L’aprimitilli - Maggio 2004 

In quell'anno lavoravo dai Palazzo come commesso/magazziniere in un negozio di articoli casalinghi, precisamene per il quarto anno consecutivo e presto mi sarei licenziato in quanto ero in attesa di essere chiamato per il servizio militare.

Lavorare in quel negozio non mi dispiaceva affatto, ma c'erano parecchie note negative, a cominciare dagli orari di chiusura quasi mai rispettati, una salario piuttosto basso che si attestava sulle 200 euro al mese, l'intransigenza e la severità dei titolari dispotici ed infine i clienti che mi facevano andare fuori di melone in molte occasioni.

Un giorno mentre stavo sistemando in uno scaffale delle caffettiere e dei thermos, entrò una signora di mezza età dall'aria chiaramente borghesotta.

Non mi fu difficile etichettarla tale per via del suo "buonasera!" detto in maniera immodesta, dall'andatura rigida come se gli avessero piantato un palo nel culo e dal suo completo di colore grigio scuro come i suoi capelli.

Cominciò con circospezione a guardarsi in giro toccandosi più volte con il pollice e l'indice la montatura dorata dei suoi occhiali e pregai mentalmente che non venisse a disturbarmi.

Riconoscevo praticamente fin da subito gli scocciatori e ahimè le mie preghiere non furono ascoltate.

«Mi scusi, sto cercando un aprimitili!» esordì.

«Un apri che?» chiesi come se non avessi afferrato bene le sue parole.

«Un aprimitili!» disse ancora.

«Un aprimirtilli?» storpiai erroneamente

«Un aprimitili!» insistette.

«Un aprimitili? Ma cosa sarebbe?» Le domandai con fare interrogativo.

«Come fa a non saperlo?' Mi domandò a sua volta.

Pur sforzandomi a capire cosa fosse, non ne venni a capo, tra l'altro la cliente non solo non mi aiutò ad identificare l'arnese dal nome curioso ma continuò la sua tiritera ad oltranza con frasi del tipo:

«Oh insomma, non le sto chiedendo nulla dell’altro mondo, desidero un aprimitili!» «Come fa a non sapere cos'è un aprimitili, è o non è un commesso in questo casalinghi?» «Un aprimitili, vuole che le faccia un disegnino?»

Mi sentii un po’ come impazzire, non mi restava di chiedere aiuto ad uno dei due anziani titolari, un azione che avrei preferito evitare in quanto avevano la tendenza di lamentarsi e di rimproverarmi aspramente se non riuscivo a servire adeguatamente i clienti.

«Signora Ada, la cliente mi chiede un aprimitili ma non so come aiutarla!» esposi timidamente temendo una sua prevedibile reazione non positiva.

«Aprimitili? Giuseppe ma sicuro che non hai sentito male?» mi disse sbuffando la vecchia.

La borghesotta ci guardò con aria altezzosa, come se fossimo degli ignoranti e incapaci.

«Vorrei un aprimitili!» rinnovando la sua richiesta con espressione sempre più sdegnata e corrugata.

Anche il marito della proprietaria fu chiamato in causa ma si sentì anche lui come in difficoltà e chiese a quella donna in parole povere cosa fosse quell'oggetto apparentemente sconosciuto.

Infatti, mi apparve che la cliente lo facesse come apposta a non dirci in che cosa venisse impiegato quel curioso strumento da cucina, decidendo di rimanere sibillina.

Finché Pino, uno dei due figli dei titolari, essendo molto esperto ed un perfetto conoscitore delle attrezzature casalinghe, avendo prestato in qualche modo attenzione alla situazione creatasi, lasciò per un attimo in sospeso un'altra cliente e andò a risolvere l’enigma.

«Giusepe, la signora vuole un apricozze, i mitili sarebbero i molluschi, che sia la prima e l'ultima volta che lo dico!» mi indicò l’uomo con atteggiamento acido.

Inutile dire che i Palazzo diedero appoggio al figlio facendomi sentire un imbecille dopo che persino loro due stessi non sapevano che in realtà l'aprimitili era un maledetto coltellino.

La donna in grigio fu servita e se ne andò finalmente via.

E come ciliegina sulla torta quasi all'orario di chiusura, un'altra signora attempata volle da me un set fonduta utilizzata principalmente per la fondue di formaggi, di carne o per la cioccolata, ahimè collezionando come da copione un altro severo rimprovero da parte dei titolari.

