Da mesi ho imparato a spiccare il volo grazie a delle necessarie esperienze negative, volare per non guardare in basso e la bassezza di certa gente, volare sinonimo di progredire, volare senza che nessuno mi tarpi le ali.

Giorno dopo giorno volteggio sempre più in alto, a volte sento degli sparialcuni vorrebbero colpirmi e farmi capitolare a terra. Bah! Poveri illusi, non ci lascerò le penne tanto facilmente, tra l'altro con questi artigli, oltre quell'afferrare tutto ciò che voglio, attraverso di essi, se occorre, sarò capace di difendermi e di lasciare il segno.

Eh sì, per un'aquila come me gli artigli sono estremamente importanti, così come il becco, prodigandomi piuttosto a chiuderlo il più possibile per una questione preventiva, e poi ci sarebbero gli occhi, altra caratteristica degna di nota, da tenere necessariamente bene aperti in modo tale da aguzzare la vista prestando attenzione persino nelle più piccole cose.

Da oggi in poi l'aquila rappresenta e rappresenterà il mio animale simbolo: protezione, forza, mascolinità, saggezza, spiritualità nonché (pro)cacciatore di sogni e obbiettivi, tra cui diventare un O.S.S. (Operatore Socio Sanitario) non prima di cominciare dal gradino più basso cioè l'O.S.A. (Operatore Socio Assistenziale).

Avrei dovuto farlo molto tempo fa, purtroppo la cornacchia sbagliata che fungeva tra l'altro come uccello del malaugurio, lei, assieme a quegli uccellacci e uccellini (no, Pasolini non c'entra), anzi, sarebbe più esatto dire avvoltoi che mi svolazzavano intorno, venni ahimè indirizzato male comportando una brusca frenata per non dire una orrenda caduta.

Si dice che ogni giorno rappresenti un'opportunità, e infatti ebbi l'occasione giusta per mollare "al volo" cornacchia e relativi uccelli saprofagi trovando finalmente ossigeno oltre che il tanto cercato equilibrio.

Tra l'altro recentemente una splendida Araba Fenice ha fatto breccia nel mio cuore facendomi rinascere e a tal proposito un altro mio obbiettivo importante sarebbe quello di costruirmi un nido d'amore assieme a lei.

Troppi sogni da realizzare, troppi idee in testa, troppa libertà, troppa voglia di dare il massimo e troppa voglia di VIVERE!

 

Attualmente sto passando un periodo molto duro poiché mi cimento in maniera assidua per il conseguimento del primo step, vale a dire l’iniziale qualifica che mi sono prefissato in qualità di O.S.A., per non parlare dei dovuti studi e turni lavorativi non proprio comodi. 

Non credo di essere mai stato in vita mia così tenace, così forte, così convinto, e non vedo l'ora di iniziare il tirocinio che si terrà tra qualche settimana.

Uno degli insegnanti del Centro di Formazione Professionale che sto frequentando a noi corsisti, svariati giorni fa, ci riferì testuali parole:

«Ragazzi, comunicateci già da adesso le vostre taglie in quanto al più presto vi daremo le divise. Quello che vi raccomandiamo è questo: alla consegna delle uniformi da lavoro, soprattutto per quando sarà, siatene degni e capaci!»

Io e gli altri compagni di corso ci limitammo ad annuire all'unisono in maniera entusiasta.

«Scusami, nel mio caso più che capace, preferirei rapace, posso fare una richiesta? Mi potreste dare una divisa personalizzata di colore verde con su scritto il titolo di uno dei più bei film con Clint Eastwood?» proposi col chiaro scopo di azzardare una battuta di spirito.

«Quale?» mi chiese con curiosità l'insegnate di fisioterapia.
«Dove OSAno le aquile. OSAno= OSA. Mi raccomando le tre lettere a caratteri cubitali!»

Mi è difficile raccontare le risate che echeggiarono per tutta l'aula.

«Siccome so che dopo l'O.S.A. desideri diventare O.S.S., scommetto che anche in quel caso vorrai un vestiario personalizzato, dico bene?» mi domandò ancora il giovane docente con una punta di ironia.

«Ebbene si" risposi con simpatica prontezza «divisa sempre verde con su scritto: O.S.S. - Operatore Socio Scilipoti»

Altre risate, altra energia e... W l'aquila che c'è in me!

1
1
5

CSInstagram

27 January 2020

Era ora di mettersi al lavoro. La ragazza sfoderò il suo cellulare. Per un attimo la cover metallizzata incontrò un raggio di sole e un forte riflesso ne scaturì. Ricordava proprio un guerriero che estraeva la spada dal fodero pronto a combattere i suoi nemici. Il ragazzo che aveva adocchiato si [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
6

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
10

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Speravo ti piacesse. sopratutto per come te e me si ama la cinematografia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Guarda, l'ho letto dopo la mezzanotte e non ho aspettato l'indomani [...]

10
19
69

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
16

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
14
68

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: ammazza Giuseppe..argomento tosto e sempre in essere ,,purtroppo. scena molto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, quanto hai letto è forse lo scritto più serioso [...]

1
0
19

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su