Oh, finalmente! Eccomi davanti all’abitazione di Miriam, la mia fidanzata, nonostante circa tre quarti d’ora di traffico, sono riuscito ad arrivare giusto in tempo. Oggi è sabato sera e quindi per ovvi motivi, qui a Catania c’è sempre un via vai, a momenti peggio di quello di New York.

Stasera io e Miriam abbiamo una pizzata assieme ad amici al “Pizza amore e pirateria”, un locale a tema, un suggestivo galeone sul mare attraccato ad un pontile con tanto di camerieri vestiti da briganti marittimi e arredamento interno squisitamente antico.

Degno di nota anche il curioso cartello esposto:

“Non si fa credito a nessuno, si prega di non insistere altrimenti giù dal veliero e in pasto ai pescecani!”

Ci siamo stati già diverse volte, a parte l’originalità del luogo, si mangia divinamente, tanto che si è rilevato necessario prenotare due settimane prima.  

Parcheggio, scendo dall’auto, suono il citofono e ad aprirmi c’è la signora Maria, la mia cara suocera, tanto che una volta salito al quarto piano, la trovo ad attendermi davanti alla porta d’ingresso, pronta come sempre ad abbracciarmi affettuosamente.

Le voglio un mondo di bene, tanto da considerarla come una seconda mamma, affabile, gentile e sincera.

Alla faccia di chi parla male delle suocere, meglio di cosi non mi poteva capitare.

Stessa identica cosa per il suocero, il signor Silvio un uomo tutto di un pezzo, carismatico, divertentissimo e accogliente.

E poi c’è Miriam, il mio unico ed infinito amore, dolcissima, bellissima e delicata come un fiore tanto da ringraziare Dio ogni giorno per tutto questo.

“Entra Mattia, la tua principessa è in bagno, sta finendo di prepararsi, mio marito invece non c’è, stasera esce tardi dal lavoro.” esordisce mia suocera.

La saluto, ricambio l’abbraccio accompagnato con i due classici baci sulla guancia, e mi fa accomodare in soggiorno per parlare del più e del meno.

“Mattia lo vuoi un caffè? Te lo faccio?” mi chiede ad un certo punto e con il suo solito tono bonario.

“No signora, la prego non si disturbi, ne ho già preso uno nel pomeriggio.” declino cortesemente.

“Disturbo, ma quale disturbo, te lo faccio subito subito, che ci vuole?” insiste.

“Ma no signora, guardi…” e senza lasciarmi finire si avvia per la cucina.

Per quanto la stimi e la voglio bene, il caffè cerco sempre di rifiutarlo, non gli esce buono praticamente mai.

L’ultima volta era particolarmente scuro, senza schiuma e annacquato, in più giusto per menzionare le altre volte, mi è capitato troppo corto, o troppo dolce oppure troppo amaro poichè lo zucchero lo mette in automatico lei.

Eccola che arriva con tazzina e piattino di colore azzurro. Gulp! Speriamo bene.

Mi accorgo che a prima vista il caffè sembrerebbe accettabile e con un profumo invitante. Toh! C’è anche la schiuma.

Sarei propenso a pensare che stavolta ho davanti un bel caffè come Cristo comanda, ma non faccio in tempo a prendere la tazzina in mano, che Miriam entra in soggiorno per correre subito ad abbracciarmi, a riempirmi di baci e ad accarezzarmi il volto. Che incantevole creatura!

“Mattia, amore mio, che bello che sei qui, ma si è fatto abbastanza tardi, sono quasi le nove, Veronica e gli altri già al lungomare, ci aspettano all’esterno della pizzeria, bevi il caffè e scappiamo!" mi dice candidamente.

Guardo l’orologio, effettivamente dobbiamo darci una mossa, anche perché il locale non è tanto vicino.

Decido di tracannarmi il caffè velocemente ma… è bollentissimo, bruciandomi disgraziatamente la lingua.

“Uhhhhhh!!! Ma è lava sto caffè???” lasciandomi scappare una particolare definizione che per educazione credevo mai potessi ammettere.

Miriam e mia suocera mi guardano interdette tra l'altro mi sembra di scorgere del dispiacere nei loro volti.

