Oh, finalmente! Eccomi davanti all’abitazione di Miriam, la mia fidanzata, nonostante circa tre quarti d’ora di traffico, sono riuscito ad arrivare giusto in tempo. Oggi è sabato sera e quindi per ovvi motivi, qui a Catania c’è sempre un via vai, a momenti peggio di quello di New York.

Stasera io e Miriam abbiamo una pizzata assieme ad amici al “Pizza amore e pirateria”, un locale a tema, un suggestivo galeone sul mare attraccato ad un pontile con tanto di camerieri vestiti da briganti marittimi e arredamento interno squisitamente antico.

Degno di nota anche il curioso cartello esposto:

“Non si fa credito a nessuno, si prega di non insistere altrimenti giù dal veliero e in pasto ai pescecani!”

Ci siamo stati già diverse volte, a parte l’originalità del luogo, si mangia divinamente, tanto che si è rilevato necessario prenotare due settimane prima.  

Parcheggio, scendo dall’auto, suono il citofono e ad aprirmi c’è la signora Maria, la mia cara suocera, tanto che una volta salito al quarto piano, la trovo ad attendermi davanti alla porta d’ingresso, pronta come sempre ad abbracciarmi affettuosamente.

Le voglio un mondo di bene, tanto da considerarla come una seconda mamma, affabile, gentile e sincera.

Alla faccia di chi parla male delle suocere, meglio di cosi non mi poteva capitare.

Stessa identica cosa per il suocero, il signor Silvio un uomo tutto di un pezzo, carismatico, divertentissimo e accogliente.

E poi c’è Miriam, il mio unico ed infinito amore, dolcissima, bellissima e delicata come un fiore tanto da ringraziare Dio ogni giorno per tutto questo.

“Entra Mattia, la tua principessa è in bagno, sta finendo di prepararsi, mio marito invece non c’è, stasera esce tardi dal lavoro.” esordisce mia suocera.

La saluto, ricambio l’abbraccio accompagnato con i due classici baci sulla guancia, e mi fa accomodare in soggiorno per parlare del più e del meno.

“Mattia lo vuoi un caffè? Te lo faccio?” mi chiede ad un certo punto e con il suo solito tono bonario.

“No signora, la prego non si disturbi, ne ho già preso uno nel pomeriggio.” declino cortesemente.

“Disturbo, ma quale disturbo, te lo faccio subito subito, che ci vuole?” insiste.

“Ma no signora, guardi…” e senza lasciarmi finire si avvia per la cucina.

Per quanto la stimi e la voglio bene, il caffè cerco sempre di rifiutarlo, non gli esce buono praticamente mai.

L’ultima volta era particolarmente scuro, senza schiuma e annacquato, in più giusto per menzionare le altre volte, mi è capitato troppo corto, o troppo dolce oppure troppo amaro poichè lo zucchero lo mette in automatico lei.

Eccola che arriva con tazzina e piattino di colore azzurro. Gulp! Speriamo bene.

Mi accorgo che a prima vista il caffè sembrerebbe accettabile e con un profumo invitante. Toh! C’è anche la schiuma.

Sarei propenso a pensare che stavolta ho davanti un bel caffè come Cristo comanda, ma non faccio in tempo a prendere la tazzina in mano, che Miriam entra in soggiorno per correre subito ad abbracciarmi, a riempirmi di baci e ad accarezzarmi il volto. Che incantevole creatura!

“Mattia, amore mio, che bello che sei qui, ma si è fatto abbastanza tardi, sono quasi le nove, Veronica e gli altri già al lungomare, ci aspettano all’esterno della pizzeria, bevi il caffè e scappiamo!" mi dice candidamente.

Guardo l’orologio, effettivamente dobbiamo darci una mossa, anche perché il locale non è tanto vicino.

Decido di tracannarmi il caffè velocemente ma… è bollentissimo, bruciandomi disgraziatamente la lingua.

“Uhhhhhh!!! Ma è lava sto caffè???” lasciandomi scappare una particolare definizione che per educazione credevo mai potessi ammettere.

Miriam e mia suocera mi guardano interdette tra l'altro mi sembra di scorgere del dispiacere nei loro volti.

Pentendomi di quanto ho appena detto, schiarendomi la voce e con espressione divertita, cerco di salvarmi in calcio d’angolo.

“Ehm, buono questo caffè… ma è (Lava)zza?” chiedo con finta interesse.

“Si, si, ho cambiato marca!” mi dice compiaciuta la signora e aggiunge “Com’è? È buono?”

“Buono, veramente buono e come disse un grande del cinema italiano: il caffe è un piacere, se non è buono che piacere è?”

Entrambe sorridono, mentre io cerco di sopportare soffrendo in silenzio, ed infine dopo aver salutato, io e Miriam ci avviamo per uscire.

Dio mio, mi sento la lingua infuocata. Sob!

 

Mi viene in mente una canzone di Fiorella Mannoia in cui dice:

“Ammazzo il tempo bevendo caffè nero bollente” Nero e bollente? Complimenti! Ci vuole coraggio… e anche tanto!

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su