Dovetti ammettere che fu la prima volta che sentii parlare di questo set formato dal caquelon, (una sorta di casseruola, in ghisa, terracotta o porcellana), per ovvi motivi risultando un prodotto prevalentemente adoperato dagli svizzeri o al massimo dai piemontesi e dai valdostani, sconoscevo fino a quel giorno quel genere di attrezzatura di cui il negozio stranamente nonché paradossalmente risultava fornito.

Evidentemente il set aveva preso piede anche in Sicilia anche se comunque mi giustificavo tra me e me che il mondo della Cucina era ed è talmente vasto, ragion per cui quattro anni di impiego risultavano pochi per imparare tutto.

 

Una volta a casa, mia madre si accorse fin da subito che immancabilmente anche quella sera rincasavo avvilito e spossato.

«Peppe, com'è andata la giornata? Ti ho preparato le cozze! Hai fame?» mi chiese con aria dispiaciuta.

«Mamma non ti ci mettere anche tu! Oggi sono proprio cotto, anzi no fuso...come una fondue!»

 

 

 

Il mercataro intelligente - Ottobre 2006

Avevo da poco terminato il servizio militare, essendo in attesa di trovare un valido impiego, saltuariamente andavo a lavorare con mio cugino Mariano e con i miei zii al mercato in ambito vestiario.

Non si trattava di un lavoro troppo stancante, dovevo alzarmi tre volte a settimana alle 6 del mattino, non vergognarmi a 'abbanniare' cioè attirare l'attenzione dei passanti reclamizzando la propria merce a voce alta ed infine con i modi giusti cercare di essere più bravo possibile nella vendita, specie con i clienti incerti o tediosi anche a costo di dimostrarmi sfacciato.

La pazienza non mi mancava semmai non avevo molta esperienza e non ero un cultore delle marche dal momento che la roba firmata non ha mai suscitato in me un particolare interesse.

A tal proposito mi capitò un episodio degno di nota.

Una mattinata, una bella bruna mi chiese informazioni su alcuni pantaloni.

«Scusami» mi disse dopo aver preso in visione vari capi «ho notato che non avete jeans Inblu, quando vi arrivano?»

«Ti sbagli, guarda quanti jeans in blu ci sono qua!' le risposi sicuro di me indicando con un cenno una delle nostre tre bancarelle.

La giovane sorrise per poi andare in direzione di mio cugino che in quel momento stava piegando alcune magliette e si mise piacevolmente a parlare con lui.

Essendo una cliente fissa da anni non mi stupii della loro confidenza però notai con un certo fastidio che mi deridevano, diventando oggetto di discussione.

Dopodiché Mariano mi raggiunse e mi diede pacca sulla spalla accompagnata da un'espressione chiaramente da sfottò.

«Ehi, minchione, guarda che Inblu è una marca, non ti aveva chiesto dei pantaloni in o sul blu!» mi schernì.

«Che figura!» esclamai.

«Sai cosa mi ha detto di preciso su di te?»

«No, cosa?» chiesi incuriosito.

«Quel ragazzo è bellino peccato che è un po’ cretino!»

 

 

0
0
0

Elsa

la temeraria

17 February 2019

È domenica. Oggi mi aspetta una grande avventura organizzata dal nostro allenatore. Io faccio parte di una squadra di cicliste donne che predilige le robuste mountain bike alle bici da strada, troppo femminili e delicate per noi. Il contatto con la natura è la motivazione maggiore che ci induce [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
2
3

Racconto - 2/2

17 February 2019

24‭ ‬dicembre‭ ‬1989 Tutto il giorno ad aspettare una chiamata.‭ ‬Almeno lui si può muovere,‭ ‬non ha‭ ‬uno specchio che lo tormenta.‭ ‬A sera finalmente squilla il telefono. ‭"‬Ciao,‭ ‬Nicola,‭ ‬sono Alessandro‭"‬. ‭"‬Ciao,‭ ‬bell'uomo,‭ ‬dimmi qualcosa di bello‭!" " 'Qualcosa di bello‭'! ‬Ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come promesso, ho atteso dopo la mezzanotte per seconda parte, davvero interessato [...]

  • ducapaso: Questo è uno dei più vecchi, non ricordo neppure con precisione [...]

