Mia principessa,
mi sto rendendo conto ogni giorno che passa di quanto ciò che alberga dentro di me nei tuoi confronti è un qualcosa di inedito, unico, meraviglioso e divino.
Sei arrivata nella mia vita in maniera inaspettata così all'improvviso dopo un lungo inverno, anzi, un costante inverno perché in fondo la mia vita mi ha da sempre riservato questa stagione, a parte quei settembrini momenti che sembravano felici per poi dissolversi e riapparire in un alternarsi tedioso, e nel frattempo sognavo la Primavera per poter rinascere, per potermi sentire finalmente parte di questo mondo e poter finalmente dire:
Dio, quanto è bello VIVERE, Dio, grazie per avermi donato la VITA, Dio, perdonami per tutti quei periodi che ho desiderato morire per cercare di capire se realmente sarebbe stato più bello ESISTERE.
Amore mio, voglio raccontarti una favola senza il solito banale c'era una volta:
innanzitutto, sai quante volte sono caduto e quante volte mi sono rialzato? Tantissime, sarebbe impossibile quantificarne il numero, per sentirmi meglio mi ripetevo costantemente "IO VALGO!" "IO POSSO!" ed andare avanti o forse sarebbe meglio dire arrancare, nel frattempo non mi accorgevo che mi stavo creando una armatura via via sempre più robusta, una armatura fatta per difendermi dall'amore dal momento che due streghe dapprima mi avevano ammaliato ed incantesimato dai loro sentimenti ipocriti per poi in seguito essere spinto singolarmente da ognuna nel pozzo più oscuro dell'indifferenza e dell'afflizione.
L'ultima caduta fu più dolorosa della prima.
Provai a risalire, pietra per pietra, non fu assolutamente facile perché il peso dell'armatura mi portava a ricadere in fondo finché dopo innumerevoli tentativi trovai il modo per uscirne ed osservare con odio la tetra cavità in cui ero stato prigioniero, lasciando cadere all'interno di essa una lacrima che promisi sarebbe stata l'ultima.
Mi guardai tra me e me e feci caso di quanto il mio rivestimento in realtà non era servito solo per ammortizzare le ferite ma bensì per il cuore affinché non venisse frantumato da un colpo letale.
Mi incamminai a testa alta e orgogliosamente sfoggiai la mia corazza ovunque andassi, molte "dame" cercarono di conquistarmi con la voglia di "spogliarmi" pezzo per pezzo, e risoluto ed incurante andai avanti, poi arrivasti tu, così come per magia.
Decisi di fermarmi sebbene con uno sguardo vigile ed indagatore.
Inizialmente impugnai l'elsa della spada pronto a difendermi, in quanto l'arma sebbene fosse tagliente non fu forgiata con lo scopo di attacchi diretti.
Mi parlasti, ti apristi, ti esponesti con un meraviglioso incanto, la tua anima appariva troppo pura, abbassai inevitabilmente la mano, l'armatura tremò e via via ogni singolo pezzo fui io stesso a staccare, cercai stoicamente di resistere, non ci riuscii, finché l'ultimo componente fosti proprio tu a togliermelo ovvero l'elmo per poi infine lanciarlo lontano.
Togliendomi il copricapo scopristi la parte più importante di me cioè la testa e sai cosa?
Vedi amore mio, i sentimenti nascono prima da qui e quando un uomo perde la testa per amore, tende a ritrovare il suo cuore, si ricorda di averne uno oppure si sente fiero di averne uno.
Le tue calde mani toccarono il mio volto, un "calore" indescrivibile, attorno a me la neve si scioglieva, per poi spuntare un sole a dir poco radioso, migliaia di colori fecero il loro ingresso e il tuo sorriso realizzò tutto il resto.
Intrecciai le tue mani con le mie, ti guardai con gli occhi lucidi, persino i tuoi lo erano, mi spiegasti che da mesi mi stavi aspettando, che però prefervi guardarmi da lontano senza agire, poiché avevi paura in quanto mi credevi inavvicinabile mentre in realtà ti aspettavo da una vita, purtroppo il copricapo non mi permetteva inizialmente di scorgerti bene.
Mi dicesti inoltre che in realtà io ti ero venuto incontro mentre il sottoscritto pensò il contrario.
Adesso che mi sono sbarazzato da questo equipaggiamento protettivo, ho mantenuto solo il mantello perché desidero proteggerti dal vento delle avversità, sentirti più vicina a me, e farti sentire il mio cuore ogni qualvolta desidererai appoggiarti sul mio petto.
La morale della favola?
Al cuore non si comanda e quando ti innamori non esiste armatura che tenga.
La storia non è finita mica qui, questo è il preludio di quello che sarà la nostra eterna favola.
E con un amorevole inchino, bacio adesso la tua mano, morbida e vellutata e ti sussurro:
"Ti amo F."

