Mi trovo in un sentiero bagnato disseminato di sassi, ho perso l’orientamento e di conseguenza non so dove andare.

Dovevo incontrarmi con un tizio per un lavoro stagionale in una baita ma il cellulare purtroppo non prende.

Merda! Oggi capitano tutte a me!

Purtroppo con la macchina non era possibile proseguire e ho dovuto continuare a piedi seguendo alcune indicazioni. Non riesco a quantificare da quanto tempo mi trovo qui. A peggiore le cose una maledetta nebbia che si fa via via sempre più fitta.

Non solo mi sono perso, per giunta avverto una terrificante sensazione di paura impossibile da spiegare.

Si dice che la paura mette le ali ai piedi e infatti comincio a correre.

Mi guardo più volte indietro in maniera ossessiva, comincio a sudare e allo stesso tempo ho i brividi in tutto il corpo. Tutto ciò accompagnato da un profondo senso di solitudine mai vissuto prima.

Ad un certo punto scorgo alcune orme fresche nel terreno ed è come se mi confermassero che qualcuno sia appena passato da lì.

Comincio a sentirmi leggermente sollevato ma non smetto di correre.

Il sentiero sembrerebbe giunto al termine e mi trovo davanti ad una decina di alberi. Mi avvicino sempre di più e riesco a notare un uomo che se ne sta accovacciato vicino all’albero più grande di tutti. A causa della nebbia, non riesco a distinguerlo bene ma si nota chiaramente che respira affannosamente.

Probabilmente come il sottoscritto si è messo a correre a perdifiato come per sfuggire da qualcosa. Ma da cosa poi?

Mi sento fortunato, finalmente una figura umana. Perlomeno non sarò e non mi sentirò più solo.

Una volta giunto dinnanzi all’uomo, gli tocco la spalla per farlo accorgere della mia presenza.

Alza lo sguardo e mi fissa con gli occhi pieni di angoscia e terrore. Rimango letteralmente pietrificato.

Dio mio, sto guardano me stesso! Quell’uomo è identico a me, la stessa corporatura, lo stesso volto e gli stessi abiti.

Sopraffatto dall’orrore, indietreggio per raccogliere un grosso sasso e con violenza glielo scaglio sulla testa fino ad ucciderlo. L’altro me, dopo aver cacciato un urlo, crolla a terra e una pozza di sangue comincia ad allargarsi sul terreno.

Ricomincio a correre superando tutti gli alberi per poi ritrovarmi presto in un nuovo sentiero. Stavolta niente orme, ma sempre bagnato, pieno di sassi e con l’immancabile nebbia.

Un senso di dejà vù mi pervade: Il sentiero che finisce e i soliti alberi, compreso uno che sovrastava tutti gli altri.

Sono sfinito, mi manca il fiato, ho bisogno di rannicchiarmi. Sto malissimo e ho la nausea.

In lontananza vedo avvicinarsi qualcuno, maledetta nebbia, come già avvenuto in precedenza non riesco a distinguere molto.

Abbasso lo sguardo, sento che sto quasi per vomitare.

Mi sento toccare alla spalla e alzo lo sguardo.

Di nuovo me stesso.

Sto forse impazzendo? Mio Dio, cosa sta succedendo?

Lo fisso e l’altro io inorridito fa altrettanto. Raccoglie un sasso abbastanza voluminoso e me lo lancia con ferocia. Mi colpisce in pieno alla testa e comincio ad urlare a causa dal dolore inaudito per poi sprofondare a terra.

 

Mi sveglio si soprassalto con il cuore che mi batte all’impazzata.

Si è trattato di un incubo, sicuramente uno dei peggiori della mia vita. È già mattina.

Vado in bagno e mi sciacquo la faccia con acqua fredda.

Decido di asciugarmi con un grosso asciugamano steso sulla vasca e mi guardo quasi con timore alla specchio. Ho il viso pallido, quasi cadaverico.

Sento vibrare il cellulare dal comodino della mia stanza. Mi è appena arrivato un SMS.

Il mittente è il signor Giorgio Romero, colui che qualche giorno prima aveva risposto ad una mia e-mail riguardo un impiego.

Apro l’SMS per leggerlo.

“Sono spiacente di comunicarle che riguardo l’offerta lavorativa alla baita di Messe non se ne fa più nulla in quanto abbiamo già provveduto. Le auguro una serena giornata.”

Niente lavoro quindi. Come dovrei sentirmi? Contento o dispiaciuto?

So solo che ho una terribile emicrania,  come se qualcuno mi avesse lanciato un sasso in testa.

Un sasso in testa? Mmm….

1
1
1

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
0

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
21

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

Torna su