0
0
2

Foto

17 February 2019

Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Tu di profilo e la fotocamera puntata. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. "Vento capriccioso!" dici, tastando i capelli. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Il vento mi è complice, soffiando ti pettina. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Sparo una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
7

Tutto in un giorno

16 February 2019

Trotterellando come una trota di torrente in trasferta nel Ticino, mi trovai su una tradotta sul tratto Torino-Tirano insieme ad un un frate trappista, una traduttrice tedesca di lingua madre tibetana e un teppistello tredicenne con uno strano turbante in testa a forma di turacciolo. Con tutti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: la tua confusione mentale è sempre divertente

2
4
14

Racconto - 1/2

16 February 2019

Quante volte capita di guardarsi allo specchio ‭ ‬e di non riconoscersi‭? E quante altre,‭ ‬per un gioco di luci,‭ ‬un riflesso o una distrazione,‭ ‬sembra che si sia qualcun altro al di là del vetro‭? Ci abituiamo a non pensarci,‭ ‬a non far caso,‭ ma qualcuno si pone mai seriamente il problema‭? [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buondì ducapaso,, "attraverso" uno specchio hai tirato fuori [...]

  • ducapaso: Questo era l'ultimo che avevo.preparati appena iscritto, da allora non [...]

2
2
12

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA

16 February 2019

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA Giorno di festa L’immagine di un’attesa Dopo un lungo discorso. I gradini di una piazza Mostri che si accavallano Nella mente e negli occhi. Il ricordo di un identico giorno Tante vite trascorse o vissute In un millesimo di vita. Lo stesso vino come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Direi, decisamente, una poesia di buon livello, Un'appropriata metafora [...]

  • flavia: poche pennellate per entrare come in sogno nel ricordo, sottile e lieve come [...]

3
3
12

Annelise

l'oggetto

15 February 2019

< Signor Levinski vi prego concedetemi ancora del tempo, il negozio, lo potete vedere anche voi, si sta riprendendo. C’è stato un periodo di rilassamento a causa di questa maledetta guerra che Napoleone sta lanciando su tutta l’Europa. La gente ha paura e spende poco, ma sembra che il nostro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

6
10
22

Solitudine sotto la neve

15 February 2019

Dalla finestra guardo il giardino, fuori nevica, ma io sto al caldo. In questi giorni hanno aumentato i gradi perchè nella casa vivono persone molto anziane, quasi centenari. Nella mia solitudine ammiro lo strato bianco che si posa pian piano a coprire ogni cosa. La coperta bianca e fredda della [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: cara Lory si può essere soli in mezzo alla gente ed è molto brutto, [...]

  • Surya: Bravissima Flavia,
    Testo molto toccante...
    Come si chiamerà [...]

5
5
15

Il papà nel cassetto - 2/2

15 February 2019

Già, la mamma. Perché da quando Papi era andato via le cose non avevano fatto che peggiorare, e la mamma aveva attraversato diverse fasi: dopo il primo momento di rabbia cieca, (in cui Edoardo l’aveva guardata impaurito e tremante da sotto il tavolo fare a pezzi foto e oggetti che avevano a che [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
5
20

LA MEGLIO GIOVENTU’  (2003)

14 February 2019

LA MEGLIO GIOVENTU’ (2003) Fra il 1966 ed il 2003 si dipana la storia, privata e pubblica, di Nicola e Matteo, fratelli così diversi fra di loro eppure così vicini. Promettenti studenti universitari, condividono sogni e speranze, fino all'incontro con Giorgia, ragazza psichicamente disturbata, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • piero: Bella recensione di un mega film che racconta bene quegli anni formidabili. [...]

  • Adalberto: LA MEGLIO GIOVENTU' su Raiplay
    https://www.raiplay.it/programmi/lamegliogioventu/

7
6
17

Il papà nel cassetto - 1/2

14 February 2019

Dodici anni: pochi, per poter essere considerato “grande”… troppi, per appartenere ancora a quel mondo, quello dell’infanzia, in cui tutto è forse più semplice. Eh si, se avesse potuto Edoardo sarebbe tornato volentieri indietro di un bel po’. Magari alla scuola materna, per non avere compiti da [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Scrittrice imperfetta: Buongiorno a tutti!! Scily, grazie, come sempre il tuo commento aggiunge sfumature, [...]

  • Surya: Wow! I tuoi testi arrivano dritto dritti al cuore, sei bravissima! E ora vado [...]

4
3
16

Spoon river

14 February 2019

Strane radici invadono corpi sotto un cupo cielo lacerato dal tuono e una pioggia cattiva intride una terra riarsa e immemore di pagani riti mentre vapori indistinti si alzano lenti come anime incerte di vaghi ectoplasmi ...e da lontano cigolando stride una vecchia giostra arrugginita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Nerissimo, ehm... carissimo Ferry, una poesia grigia e bigia, dove ti imperni [...]

  • Walter Fest: Questo è un commento invisibile perché dal momento che tu (per [...]

Torna su