Erba, muschio, terra, rugiada.

Sono i primi odori che inspiro appena sveglia, apro gli occhi, un albero mi sovrasta maestosamente, due uccelletti su un ramo mi guardano con aria fessa.

Provo ad alzarmi, l’erba ed i rametti s’infilzano nella carne senza farmi male, abbasso lo sguardo su di me, sono nuda.

Perché?

Perché non ricordo nulla?

Come sono arrivata qui e soprattutto, chi sono?

Mi alzo in piedi guardandomi intorno, dietro di me sento un ruscello, vado da quella parte, l’acqua è gelida ma il clima è caldo, mi sento sporca, capisco che se non mi tuffo potrei rimanere sulla riva per ore in attesa del coraggio.

Forza!

L’acqua mi sferza, l’energia mi torna, provo a fare qualche bracciata, poi mi lascio andare, la corrente mi porterà da qualche parte.

Avanzo sempre rimanendo all’erta, qualche ramo sporgente o peggio ancora una cascata potrebbero farmi del male. Un’altra domanda: dove sono? Non vedo paesi lontani da raggiungere, neanche villini singoli.

Ho freddo, è troppo che sono in acqua, non ho incontrato niente e nessuno, nuoto verso la riva, c’è un punto in cui l’acqua è ferma, mi dirigo lì, sarà più tiepido.

Lo specchio dell’acqua rinvia il mio aspetto, finalmente mi vedo, una bella bionda formosa, un seno grosso con capezzoli turgidi, colpa del gelo acquatico, gambe lunghe, un triangolino vellutato che incornicia la mia fichetta. Mi piaccio. Molto! Sono lesbica? Non so, dovrei vedere un maschio ed una femmina per ricordare la differenza di eccitazione, però sono fiduciosa, ogni cosa nuova che vedo mi fa ricordare qualcosa del mio passato, speriamo bene, voglio capire prima possibile cosa mi è successo.

Rimango in quella specie di tinozza tiepida, ho uno stimolo, ma prima torno nell’acqua corrente, non voglio essere circondata da acqua dorata.

Ecco, ora sono pronta, m’incammino.

C’è troppo sole, fa caldo, rimango nella parte nascosta.

Perché ancora non ho fame?

Sono almeno cinque ore che cammino e non sono neanche stanca.

Ho i sensi in allarme, c’è qualcuno intorno a me, sono predatrice, pecore, una mandria, dei cani, un cavallo cavalcato da un bel giovane muscoloso, mi faccio vedere, ora ricordo tutto.

«Chi sei? Non parli? Non ti ho mai vista da queste parti! Forse sei un’idiota! Bella fica!»

Scende da cavallo

«Tranquilla, non ti farò del male, vieni»

Si avvicina, mi tocca il seno, il culo, poi infila la mano tra le gambe, le dita iniziano ad esplorare, chiudo gli occhi, sento che sto per godere, mi bacia, gli puzza l’alito

«Ho indovinato, sei idiota, ma scopabile, ti porterò a vivere con me, chissà se sai anche cucinare, saresti la donna perfetta»

Mi stringe baciandomi il collo mentre si slaccia la cintura, abbassandosi in un sol colpo pantaloni e mutande, inizia a masturbarsi lentamente, poi indietreggia per farmi vedere la sua potente erezione

«Ti piace? Ora lo sentirai dentro di te, non ti farà male, vedrai, ti piacerà più delle mie dita»

Si butta in terra attirandomi a sé, dirige il cazzo dentro il mio corpo, mi piace, mi muovo per farlo godere, sono brava, lo ricordo bene, nessuno mi ha mai resistito… infatti dura poco, è uno scopa pecore, pensa solo a sé stesso, va bene, è il momento, ora che il sangue è bello frizzantino posso servirmi, mi avvicino al suo collo ed inizio a bere. Ha il suo ultimo sussulto dentro di me, il mio preferito, il mio personale orgasmo, amo godere del mio cibo.

Lo faccio scivolare lontano da me, era un bel ragazzo potente, avrei potuto lasciargli un po’ di sangue e tenerlo come schiavo… è inutile, se ne trovano tanti così.

Avevo fatto una stronzata il giorno prima, mentre mi scopavo un’altra vittima, ero eccitata, non mi ero resa conto che un suo collega contadino ci aveva seguiti, mi aveva dato una bastonata in testa, poi, forse per paura di dover spiegare troppe cose mi avevano lasciata lì, quasi morta… ma io sono una vampira, non posso morire. Per fortuna non sono andata verso il sole, sarei inconsapevolmente e stupidamente morta.

Lo spirito di Sua Eccellenza Dracula mi ha salvata.

Mi trasformo e volo via, rimanendo sotto gli alberi.

