Stavolta gioco sporco, vorrei barare, vorrei due funerali.

Niente di grave, tranquilli, non voglio approfittarne per poter avere giorni in più rispetto a quelli programmati per me (non dal triangolato ovviamente, ma dalle malattie, dal caso, dalle fatalità).

Partiamo dalla seconda morte che sarebbe quella normale, semplice, pulita e definitiva.

Il problema principale è che il diretto interessato (io) non saprebbe mai cosa succederebbe subito dopo. Un mistero che non cambierebbe nulla per me, in effetti, però rimarrebbe una vita, chissà…

Invece…

Prima morte, presente in contumacia (musica grave solenne):

Va bene, è spiacevole ma scontato lasciare un vuoto nei cuori dei parenti, di Alida, di pochissimi amici stretti. Ma cosa succederebbe al di fuori di loro?

Mettiamo che la notizia sia annunciata su Facebook dai primi che l’hanno saputo per caso:

“Ciao Dario, R.I.P.” alché ci sarebbero i primi 20 che sarebbero portati dal falso affetto a dover chiedere “Chi é? Che è successo?” arriverebbero molti “sigh” di prammatica, qualche “Sono sconvolto! Era il migliore!” (gli artisti esagerano sempre) e 24 ore dopo sarei dimenticato.

Capito l’antifona? Vengo coccolato di solito da chi cerca lavoro, se non potessi più fare nulla sarei eliminato dalle coccole di simpatia ed eliminato dai ricordi. Punto!

Ho un mestiere in cui la riconoscenza è bandita, se servo sono un amico, se non lavoro abbastanza puoi mandarmi a cagare.

Me ne accorgo nei flussi e riflussi, appena è in arrivo una serie posso scrivere qualunque stronzata, sarebbe divertentissima e ci sarebbero fantozzianamente cento commenti, appena la serie sta per finire spariscono tutti, se non per dire in messaggi privati: “Ciao mitico, stai bene? Hai qualcosa di nuovo? Vuoi risentirmi per sicurezza?”

È la vita, bellezza!

Un esempio? Scrivo raccontini, quando sono pieno di serie da doppiare mi ritrovo tanti “like” sul sito “Letture da metropolitana” o sulle note che metto su FB, nei momenti che sono lontano dalle serie, “Puff!” sono morto!

Va bene, sono cose che non contano, ma fanno piacere all’Ego, come quando per fare i simpatici, ti chiedono “Cosa fai oltre questo?” “Scrivo racconti” “Davvero? Non lo sapevo” e ti viene voglia di sparare qualche vaffanculo a voce portata, visto  che gli scritti sono visibili spessissimo sulla bacheca, con le mie richieste simpatiche/pietose di leggerli.

Ovviamente questa cosa non vale per i miei amici scrittori, loro sanno quanto fa piacere sentirsi dire bravo, abbiamo le stesse “ruote da pavone”.

Ma non divaghiamo.

Quanti chiederanno “In quale chiesa ci saranno i funerali?” “Ma cazzo, sono ateo, ancora non l’avevi capito dopo tutto questo tempo?”

In definitiva:

Amici, Romani, compatrioti, prestatemi orecchio; io vengo a seppellire Cesare, non a lodarlo.

Già, chi di dedicherebbe il miglior discorso funebre? Vorrei Matthew, compagno di Gareth di “Quattro matrimoni ed un funerale” doppiato sempre dal mio amichetto storico Mauro Gravina nella splendida poesia di Wystan Auden

«Fermate gli orologi, tagliate i fili del telefono, e regalate un osso al cane affinché non abbai, faccia silenzio il pianoforte, tacciano i risonanti tamburi, che avanzi la bara, che vengano gli amici dolenti. Lasciate che gli aerei volteggino nel cielo e scrivano l’odioso messaggio: lui è morto, guarnite di crespo il collo bianco dei piccioni e fate che il vigile urbano indossi lunghi guanti neri. Lui era il mio nord era il mio sud, era l’oriente e l’occidente, i miei giorni di lavoro e i miei giorni di festa, era il mezzodì, la mezzanotte, la mia musica, le mie parole; credevo che l’amore potesse durare per sempre, ma era un’illusione. Offuscate tutte le stelle perché non le vuole più nessuno; buttate via la luna, tirate giù il sole; svuotate gli oceani e abbattete gli alberi; perché da questo momento niente servirà più a niente»

Ahò, intendiamoci, più tardi possibile!!

3
3
14

Iniezioni di humour - 1/2

18 December 2017

Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi in word in vari file tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura. Queste composizioni narrative di matrice autobiografica, furono salvate su una vecchia chiavetta tenuta conservata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
5
16

Sciaf, sciaf

18 December 2017

Sciaf, sciaf Un rumore acquatico sovrasta quello delle onde che si frangono sulla riva pietrosa della spiaggetta. Mi ero addormentato, guardo il cellulare, ore undici, un’ora di oblio vicino al pontile, lo sciaf sciaf che mi ha svegliato è causato da due piedini indubbiamente e meravigliosamente [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Bibbi: Che fregatura😃 tutta quest apprensione e poi....!!sciaf sciaf😅bravo Dario [...]

