Una fredda mattina di febbraio, si presentò davanti alla porta di casa un graziosa gattina bianca e grigia accompagnata da tre micetti che si reggevano a stento sulle gambe. Il mio papà, sempre sensibile verso i gatti, la fece entrare, intanto mia mamma preparava un posto comodo dentro una cassetta della frutta, resa confortevole da una vecchia maglia (mia). La gattina parve gradire l'accoglienza e il cibo che le veniva offerto. I tre piccoli, uno nero e due grigi, si addormentarono al calduccio mentre mammina faceva conoscenza col mio papà che la prese in braccio accarezzandola, ricambiato da un ronfare soddisfatto <<Ti piacciono le coccole piccola. Chissà da dove vieni, ti chiamerò Mucci, come il gatto che è morto l'anno scorso.>> Tra i due si instaurò un rapporto di amicizia e amore, non sapevano stare separati. I tre micetti crescevano bene e il nero, come previsto, mi elesse a suo gatto dominante. La vita con i gatti è sempre piacevole, quando tornavo dal lavoro, la sera, avevo tre batuffoli di pelo e unghie che mi venivano incontro gnaolando felici e affamati. Mucci, aspettava papà e non si muoveva dalla sua postazione di controllo fin quando non lo vedeva arrivare. Mamma era esclusa da queste intimità, lei non amava i gatti e si dedicava a Zeus, un bellissimo pastore nero. Nonostante la mole considerevole, Zeus era un cane docile e in breve tempo fece amicizia con i gatti che dormivano volentieri sulla sua schiena. Non si muoveva e aspettava che si svegliassero. Divertenti e teneri. Mi piaceva svegliarmi la mattina col piccolo Black, che mi mordicchiava i capelli o impastava la pasta sulla mia gola. Fu un periodo di serenità, forse era la presenza dei gatti, tranquilli e giocosi ma non ricordo un altro periodo così felice. Un brutto giorno Mucci sparì. La cercammo dappertutto ma di lei nessuna traccia. Per papà fu un duro colpo, ma la presenza dei cuccioli lo aiutò a superare il colpo, si affezionò alla piccola Bea, grigia come la madre e molto vivace. Ciro, il fratellino grigio, era un tipino indipendente, andava in giro per il boscoe tornava a casa sempre con qualche trofeo, topolino o uccellino che deponeva ai nostri piedi. Era un amore. Il mio Black era un tremendo monello, a volte capitava che Zeus perdesse la pazienza, si stufava del dispettoso che gli saltava in groppa e lo mordicchiava, allora lo prendeva per la collottola come avrebbe fatto sua madre e lo portava sul mucchio di fieno del vicino, fuori dal nostro cortile. Vissero con noi diversi anni, fino al brutto giorno in cui un cacciatore scambiò Ciro, per un coniglio e gli sparò. Quella era la fine che capitava spesso ai nostri gatti, eravamo in mezzo ai campi e i cacciatori non andavano tanto per il sottile, per loro un cespuglio che si muove è selvaggina, quindi parte la fucilata. Mostri senza cuore. Il periodo di grazia finì, papà si ammalò ela nostra vita fu un'odissea ma il ricordo di Mucci, Ciro, Bea e Black è sempre rimasto nel mio cuore.

Chi possiede un gatto capisce come sia rilassante sentire il ronf ronf di un batuffolo di pelo che dorme tranquillo sulle tue ginocchia o abbracciato a te. Miao Miao a tutti

 

1
0
6

Tiè!!

19 February 2018

Trastullandomi in un tetro tugurio di Tobruk con una trottola di tek della Tasmania, mentre giocavo a tressette con un trucido tirapiedi tedesco che trasportava tartarughe terrestri dell'isola di Tonga con un tir targato Trieste, mi trattenni dal trascendere nello scoprire che il tipaccio truccava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
10

Una piccola piuma bianca

c'è sempre una speranza

19 February 2018

Viviana stava fumando nervosamente un toscano, affacciata alla finestra della sua camera da letto. Stava pensando ai fatti suoi e man mano che i pensieri si aggrovigliavano nella testa, dal fondo dello stomaco le saliva l'incazzatura. Era sommersa da mille incombenze, le pareva che il peso del [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Delicato, leggero e positivo racconto, mi è piaciuto molto.
    Da una [...]

  • Bibbi: Flavia che dire.... onorata commossa contenta 🙃 stai certa che domani cioè [...]

2
2
8

Cosa succede dopo "e vissero tutti felici e contenti?"

19 February 2018

Cosa succede dopo il “e vissero tutti felici e contenti” Cenerentola digitava veloce sul suo smartphone: Cenny: “Raga, io non ne posso proprio più!! Qui a corte non succede mai niente.. due palle!! Quasi quasi preferivo quella vecchia ciabatta della mia matrigna.. almeno con lei non mi annoiavo, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Lory sei incorreggibile, i fratelli Grimm dei dilettanti confronto a te. Bravissima [...]

