Eccomi ancora a bordo della mia Fiat 500 e stò per andare ad intevistare l'artista Gustav Klimt. La macchinetta del caffè è pronta, ebbene sì la mia 500 del '68 ha in dotazione una vera macchinetta per l'espresso, mi dispiace le vostre automobiline futuriste ne sono sprovviste, in compenso avete una moltitudine di pulsantini, sensori, marchingegni elettronici, vocine parlanti, ma che possiamo farci, questi sono tempi moderni. Eccolo  vedo arrivare l'artista Viennese, non è piccolo di statura speriamo entri senza problemi nell'abitacolo della mia 500, per l'occasione e per rendere onore al nostro ospite gli ho cambiato colore che è per metà verde, per l'altra metà color oro.

- Buongiorno Signor Klimt è un piacere incontrarla. -

- Walter, saltiamo i convenevoli, diamoci del "Tu". -

- Ah, molto bene. -

- Walter possiamo aprire il tettino? Sai mi sento un pò stretto. -

- Certamente. -

Clack... si apre il tettuccio e una folata di venti spettina l'artista che ridendo ammira sopra la sua testa il cielo blu.

Gustav Klimt per volere del destino è nato in una casa dove l'arte era il linguaggio primario, una famiglia di artisti legati fra loro dall'affetto famigliare e dall'amore verso l'arte che era il loro scopo di vita, il loro motivo per alzarsi dal letto la mattina e pensare a forme decorative a colori con la colonna sonora fatta di un ritmo di note musicali, tutto questo e nulla di più, una  famiglia unita nell'arte finchè il destino non arriva a rompere i colori sulla tavolozza, Klimt in un momento costruttivo della sua vita perderà nel giro di pochi mesi il padre e un fratello e per l'artista, che amava con passione la vita, questi due lutti lo segneranno nel profondo.

- Maestro... -

- E' meglio che mi chiami Gustav. -

Azzo, mi mette timore mica è come Pollock!

- Gustav, ce lo prendiamo un caffè? -

- Adesso mi piaci! Vedi la vita è bella, è un affermazione quasi banale, ovvia. io ho avuto la fortuna di nascere artista, chi meglio di un artista può rappresentare questa cazzo di esistenza? -

Dice proprio così.

- Chi può dare una concreta immagine della vita? Chi può farlo? Forse quel tizio che guida l'autobus?Quel vigile urbano?Quello studente in bicicletta? Vedi, l'artista in ogni sua forma espressiva ha la responsabilità grazie al proprio talento donatogli per natura di propagandare, di diffondere l'arte, un bene per l'umanità, vedi intorno a te quanta automazione c'è? -

- In effetti è il prezzo da pagare al progresso. -

- Eh già, begli stronzi che siete! E così il lavoro dell'artista non è servito a nulla? Ogni artista che si è succeduto, ha lottato contro l'appiattume, contro le consuetudini classicheggianti, ogni nuovo movimento artistico ha rivoluzionato il vecchio stato delle cose, un progresso, se così volete chiamarlo, inteso solamente a far prevalere l'essere umano fatto di cuore, testa e cervello, un umanità diretta a saper vivere oltre l'egoismo. -

- Egoismo? -

- Sì, gli esseri umani sono stati in tutte le epoche inconcepibilmente degli egoisti e l'arte, quindi l'amore per la vita, è sempre stata un baluardo al lato peggiore del'umanità e per fortuna essendo l'arte parte intrinseca dell'esistenza non morirà mai. -

- Gustav allora che possiamo fare? -

- Una cosa molto facile, amare la vita, un concetto molto semplice. Vedi ragazzo è un pò come questa tua automobile, questa 500 è piccola ma bella è un piacere fare questa passeggiata. -

- Prenda il caffè. -

- Ah, già è tutta colpa tua che mi fai incazzare! Però è bono stò caffè! -

Dice proprio così... Bono!

- Mi piace l'Italia, un paese così ricco, un paese che dovrebbe essere una forza trainante per tutto il resto del mondo. -

- Grazie gustav. -

- Vuoi scommettere che stai per chiedermi di parlare di una mia opera? -

- Possiamo? -

- L'arte si vede meglio con gli occhi, ma se ne può anche parlare, non dirmelo parliamo del Bacio? -

- Mi hai letto nel pensiero? -

- Mortacci vostra, grazie al mio Bacio chi sà quanta gente ha fatto... -

Dice ancora ed espressamente così.

- Nella mia opera hai notato ci sono al centro su una linea verticale due masse rosse che staccano cromaticamente dagli altri colori? -

- Sì. -

- Sono di forma circolare, tutto ruota su di essi, sono il segno positivo e negativo, l'off e l'on, i poli estremi dai quali si accende il dinamismo universale, sono della stessa tonalità della bocca della donna dalla quale nasce la vita, un bacio, l'amore, l'amore per la vita che ci regala emozioni ogni giorno, tutto deve ruotare intorno all'amore, puoi girare, capovolgere, cercare di travaricare eppure se vuoi sentirti vivo e felice di esistere devi amare. -

- Possiamo essere ottimisti? -

- Dovete esserlo! ...Posso avere altro caffè? -

Riaccompagno Gustav Klimt, se vi è sembrato un pò burbero posso tranquillizzarvi, nella realtà è stato un artista che nel suo temperamento ha fortemente amato la vita e gli siamo grati per averci lasciato una grande testimonianza.