6
8
15

Tempo felino

19 September 2018

Tic tac… tac tic Tic tac… tac tic L'orologio va al contrario I minuti e le ore si sgretolano E i pensieri scivolano via. Tic tac… tac tic Tic tac… tac tic Il tempo è un enorme gatto Ed io Sono il gomitolo tra le sue zampe… …mi prende, mi lancia, mi tira, mi tende, mi riprende. Ed io, lentamente, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
6

La promessa

(LUI)

19 September 2018

Dopo un giorno, minuto dopo minuto, di solitudine, piano piano mi spogliai di ogni corazza, erano troppo pesanti, avevo bisogno di guardarmi dentro. Ma anche senza maschere la mia ombra anneriva il biancore dello sfondo, che si faceva sempre più grigio e tetro. Fu in quel momento che vidi una sottile [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
6
13

Inizia la scuola

19 September 2018

In questo periodo, giorno più giorno meno, stanno ricominciando le scuole in tutta Italia e sono giorni questi che mi riportano lontano nel tempo, per più di mezzo secolo. Nonostante ciò ricordo con nitidezza e dovizia di particolari quel meraviglioso periodo che è trascorso troppo in fretta e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: "Sapor di scuola, il tempo vola..." cantano I Collage, ecco cosa [...]

  • Surya: Bellissimi ricordi...purtroppo quando siamo giovani non ci rendiamo conto di [...]

2
1
12

La cena

18 September 2018

Al residence, dove erano arrivati, un posto silenzioso e frequentato generalmente da turisti in vacanza e da anziani e famiglie, mancavano attività ricreative. Era più un alloggio che un centro per divertirsi, per cui affittato l'appartamentino per una settimana a una cifra astronomica ("che vuole? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
11

L'ANIMA DIMENTICATA

18 September 2018

Frugando noiosamente, tra le passate cose, negli anfratti dei miei ricordi, un flebile chiarore m'ha incuriosito, spostati alcuni cartoni sgangherati e fradici l'ho vista! Rannicchiata, la sottile figura, teneva lo sguardo fisso su una mummia di topo. Ho allungato la mano e con delicatezza l'ho [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Belle e profonde riflessioni che richiamano a mio avviso alla poesia.
    Ti [...]

  • acerbus: sono oberato da un dittatoriale senso di utilità, per cui scrivo per [...]

2
3
19

Il melo e il pero

18 September 2018

Detto brianzolo: "me sunt tacaa a una brôca sgalada", mi sono aggrappato a un ramo spezzato, più o meno. E forse non è solo brianzolo. Io lo conosco dal mio dialetto, presumo sia della mia zona di provenienza... Melo e pero sono alberi abbastanza deboli, i loro rami sono "molli". Non quanto il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Vocestruggente, atipica ma funzionale nonchè simpaticamente istruttiva [...]

  • Bibbi: Almeno
    Un posto dove sei te stessa 💋💋💋

2
2
20

La casa brucia

17 September 2018

Era una sera d’estate, una di quelle sere in cui la brezza fresca si presenta come un’ospite inaspettato che, con il piglio di un lottatore instancabile, si batte contro la terra, la sabbia e l’asfalto per contrastare il calore accumulato da una giornata afosa che chiede a gran voce di uscire, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Bibbi: Molto bello immagino il
    Motivo del dar fuoco alla casa e aver modificato [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao M.F.C. era da tanto tempo che non pubblicavi qualcosa, un ottimo ritorno, [...]

2
5
17

Disperso nel biancore

(Lui)

17 September 2018

Lui (pensiero) -Non so come sono arrivato a questo punto, il paesaggio fino a poco fa sembrava avere una forma, ma più avanzavo, più perdeva d’importanza. Sono nato in un piccolo paesino di campagna, non ho mai amato le grandi città. Ho sempre creduto soffocassero l’arte. Non mi sono mai aspettato [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
15

È ora di dormire (Il rapimento) - 3/3

Le Nuove Storie Americane

17 September 2018

La mafia organizzò la scena del crimine in modo da sembrare un delitto passionale. Misero la pistola del boss nella mano di Frank e da quella dell’agente fecero sparare due colpi. I giornali parlarono della vicenda, per l’appunto, un delitto passionale: “L’agente dell’FBI Patrick O’ Grady è morto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
17

Lo sbarco

16 September 2018

Sembrava un barcone di migranti in cerca di approdo, lá, tra l'orizzonte e la riva; tanto che molti bagnanti, preoccupati, si erano messi a fissare l'imbarcazione che si avvicinava e avevano avvisato i bagnini. Subito gli "angeli della spiaggia" si erano messi in allarme ed avevano cominciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
13

È ora di dormire (Il rapimento) - 2/3

Le Nuove Storie Americane

16 September 2018

Frank guardò Thomas implorando il suo aiuto, così l’uomo si propose di raccontare tutta la storia partendo dalle origini, Jenny ascoltò tutto dalle braccia di uno dei sicari del Don, doveva capire anche lei in che cosa era capitata. Tutti rimasero in silenzio. Finito il racconto, lo Zio rimase [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
2
17

Domande

16 September 2018

Ascolto e guardo le persone, spesso mio malgrado. Vorrei che qualcosa di esse mi sfuggisse, almeno qualcosa. Invece non mi sfugge una sola parola, non un gesto. Neppure se guardo l'orizzonte mentre gli altri parlano. E la mente non sta ferma, collega, collega, incastra, dipana, scioglie e impasta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Perché passa il tempo è ci rendiamo
    Conto delle nostre qualità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Domande" introspettive ben formulate, avere domande ed avere già [...]

Torna su