  • Dario De Santis: Grazie ragazze!!!!!!!!!!!!!!!!!

3
2
10

La raccolta delle olive

17 December 2017

Uno dei momenti più belli durante l'anno è per le famiglie la raccolta delle olive. Quei frutti di varia grandezza, che sono cresciuti lentamente durante la precedente stagione con l'avvento delle piogge di ottobre/ novembre si caricano d'olio e gonfiano in maniera straordinaria. Sembrano tanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
24

Scena di un padre e dei suoi figli

17 December 2017

A volte mi capita di fare la pendolare e prendere l’autobus per recarmi al lavoro. Ieri era un giorno di quelli e mentre tutti avevano le cuffiette e ascoltavano musica, io stavo leggendo i racconti del giorno di Letture da Metropolitana. Seduto di fronte a me c’era un ragazzo con i suoi due figli: [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Brava Surya, racconto molto delicato che purtroppo tocca tanti in questi ultimi [...]

  • Surya: Grazie a tutti dei vostri commenti! Scusate se non vi ho ringraziato prima [...]

10
13
30

La ragazza dei miei sogni - 2/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

16 December 2017

Mi giro di scatto e un'incantevole visione mi assale. La Bionda è a pochi metri da me, mi è difficile descrivere l'espressione del suo viso puntato verso la mia direzione accompagnato da un sorriso luminoso, nonché mi è difficilissimo descrivere la sua bellezza, la foto del suo profilo di Letture [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
4
16

La vita, è.

16 December 2017

Zoe aveva conosciuto il suo nuovo vicino di casa una fredda sera di novembre. Convenevoli, strette di mano, sorrisi imbarazzati e frasi di circostanza. "Piacere, Matteo." Poi quattro chiacchiere al bar vicino, e aveva scoperto che stava sistemando la casa vicina alla sua per tornarci presto a [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Ottimo, questa frase "la vita è" da tener presente ogni giorno, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ottimo racconto, hai scritto un qualcosa di importante, ha degli aspetti filosofici [...]

9
13
22

La ragazza dei miei sogni - 1/2

Da ascoltare in sottofondo: Raf - Inevitabile follia (scelta facoltativa)

15 December 2017

«Leggo sempre i tuoi racconti, hai un animo dolcissimo, sei tenerissimo, non posso credere che esistono uomini ancora capaci di emozionare, di trasmettere sentimenti cosi puri come i tuoi, Giu...io desidero incontrarti, desidero specchiarmi nei tuoi occhi color Nutella, desidero dirti tante di [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
28

Aspetterò la guarigione

che fare?

15 December 2017

Non sono abituata a vederlo soffrire, è sempre stato forte e robusto. In vita sua ha avuto due volte il raffreddore, ed ora non sopporto di vederlo deperire ogni giorno. Cammina curvo, quasi che il peso degli anni sia improvvisamente sulle sue spalle come un macigno. La sua malattia, sconosciuta, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Camillina, Gius, Surya grazie perché sapete sempre trovare le parole [...]

  • Marianna Patti: È toccante quanto hai scritto! Scritto molto bene, con parole giuste [...]

6
5
19

Risponde allora amore

15 December 2017

Maschera di felicità copre mondi di delusione. Poi una voce chiama mamma, risponde allora amore. Ed è nuova gioia.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Crazy, in merito ai molti scritti in precedenza, senza fare accenni o [...]

  • Surya: Solo una cosa ci aiuta a superare le difficoltà: l'amore per i nostri [...]

10
13
24

Alla ricerca di Roberta

Storie pazze a Rivarolo

14 December 2017

Prima di recarsi all’ Hotel Rivarolo, i nostri amici autori provano a telefonare a Roberta, l’unica che non si è presentata all’appuntamento della mattina alla stazione di Torino Porta Nuova. Walter prende il telefono e compone il numero. Squilla, ma Roberta non risponde. “A Robè, mandò sei finita? [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Puccia: Brava, semplicemente bello! Hai dato a me la parte che veramente mi compete [...]

  • Scrittrice imperfetta: Troppo carino.. E noi siamo i più bravi investigautori che si siano [...]

11
10
23

I miei natali in casa Meraviglia

14 December 2017

Ho quarantadue anni, una famiglia, una casa, e un’anima stropicciata.. una vita piena, intensa, incasinata.. A volte mi piace giocare e provo a guardare la mia esistenza dal di fuori.. provo ad essere estranea a me stessa, ed osservare ciò che gira intorno.. la mia vita mi piace. Ne amo le sfumature, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
14

La sveglia

14 December 2017

Ritornò in sè al suono della sirena. Era lì, in attesa del segnale per poter ricominciare a vivere e a respirare, dato che avevano finora trattenuto il respiro senza alcuna lamentela. Quelle note assordanti avevano finalmente prodotto in lui un risveglio da quel torpore che la notte gli aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Marianna Patti: Bello e scritto bene! Si potrebbe interpretare in vari modi...un risveglio [...]

Torna su