2
2
5

Miserie e nobiltà di Palazzo Sammartino

24 June 2018

Che vergogna! Sono un edificio storico, palazzo Sammartino, un monumentale caseggiato sito in piazza Marina, all'inizio di via Lungarini, oggi di proprietà del Comune di Palermo, di quella Palermo ricca di monumenti, costruiti da ogni popolo che nel tempo l'ha conquista e sottomessa. Le mie stanze, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Un atto di accusa verso l'incuria cittadina e tanto affetto per una città [...]

  • Scrittrice imperfetta: Bella l'idea di far parlare in prima persona il palazzo e credo sia verissimo [...]

2
2
5

Dolce notte d'estate

24 June 2018

Dolce è il calar del sole, che silenzioso si ritira, mentre appaiono giocose luna e le fedeli amiche stelle. Milano d'estate fino a tardi è illuminata: c'è chi danza, chi fa festa, chi con un gelato si rinfresca. Buonanotte a chi sorride, come anche a chi mai ride. Notte al pittore e a colui [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
9

Mutande al vento, il bucato raccolto

seconda parte

24 June 2018

Da quando aveva comprato tutte quelle mutande Carmelo non trovava pace. Le guardava, le accarezzava, passava ore a pensare come utilizzare il prezioso carico. Non ne fece parola con nessuno, nascose il pacchetto sotto il letto e di tanto in tanto si permetteva il lusso di toccare, annusare quegli [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Scrittrice imperfetta: Bellissimo Flavia, io l'ho trovato molto delicato, e mentre leggevo mi [...]

  • flavia: Grazie Lory, sono felice che ti sia piaciuto, è piaciuto anche a me [...]

6
6
19

Amore eterno

due cuori e una capanna

23 June 2018

Vedere New York coperta di neve non era certo uno spettacolo inusuale, ogni anno la città viene sepolta da coltri di neve più o meno abbondanti. Anche quest’anno come al solito la città era impegnata in una lotta impari fra lei e le condizioni meteo, erano giorni difficili, camminare o procedere [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
4
18

Chicco

23 June 2018

Correva, anzi, zoppicava l'anno 1983, un anno speciale per me perché il Padreterno, contrariamente a quanto fa di solito, esaudì un mio desiderio. In quel tempo facevo il meccanico d'auto nell'officina di mio padre; era quello un mestiere di casta che non mi dispiaceva affatto, se si vuole ignorare [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • mammola: Bellissimo e scritto in modo inappuntabile

  • Puccia: In questo racconto si intravede ancora viva la compassione e l'amicizia. [...]

6
8
32

La storia di una formica

23 June 2018

Non trovo più un punto dove attraccare. Lei se ne sta andando. Lei era la mia gioia, anche se in realtà non era gioia. Tutto mi scivola tra le mani e io senza più un sogno. Un sogno per cui valga la pena lottare. Lei era il mio sogno. Il sogno di una famiglia con dei figli. Il sogno di una stabilità [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Puccia: Scrivi e leggi, scrivi e leggi, ed ancora scrivi e leggi qualsiasi cosa, daranno [...]

  • In prova: Grazie a tutti. È uno sfogo momentaneo. In realtà sono giornalista [...]

9
12
64

Quei due

22 June 2018

Quei due nella foto siamo noi, circa quindici anni fa, a Lerici. Tu avevi ancora i capelli ed eri più magro, io avevo una borsa sbagliata ed ero troppo truccata. Eravamo noi, ma quanto mi sembrano lontani quei due, adesso. Non era uno dei nostri periodi migliori, qualcosa si era incrinato nel nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patrizia Poli: Somiglia al mio "Nessun dolore". Noi donne uccidiamo molto con la [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie a tutti! Ieri non avevo guardato la posta e non mi ero accorta che il [...]

5
7
18

La Sicilia che cambia

22 June 2018

Un fazzoletto di terra, un triangolo adagiato sul mar mediterraneo, quasi posto sulle onde azzurre per assorbire i venti della storia, la Sicilia ne ha visto di cotte e di crude.. Ha subito invasioni, dominazioni, ha conosciuto le prepotenze, le privazioni delle libertà e dei diritti, le sopraffazioni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
16
25

L'urlo del vento

L'importanza di essere se stessi

22 June 2018

Trascinando i suoi passi stanchi sulla sabbia aveva percorso sentieri di ogni dove, sentendo sempre dentro di sé il peso dell’assenza di senso. E andava avanti, continuando a procedere a tentoni e osservando attonita i suoi piedi. Ancora e ancora, nei punti dove il suo andare si srotolava dietro [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

10
12
27

1980, fonogramma carabinieri

21 June 2018

Fonogramma Da Ministero Interno Protezione Civile al Comando Stazione Carabinieri di Salsano 1) Urgono notizie presunto sisma, sospetto epicentro vostra zona 2) Calcolare danni provocati movimento tellurico e controllare Scala Mercalli 3) Infine rispondere stesso mezzo riportando gradi esatti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
18

La guerra e la pace - 2/2

21 June 2018

— Si riferisce all'ipocrisia capace di definire una qualsiasi pace come fosse il frutto di scelte individuali?— sibilò il fricchettone dell'ultimo banco vicino alla finestra, quello col mozzicone di canna spento in mano e che lo riaccendeva ogni volta che la prof. si girava a scrivere sulla lavagna [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La sauna

Frammento da un viaggio in Finlandia

Cat
21 June 2018

Ero in Finlandia per uno strano viaggio misto di lavoro e vacanza in compagnia di un amico del posto, ero partito senza un euro in tasca. Dopo aver girato in lungo e in largo la Svezia eravamo arrivati finalmente a Vaala, un piccolo villaggio nel centro dello stato scandinavo dove avremmo trascorso [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su