorno rappresenti un'opportunità, e infatti ebbi l'occasione giusta per mollare "al volo" cornacchia e relativi uccelli saprofagi trovando finalmente ossigeno oltre che il tanto cercato equilibrio.

Tra l'altro recentemente una splendida Araba Fenice ha fatto breccia nel mio cuore facendomi rinascere e a tal proposito un altro mio obbiettivo importante sarebbe quello di costruirmi un nido d'amore assieme a lei.

Troppi sogni da realizzare, troppi idee in testa, troppa libertà, troppa voglia di dare il massimo e troppa voglia di VIVERE!

 

Attualmente sto passando un periodo molto duro poiché mi cimento in maniera assidua per il conseguimento del primo step, vale a dire l’iniziale qualifica che mi sono prefissato in qualità di O.S.A., per non parlare dei dovuti studi e turni lavorativi non proprio comodi. 

Non credo di essere mai stato in vita mia così tenace, così forte, così convinto, e non vedo l'ora di iniziare il tirocinio che si terrà tra qualche settimana.

Uno degli insegnanti del Centro di Formazione Professionale che sto frequentando a noi corsisti, svariati giorni fa, ci riferì testuali parole:

«Ragazzi, comunicateci già da adesso le vostre taglie in quanto al più presto vi daremo le divise. Quello che vi raccomandiamo è questo: alla consegna delle uniformi da lavoro, soprattutto per quando sarà, siatene degni e capaci!»

Io e gli altri compagni di corso ci limitammo ad annuire all'unisono in maniera entusiasta.

«Scusami, nel mio caso più che capace, preferirei rapace, posso fare una richiesta? Mi potreste dare una divisa personalizzata di colore verde con su scritto il titolo di uno dei più bei film con Clint Eastwood?» proposi col chiaro scopo di azzardare una battuta di spirito.

«Quale?» mi chiese con curiosità l'insegnate di fisioterapia.
«Dove OSAno le aquile. OSAno= OSA. Mi raccomando le tre lettere a caratteri cubitali!»

Mi è difficile raccontare le risate che echeggiarono per tutta l'aula.

«Siccome so che dopo l'O.S.A. desideri diventare O.S.S., scommetto che anche in quel caso vorrai un vestiario personalizzato, dico bene?» mi domandò ancora il giovane docente con una punta di ironia.

«Ebbene si" risposi con simpatica prontezza «divisa sempre verde con su scritto: O.S.S. - Operatore Socio Scilipoti»

Altre risate, altra energia e... W l'aquila che c'è in me!

1
1
6

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su