Era novembre del 1980, il vento di tramontana era al suo secondo giorno, il freddo entrava nelle ossa ed il cielo era sereno, il mare azzurro che così neanche d’agosto, una giornata contraddittoria sembra tutto calmo e bello ma il vento gelido ti taglia il respiro.

Era la mia ultima settimana di volontariato al consultorio familiare, ed avevo un atteggiamento  positivo verso il futuro, è vero che il periodo storico ha visto i peggiori attentati e violenze, ma avevamo anche ottenuto grandi vittorie sociali come il divorzio e la legge 194 sull’interruzione di gravidanza assistita, si parlava di una nuova legge sulla violenza sessuale per modificare quella orrenda dicitura che voleva la violenza un reato contro la morale e non contro la persona, insomma era tutto come quella giornata di tramontana, bello, pulito, limpido, ma c’era sempre il freddo da combattere.

8,20 sono fuori della porta a vetri,quei vetri strani lattiginosi da ambulatorio, suono perché dentro ci sono già le infermiere e due dottori.

I soliti saluti convenevoli e poi tutti nel cucinino per il caffè e i cornetti mentre le stufette ad aria calda cercano di scaldare  gli ambulatori per i primi pazienti che arriveranno. Siamo tutti attenti al racconto divertente che il ginecologo sta raccontando, quando si sente bussare debolmente alla porta a vetri, io che sono più vicina alla porta mi avvio a vedere chi è, in fondo sono già le 8,30 ed è ora di apertura.

Dietro i vetri c’è una figura strana accucciata in terra, al suo fianco un bimbo, è lui che bussa con la manina…

apro e quello che sembravano cenci era una donna con il viso tumefatto ed il corpo martoriato, fra le braccia ha un altra bimba di pochi mesi, sono tutti e tre in pigiama con sopra delle giacche non adatte al freddo della giornata, sento solo la mia voce che chiama gli altri, il ginecologo mi passa la bimba che ha tra le braccia, poi la prende di peso e corre verso l’ambulatorio insieme alle infermiere e la psicologa, io rimango con un  piccolo angelo infreddolito tra le braccia e l’altro  con la faccia preoccupata a fianco, entro e chiudo la porta in modo che chiunque voglia entrare deve suonare, questo per sicurezza, gli altri sono intenti a soccorrere quella povera donna, io mi guardo il bimbo grande che non deve avere più di quattro anni, anche se il suo sguardo ne dimostra venti, gli sorrido timidamente ma lui non sorride anche se ha addolcito un poco lo sguardo, lo porto nello studio della psicologa dove c’è un divanetto ed è più caldo l’ambiente.

Lucia, la psicologa, esce dallo studio del medico e mi aiuta con i piccoli, insieme cerchiamo il modo di far mangiare qualcosa di caldo a loro e un cambio pannolino alla piccola, poi si addormenta tra le mie braccia, intanto Lucia ha chiamato i carabinieri e l’assistente sociale che segue il consultorio, gli altri pazienti arrivano per le visite e cerco di tranquillizzare tutti ma è tutto molto caotico fino a che l’ambulanza non porta via la donna e l’assistente sociale prende in carico i piccoli che vengono accolti in un istituto di suore aspettando che la loro mamma sia dimessa dall’ospedale.

Verso le 13,00 quando sono finite le visite del mattino e tutti noi ci sediamo un attimo per fare il punto della situazione non c’è voglia di scherzare né di ridere, quella povera donna era stata picchiata e violentata dal marito, solo alle 4,00 del mattino era riuscita a fuggire con i figli, si era rivolta alla sua famiglia, ma sua madre  senza un briciolo di comprensione l’aveva rimandata dal marito, dicendole che lui aveva tutte le ragioni di picchiarla o violentarla perché lui era il capo di casa, e se lui aveva voglia di “montarla” lei doveva tacere e sottostare a suoi voleri. Lei doveva capirlo con le buone o con le cattive che non contava niente.

Io ho finito il mio volontariato quella settimana, la vita poi si è fatta più complessa per me studentessa fuori sede e ragazza impegnata,  non so cosa sia successo dopo a quella donna e ai suoi figli, so che qualcuno ha tentato di aiutarla, spero con tutto il cuore che ce l’abbia fatta.

__________________________

Per tutte le violenze consumate su di Lei, 
per tutte le umiliazioni che ha subito, 
per il suo corpo che avete sfruttato, 
per la sua intelligenza che avete calpestato, 
per l'ignoranza in cui l'avete lasciata, 
per la libertà che le avete negato, 
per la bocca che le avete tappato, 
per le ali che le avete tagliato, 
per tutto questo: in piedi Signori, davanti a una Donna!"