  • Bibbi: No vb con questa ti incorono scrittrice dell anno. Bellisssssssima con 15000 [...]

2
2
8

4 amici alla toilette

É una cagata pazzesca...o forse no?

19 February 2018

Roma, Garbatella. Interno bagno. Ore 22.15. Personaggi e interpreti: Armando il bancario, Giggetto il tassista, Fiammetta la promotrice cosmetica, Teresa la P.R. . versione originale in dialetto Romanesco. Venerdì sera di una buia e silenziosa serata Romana, Armando, Giggetto, Fiammetta e Teresa, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Una cagata culturale, simpatico come sempre. Ci sentiamo domani

  • Bibbi: Quindi quando partecipi stai cagando?!?? 😂😂😂bravo Walter sempre il top 💋🍾👍🏻

10
14
28

Anna dagli occhi tristi

Favola

18 February 2018

Empoli è una graziosa cittadina in provincia di Firenze. Si narra che qui vivesse Anna, una donna tanto triste e infelice. La sera, nell’intimità del suo letto, l’infelicità della donna diventava insopportabile e lei scoppiava a piangere scossa da singhiozzi irrefrenabili ma silenziosi, per non [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Lorena, Bibbi, Walter , Jared, grazie ! Siete fantastici!

  • Surya: Giuseppe! Che dire! Il tuo commento mi commuove e mi lusinga...sei unico! I [...]

4
5
14

Anima mundi

18 February 2018

È un mondo sospeso di simulacri spenti tra anime errabonde in aridi deserti dove asce roventi spaccano incessanti pietre scheggiate dal corso dei millenni Ingenuo sentimento scosso nell'anima solo dai lenti cerchi di un solitario sasso scagliato sulla vita ......nell'insolito passaggio d'indistinte [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

9
12
30

Tufo verde

Guarda il mio mondo, attraverso i miei occhi.

18 February 2018

Prendimi la mano, anche se è fredda, anche se è febbraio e non vuoi uscire. Seguimi sempre. Oggi è un giorno a parte. Un giorno qualunque. Noi lo renderemo speciale. Per questa manciata di attimi, sei solo per me. La mia è una vita a parte, la vita su un'isola lo è sempre. Si gira in tondo, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
5
17

Il bambino interiore - 2/2

(Le storie del Buenos Aires Café)

17 February 2018

Ora mi trovavo in una stanza buia, doveva essere enorme perché mentre camminavo non avevo sentito né la presenza di un muro né tanto meno quella di una porta. Continuavo a camminare e man mano che andavo avanti perdevo un mio indumento fino a quando non rimasi completamente nudo. Poi in tutta quell’oscurità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
11

Mimì e le Sette Fate

17 February 2018

Nel piccolo slargo davanti al Monastero di Santa Chiara, nel quartiere Ballarò, sette creature magiche, 'ntra stu curtigghiu di li setti Fati [...] la notti cci vinìanu sette donni di fora, tutti una cchiu bedda di ‘n’àutra (In questo cortile delle Sette Fate [...] la notte venivano sette donne [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
2
11

Statistiche 2

17 February 2018

È notorio che a Tirano se lo trovan sempre in mano mentre a Ivrea e a Mondovì se lo menan tutto il di Sia a Ravenna che a Cesena lo fanno sempre stare in pena A Rieti e in Ciociaria chi l'ha lungo fa la spia Sia a Pescara che ad Ancona lo vorrebber sempre in mona ma a Perugia e pure a Urbino preferiscono [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
22

Il bambino interiore - 1/2

(Le storie del Buenos Aires Café)

16 February 2018

L’amicizia con Don Eduardo era ormai consolidata, da lungo tempo ero diventato un assiduo frequentatore del Buenos Aires Café. Mi fermavo per un caffè o un bicchiere di rum, leggevo le mie poesie e insieme a lui le commentavamo. Don Eduardo aveva sempre un occhio e un orecchio di riguardo per i [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Surya: Bravo! Scorrevole e ben scritto. Non vedo l'ora di leggere il seguito. [...]

  • Santiago Montrés: Ciao Giuseppe e benvenuto ancora una volta al Buenos Aires Café, vedrò [...]

8
7
27

C'era una volta....

Tema dato da walter fest e svolto

16 February 2018

C'era una volta in un mondo che non cè, un principe infelice, non sapeva amare. Il problema grande non era che non sapesse amare, ma la sua tirchieria che gli impediva di spingere oltre una relazione. Impegnarsi significava condividere i suoi averi con qualcun altro che alla fine giudicava sempre [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su