Mi trovo in un sentiero bagnato disseminato di sassi, ho perso l’orientamento e di conseguenza non so dove andare.

Dovevo incontrarmi con un tizio per un lavoro stagionale in una baita ma il cellulare purtroppo non prende.

Merda! Oggi capitano tutte a me!

Purtroppo con la macchina non era possibile proseguire e ho dovuto continuare a piedi seguendo alcune indicazioni. Non riesco a quantificare da quanto tempo mi trovo qui. A peggiore le cose una maledetta nebbia che si fa via via sempre più fitta.

Non solo mi sono perso, per giunta avverto una terrificante sensazione di paura impossibile da spiegare.

Si dice che la paura mette le ali ai piedi e infatti comincio a correre.

Mi guardo più volte indietro in maniera ossessiva, comincio a sudare e allo stesso tempo ho i brividi in tutto il corpo. Tutto ciò accompagnato da un profondo senso di solitudine mai vissuto prima.

Ad un certo punto scorgo alcune orme fresche nel terreno ed è come se mi confermassero che qualcuno sia appena passato da lì.

Comincio a sentirmi leggermente sollevato ma non smetto di correre.

Il sentiero sembrerebbe giunto al termine e mi trovo davanti ad una decina di alberi. Mi avvicino sempre di più e riesco a notare un uomo che se ne sta accovacciato vicino all’albero più grande di tutti. A causa della nebbia, non riesco a distinguerlo bene ma si nota chiaramente che respira affannosamente.

Probabilmente come il sottoscritto si è messo a correre a perdifiato come per sfuggire da qualcosa. Ma da cosa poi?

Mi sento fortunato, finalmente una figura umana. Perlomeno non sarò e non mi sentirò più solo.

Una volta giunto dinnanzi all’uomo, gli tocco la spalla per farlo accorgere della mia presenza.

Alza lo sguardo e mi fissa con gli occhi pieni di angoscia e terrore. Rimango letteralmente pietrificato.

Dio mio, sto guardano me stesso! Quell’uomo è identico a me, la stessa corporatura, lo stesso volto e gli stessi abiti.

Sopraffatto dall’orrore, indietreggio per raccogliere un grosso sasso e con violenza glielo scaglio sulla testa fino ad ucciderlo. L’altro me, dopo aver cacciato un urlo, crolla a terra e una pozza di sangue comincia ad allargarsi sul terreno.

Ricomincio a correre superando tutti gli alberi per poi ritrovarmi presto in un nuovo sentiero. Stavolta niente orme, ma sempre bagnato, pieno di sassi e con l’immancabile nebbia.

Un senso di dejà vù mi pervade: Il sentiero che finisce e i soliti alberi, compreso uno che sovrastava tutti gli altri.

Sono sfinito, mi manca il fiato, ho bisogno di rannicchiarmi. Sto malissimo e ho la nausea.

In lontananza vedo avvicinarsi qualcuno, maledetta nebbia, come già avvenuto in precedenza non riesco a distinguere molto.

Abbasso lo sguardo, sento che sto quasi per vomitare.

Mi sento toccare alla spalla e alzo lo sguardo.

Di nuovo me stesso.

Sto forse impazzendo? Mio Dio, cosa sta succedendo?

Lo fisso e l’altro io inorridito fa altrettanto. Raccoglie un sasso abbastanza voluminoso e me lo lancia con ferocia. Mi colpisce in pieno alla testa e comincio ad urlare a causa dal dolore inaudito per poi sprofondare a terra.

 

Mi sveglio si soprassalto con il cuore che mi batte all’impazzata.

Si è trattato di un incubo, sicuramente uno dei peggiori della mia vita. È già mattina.

Vado in bagno e mi sciacquo la faccia con acqua fredda.

Decido di asciugarmi con un grosso asciugamano steso sulla vasca e mi guardo quasi con timore alla specchio. Ho il viso pallido, quasi cadaverico.

Sento vibrare il cellulare dal comodino della mia stanza. Mi è appena arrivato un SMS.

Il mittente è il signor Giorgio Romero, colui che qualche giorno prima aveva risposto ad una mia e-mail riguardo un impiego.

Apro l’SMS per leggerlo.

“Sono spiacente di comunicarle che riguardo l’offerta lavorativa alla baita di Messe non se ne fa più nulla in quanto abbiamo già provveduto. Le auguro una serena giornata.”

Niente lavoro quindi. Come dovrei sentirmi? Contento o dispiaciuto?

So solo che ho una terribile emicrania,  come se qualcuno mi avesse lanciato un sasso in testa.

Un sasso in testa? Mmm….

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su