William Shakespeare

 

7
10
16

Space Invaders - 2/2

Racconto ispirato al celebre videogioco

18 November 2017

Bene, adesso torniamo alle astronavi aliene, ma... Cosa diavolo stanno facendo? Hanno cominciato a diventare improvvisamente velocissime, sparo in maniera ossessiva e riesco a distruggerne a malapena tre. La situazione mi sta sfuggendo di mano, ormai prendere la mira è un eufemismo. Panico!!! La [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
5
16

L'uomo che no sa amare

18 November 2017

Mentre passeggiavano lui aveva scartato tutte le pizzerie e i ristoranti, erano giunti ad una pizzeria dove lei non sarebbe mai entrata, spoglia, brutta, squallida, neanche il bancomat prendeva Lui le chiede “Va bene qui?” “Ma certo risponde” lei, se ce l’avesse portata un amico o chiunque altro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
6
17

La nonna racconta - 2/3

strorie di ieri

18 November 2017

<<Di sera si andava a letto presto, al massimo alle nove eravamo tutti sottocoperta. Si cenava alle sei, massimo sei e mezza, al tramonto del sole e poi si giocava a carte se non c'erano compiti da fare mentre la mamma e la nonna lavoravano a maglia. Papà eseguiva lavoretti d'intaglio, piccole [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
3
20

Il Trabocco - 2/2

17 November 2017

Molti dei giovani sciamarono verso la passerella che conduceva a terra, s’informarono se potevano scendere al mare e avuto il permesso andarono verso una piccola cala poco distante dal trabocco. Si spogliarono in parte e si misero a giocare chi a pallone, chi a cercare fra gli scogli qualche [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Questo racconto oltre che mi è piaciuto, ha destato in me non solo interesse [...]

  • Lo Scrittore: bene! hai centrato il concetto che volevo far passare, la differenza dei ragazzi [...]

9
12
24

Space Invaders - 1/2

Racconto ispirato al celebre videogioco

17 November 2017

Dannazione! Me la sono vista proprio brutta! C’è mancato davvero poco che quei fottutissimi alieni mi disintegrassero! Fortunatamente sono stato io ad avere la meglio su di loro e adesso non mi resta che andare avanti, con la speranza di essere altrettanto fortunato nel caso dovessi ingaggiare [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Surya: WOW! Space invaders, il più celebre video game degli anni ' 80 .... [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Flavia: grazie ancora e attendo il tuo successivo commento per la successiva [...]

7
10
22

La nonna racconta - 1/3

storie di ieri

17 November 2017

Durante una gita in montagna, con i miei nipotini Lara, Bruno e Claudio, veniamo sorpresi da un forte temporale. Non ci resta che correre come disperati verso una baita poco distante. Per fortuna c'è il margaro che ci accoglie cordialmente <<Venite, venite, fate presto o vi bagnerete tutti. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Surya: Flavia sei sempre bravissima, ma quando racconti dei tuoi ricordi del passato [...]

  • flavia: Grazie Surya

4
5
23

Il Trabocco - 1/2

16 November 2017

- Qualcuno ha fatto l’appello? Bagheera, hai visto se ci sono tutti? Il responsabile del raduno si stava sbracciando davanti al bus gran turismo fermo al lato della piazza. Erano le sette di mattina e c’era una gran confusione. Decine di ragazzi nelle loro divise da scout si aggiravano [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

7
10
31

LOVE

16 November 2017

Le lettere arrivano a frotte Perdono dice il suo cuore Perdono salvami perché ti amo Sono perduto Senza te sono perduto Ho sbagliato perché sono un bimbo pauroso Aiutami Ti amo Ti amo Prendimi tra le tue braccia e tienimi stretto

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Surya, mi trovo d'accordo con il tuo commento.
    Non siete solo voi donne [...]

  • Bibbi: Grazie a tutti dei vs commenti troppo buoni 😊💋❤️🔝

3
3
13

I disegnatori

16 November 2017

La vita è un continuo disegnarsi. Tutti disegnano tutti. Ma due sono i veri disegnatori della nostra esitstenza. Il primo artista è il tempo che giorno per giorno disegna i suoi solchi sul nostro corpo e in maniera subdola scarnifica la nostra anima tutte le volte un evento è così profondo che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
15
28

Il Gonfia e Ripara - 2/2

Orario di chiusura

15 November 2017

Negozio di ricambi Tutto Auto & Tutto Moto Ore 19:52 Il cliente decide di terminare la telefonata, la mia faccia è praticamente verde veleno. Non gliene sbatte praticamente nulla, anzi mi fa un sorrisetto del cavolo tanto da desiderare di ficcargli la bomboletta proprio lì, dove non batte [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

8
9
20

Il mistero del cadavere nascosto

horror per ridere

15 November 2017

Arturo si avvicinò alla rastrelliera della stalla e prese un rastrello per raccogliere i rami e ripulire una zona della sua proprietà. Le quattro mucche ruminavano placide, dopo aver pascolato all'aperto tutto il giorno. Giobatta stava ripulendo la stalla, brontolando, e Arturo lo redarguì <<Smetti [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Brava Flavia! Ti metto meritatamente altri like 👍👍👍

  • flavia: Grazie a tutti, siete troppo buoni
    Vi abbraccio e vi aspetto nei prossimi [...]

14
19
44

Ricomincio a vivere

15 November 2017

Da questo momento sono ufficialmente scomparso, ho finito di seppellirmi nel mio giardino, nessuna lapide mi ricorderà, nessun fiore mi conforterà. D’altronde perché compiangermi, sono felice, ci sono riuscito, ho trovato un demente che viveva sotto i ponti ed ho preso il suo posto, mi avrebbe [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su