0
0
2

La leggenda dei dragoni sputa-acqua

22 July 2018

A Palermo due dragoni non sputano fuoco ma offrono acqua dalla loro bocca. Si racconta che i due esseri mitologici siano diventati di marmo in seguito a un incantesimo, essi terrorizzavano il territorio e la gente rimaneva chiusa in casa per paura di finire tra le fiamme dei bestioni. Allora le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Scrittura, cinema, fantasia ed io

22 July 2018

Una volta qualcuno mi chiese: «Ti piace scrivere, eh?» «Mi piace? io amo scrivere!» risposi con convinzione, sebbene abbia sempre avuto un rapporto particolare con la scrittura... Allora, partiamo col presupposto che è una necessaria attività di cui mi prodigo da quando avevo sedici anni, ufficialmente [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
6

Van Gogh

22 July 2018

Caldissimo sole in alto. Girasoli in arrivo, sui binari del giallo più forte, pieno, ricco di luce. Blu della notte, giravolte, giravolte nucleari di pennellate vorticose, fisiche e di caccia al mondo, arrabbiato di vita, d'amore e senza filtri. Tu, Vincent, credi che sia una cosa difficile la [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
10

Fuego y Hielo - 2/2

Le storie del Buenos Aires Café

21 July 2018

Parlammo davanti a una tazza di caffè, toccammo svariati argomenti, poi iniziamo a parlare d’Amore e delle manifestazioni di questo sentimento. Man mano che parlavamo mi trovavo sempre più a mio agio e l’imbarazzo scomparve. «Sai cos’è l’Amore?» chiese dopo una lunga pausa. «Sono stato innamorato [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
10
20

Ganja

da "Una Margarita indigesta"

21 July 2018

«Te la senti di scoprire l’isola vera?» «Certo!» «Scendi, guido io!» apre lo sportello lato passeggero, per un attimo fugace ho la vista delle sue stupende gambe, mi sbrigo a fare il giro della macchina per ammirare la sua entrata al posto di guida. «Ho passato l’esame gambe?» «Con il massimo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Dario De Santis: è tutto un libro che sto scrivendo, una piccola parte che mi piaceva [...]

  • Surya: Wow! E dopo averci fatto assaggiare un po' del tuo nuovo libro, non posso [...]

7
8
23

Vivi e lascia vivere

21 July 2018

Il troppo prodigarsi fa rima con dannarsi. Io credo che ognuno di noi avrebbe bisogno di vivere senza stare troppo a preoccuparsi di cosa accade attorno o chi ci sta attorno. La nostra vita dispone di un meccanismo perfetto, sta a noi capirne il complicato funzionamento. Purtroppo nessuno di noi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Caspita Giuseppe! Ma come fai a trovare il tempo per continuare a scrivere, [...]

  • Santiago Montrés: Ciao Giuseppe, buona questa tua riflessione mi trovo a condividere con te il [...]

2
0
11

Fatima, ovvero la libertà.

20 July 2018

"Tu non potrai mai cantare in pubblico, perché la nostra tradizione non ammette che una donna si esibisca davanti ad un pubblico di uomini e di donne. Non puoi colorarti i capelli, anzi devi nasconderli perché sono strumenti di seduzione e obbediscono al gioco perverso della vanità." Fatima non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
17

Fuego y Hielo - 1/2

Le storie del Buenos Aires Café

20 July 2018

Ancora non ricordo come accadde. Era una calda notte di novembre. Si, qui l’autunno si veste ancora d’estate. Ero andato a letto con tutte le buone intenzioni, un libro per conciliarmi il sonno che puntuale giunse dopo nemmeno una pagina letta. Spensi la luce e mi infilai sotto le lenzuola, forse [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

6
11
24

Tangenziale

20 July 2018

Sto percorrendo questa tangenziale già da un po’, insieme a quelli che sono i miei abituali compagni di viaggio. La musica pompa dalle casse e noi cantiamo a squarcia gola. La tangenziale è congestionata. Intorno a me, auto, tutte diverse per forma, cilindrata, colore... alcune sono nuove e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
9
23

Il primo camper

vacanze di famiglia

19 July 2018

Racconto della prima estate passata in camper, una vacanza indimenticabile lunga un mese. Quell'anno la primavera era stata caldissima e si parlava di vacanze già dal mese di aprile. Il Salone dell'Automobile esponeva macchine di varie cilindrate, stupende e lussuose a prezzi proibitivi alla portata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
7
16

Grumo

19 July 2018

Coagulo di dolore condensa di passione che non si scioglie non si dilava ma grava piange negli occhi annoda la gola stringe le mani ferite. Gesto aspro ingiusto mille volte rivissuto sofferto e inferto. Oscenamente violenta di paura mi scaglio mi scheggio mi frango.

Tempo di lettura: 30 secondi

8
15
19

Antichi mestieri

19 July 2018

A Roma nord, sulla Tiberina, la strada che porta a Capena, Fiano Romano, Morlupo, Monterotondo, su una leggera pendenza c'è un bellissimo e grande campo di girasoli da far impazzire Van Gogh, è uno dei miei soggetti preferiti, non voglio copiare il Maestro, ma cercare d'interpretare una sua idea [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su