Pentendomi di quanto ho appena detto, schiarendomi la voce e con espressione divertita, cerco di salvarmi in calcio d’angolo.

“Ehm, buono questo caffè… ma è (Lava)zza?” chiedo con finta interesse.

“Si, si, ho cambiato marca!” mi dice compiaciuta la signora e aggiunge “Com’è? È buono?”

“Buono, veramente buono e come disse un grande del cinema italiano: il caffe è un piacere, se non è buono che piacere è?”

Entrambe sorridono, mentre io cerco di sopportare soffrendo in silenzio, ed infine dopo aver salutato, io e Miriam ci avviamo per uscire.

Dio mio, mi sento la lingua infuocata. Sob!

 

Mi viene in mente una canzone di Fiorella Mannoia in cui dice:

“Ammazzo il tempo bevendo caffè nero bollente” Nero e bollente? Complimenti! Ci vuole coraggio… e anche tanto!

0
0
1

FASCINO AUTUNNALE

20 October 2019

La calda stagione estiva é ormai finita; Bussano alla porta i primi segni dell'autunno: e te ne rendi conto passeggiando per le strade, quando, lieve e silenziosa, ti accarezza il volto la fresca brezza autunnale, facendoti così un pochino sobbalzare con un soffio assai speciale. Mi fermo ed osservo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

UN CAMBIAMENTO DIROMPENTE

20 October 2019

Era il 2035 e il divario fra Ricchi e Poveri era a tal punto insostenibile che la forbice aveva raggiunto il massimo della sua apertura. A questo punto tutti quei beni e prodotti effimeri, voluttuari, gli illusori, i tecnologici, scomparvero dagli scaffali dei negozi e centri commerciali sostituiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Connessione di merda!

19 October 2019

Che schifo di connessione, mamma mia! La linea è veramente lentissima. Ho provato a scollegare e collegare numerose volte il router, per non parlare dello smanettare con le configurazioni, ma è tutto inutile. Mi serve per forza una spedita navigazione in Internet poiché tra circa un'ora inizierà [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Scilipoti, dalla fucina delle tue idee, prima di tutto la gran voglia [...]

1
1
10

Occhi

19 October 2019

Occhi che guardano il mondo. Occhi che fissano le immagini, come una macchina fotografica. Occhi ampi, spenti, a mandorla. Occhi verdi, azzurri, neri. Occhi che riflettono il cielo. Occhi sorridenti, che piangono, che brillano. Occhi che si aprono dopo il primo vagito, occhi che si chiudono alla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
14

La casetta nel bosco

18 October 2019

Mio nonno Arturo non ricordava neanche più quanto tempo fosse passato dalla prima volta che si era alzato alle quattro del mattino per andare a lavorare nei campi. Di sicuro, quando era accaduto, era più basso di almeno trenta centimetri e la sua voce non aveva ancora assunto quei caratteristici [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
2
15

A tarda notte

Sulla vita e i suoi scogli

18 October 2019

A tarda notte i bluff si smagnificano. Nella mia tazza di caffè sento il sapore della disillusione perché gli eventi non accadranno mai nella sequenza desiderata ed anche quando succederà ci sarà qualche dettaglio fuori posto. Soffro, in altre parole, le piccole differenze dolorose tra la vita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
14

Eureka!

Ora ho capito perché....

17 October 2019

E già, capito cosa? Veramente me lo sono scordato, non lo ricordo più e ora come al solito improvviserò e se non vi piacerà, beh, stavo per dire una cosaccia, non fateci caso, ecco al pianoforte Ringo Star, che centra? Boh? Avevo il suo volto nella mente e mi piaceva dirvelo...ok, non tergivestriamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Rap-poesia

17 October 2019

Sono andato alla deriva nei naufragi della vita lotta aspra ed insicura lenta e dura è la salita Gioco sporco col destino fango dentro gli stivali denti aguzzi di mastino c'è di peggio a questi mali Giro intorno ad un pensiero nelle notti di sudore faccio finta che sia vero ma ci vuole un po' di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
11

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
8

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
10

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

Torna su