«Leggo sempre i tuoi racconti, hai un animo dolcissimo, sei tenerissimo, non posso credere che esistono uomini ancora capaci di emozionare, di trasmettere sentimenti cosi puri come i tuoi, Giu...io desidero incontrarti, desidero specchiarmi nei tuoi occhi color Nutella, desidero dirti tante di quelle cose, desidero sentire la tua voce, desidero semplicemente te. Ecco, finalmente sono riuscita a dirtelo.

Non aver paura, cancellerò ogni traccia del tuo tormento, ma devi mostrarmi il tuo coraggio, spalanca finalmente le porte del tuo cuore e raggiungimi, ti aspetto al lido "Sea Blue" di Olivieri, mi troverai sicuramente.»

Queste sono le parole che mi ha appena scritto La Bionda dopo aver letto "Heart and Magic" l'ultimo racconto pubblicato dal sottoscritto qui su Letture da Metropolitana. 

Un'eruzione di emozioni si impadroniscono del mio cuore, proprio come un vulcano che sembrava destinato a restare estinto per chissà quanto tempo a causa di profonde delusioni, invece inaspettatamente ha reclamato la sua essenza prorompente.

Dio, 15 km ci separano, ardo dalla voglia di vederla.

Conosco soltanto il nick, che abita in una città abbastanza vicina alla mia e che ha letto tutti i miei racconti, infatti rileggo proprio adesso alcuni suoi recenti commenti cosi belli e cosi teneri.

Osservo la sua immagine del profilo utente, in sostanza un selfie ben riuscito, in cui si nota che ha dei lunghi capelli dorati, gli occhi azzurri come il cielo, la pelle chiara e un'espressione delicata, quasi angelica.

«Che sia finalmente la volta buona?» dico tra me e me ad alta voce.

«Io ci sarò, sto arrivando!» le scrivo deciso, mentre lei si limita a rispondermi con innumerevoli <3<

Gli amici autori/lettori del sito scrivono tantissime cose positive all'interno della casella inerente al già citato componimento, fanno il tifo per noi, che cari che sono.

«Buttati Scilyx, non perdere questa occasione!» mi consiglia Scrittrice imperfetta, «Aò, te devo menà? mòvete!!!» mi scuote Walter, «Cucciolo, vai da questa ragazza!» mi esorta Flavia...

Questi sono alcuni degli esempi che non posso di certo ignorare o sorvolare, assolutamente no.  

Spengo il Pc, oggi è una bellissima giornata di sole, ideale per andare al mare e per amare, una giornata che spero nel mio profondo mi possa finalmente regalare quello che ho da sempre cercato, ossia amore vero e incontrastato.

Non conosco il suo vero nome, glielo chiederò appena ci vedremo, forse sto facendo una pazzia, non voglio credere che sia uno scherzo, ne morirei.

Salgo nella mia auto, metto la chiave nel quadro, e ahimè non parte!

Faccio diversi tentativi, non vuole proprio saperne, intuisco chiaramente che la batteria è scarica e bisognerebbe metterne una nuova.

L'irritazione è alle stelle e colpisco lo sterzo con un pugno.

Perché proprio oggi, maledizione!

Mi viene un’ idea; nel garage conservo la mia bicicletta, non mi rimane altra scelta benchè sono passati almeno 10 anni dall'ultima volta e senza pensarci due volte vado a prenderla per utilizzarla.

Una volta sopra la mountain bike, mi avvio tenacemente verso il luogo d'incontro.

Non so come spiegarlo ma nell'aria si sentono in continuazione le note di "Inevitabile follia" di Raf, forse ciò è dovuto alla mia mente visto e considerato che ogni giorno ascolto tante volte questa canzone oltre al fatto che mi sento felice, tanto felice.

Comincio a pedalare velocemente, sembro un razzo, e fregandomene dei rischi decido di percorrere l'autostrada, senz'altro il tratto più breve per arrivare al "Blue Sea" al più presto. 

Supero i caselli, mi immetto in careggiata, precisamente nella corsia d'emergenza, me ne infischio altamente delle auto in corsa che mi suonano, continuo imperterrito il tragitto, non voglio assolutamente perdere quest'occasione.

Sento il vento che mi scompiglia i capelli, il profumo della vita che mi avvolge totalmente, quella carica ed energia mai sperimentata prima, vorrei ridere, vorrei piangere,  vorrei cantare e difatti lo faccio soffermandomi sempre sulla già citata canzone di Raf, in primis su queste note:

 

"E questo amore ci darà 

un'incredibile energia 

un varco dove la realtà 

sconfina nella fantasia. 

E quante notti dormirei 

sulla tua dolce prateria 

perché ti voglio e tu mi vuoi 

inevitabile follia."

 

Sarà perché sto pedalando di gran lena ma noto con euforia che sono quasi giunto a destinazione, riesco a scorgere in lontananza l'uscita per Olivieri, tra l'altro conosco l’esatta ubicazione del lido in quanto ci vado ogni estate con la mia famiglia.

Una volta arrivato allo stabilimento balneare, la prima cosa che faccio è quella di parcheggiare la mia bici in un'area destinata ai mezzi a due ruote. 

Mamma mia, quanti ciclomotori, scooter e soprattutto biciclette! Non dovrei stupirmi visto che la località è frequentata prevalentemente dai giovani, riesco comunque a trovare miracolosamente un posto libero, però non ho con me un catenaccio.

Non mi importa nulla, lascio la mountain bike qui e basta.

Scendo una scalinata che conduce alla spiaggia, mi chiedo se veramente ci riconosceremo, chissà, probabilmente la ragazza mi avrà cercato su Facebook e avendo visto le mie foto, potrebbe avere molti più dettagli su cui basarsi per distinguermi.

Non sono in tenuta di mare, sono vestito casual, e mi aggiro tra gli ombrelloni e i bagnanti avanti e indietro.

Purtroppo non la vedo e una certa preoccupazione mi assale, spero non mi abbia beffato.

Le mando alcuni messaggi sulla casella del mio racconto "Heart and Magic" senza ricevere alcuna risposta, tranne uno da Surya che mi scrive:

«Giuseppe, non aprire solo i tuoi occhi ma anche il tuo cuore, rileggi bene l’ultimo suo messaggio.»

«Voglio crederci fino all’ultimo, lo farò amica mia!»

Cerco di guardare con più attenzione, sospiro e scuoto la testa pur preservando ancora una fioca luce di speranza.

Sento che mi sto rassegnando e risalgo lentamente la scalinata a testa bassa per andare a riprendere la mia bicicletta, finchè ad un certo punto mi sento chiamare da una voce armoniosa.

«Giu, aspetta!»

 

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su