In una tarda mattinata di primavera, i miei  datori di lavoro mi mandarono a sbrigare una commissione alla posta centrale, precisamente dovevo farmi affrancare allo sportello dei francobolli per una prioritaria.
Mentre stavo percorrendo la piazza a piedi, dall'esterno di un negozio di abbigliamento, Gaetano mi apparve davanti assieme ad una ragazza bionda di bellissimo aspetto ed erano mano nella mano e con due shopper da boutique per ciascuno.
'Dio, fa che almeno stavolta quel bifolco mi lasci in pace!' pregai mentalmente.
Appena entrai nel raggio visivo di Gaetano l' espressione del suo viso si fece fin da subito maliziosa, difatti conoscendolo bene, era chiaro come il sole che avrebbe cominciato a deridermi in maniera deplorevole e mi ero anche rassegnato che avrebbe potuto avere manforte della sua ragazza. Sarebbe bastata una sola risata da parte di quest' ultima per farmi sentire ancora più giú, complice anche il lato molto sensibile della mia personalità.
Ad ogni modo mi preparai ad incassare i 'colpi' e alcune previsioni si rilevarono esatte.
'Prosciutto! Prosciuttooooo!' mi canzonó più volte con fare spaccone e col chiaro proposito di atteggiarsi dinnanzi la sua ragazza.
Provai a ignorarli e di proseguire a testa alta per la mia destinazione, cercando il piú possibile di non dare a vedere il mio avvilimento.

Fu in quel preciso istante che avvenne una scena imprevista e che mi lasció letteralmente spiazzato.
'Perché lo stai insultando? Cosa ti ha fatto quel ragazzo?' domandò la ragazza tutta scocciata, liberandosi immediatamente la mano che teneva intrecciata con quella del mio ex compagno di scuola.
'Niente, è un povero sfigato, a scuola veniva preso per il culo da tutti, dal primo fino all'ultimo!' si giustificó il 'grand'uomo' ridendo nervosamente e nello stesso tempo si stupii della reazione di colei che non gli aveva fornito un potenziale assist.
'Senti, ma chi ti credi di essere? Un Dio in terra?' Vergognati!' osservó la biondina sempre più incazzata.
Restai a osservarli.
Gaetano tra le tante cose, era uno che non amava essere contraddetto e mostrò nei confronti della ragazza un autorità che peggiorò soltanto le cose.
'Oh, ma che cazzo te ne frega di quel coglione? Non ti permetto di parlarmi così, cretina!' le urlò.
La ragazza gli scagliò addosso le due shopper da boutique e cominciarono a litigare animatamente come due forsennati con tanto di strattoni e gesticolazioni di ogni genere.
Dopo averli osservati per un pò, li lasciai con i loro litigi e continuai per la mia strada, dentro di me godevo come un matto, non per cattiveria ma per una sorta di giustizia. 
Per una volta fu lui a cascare male ed era una chiara dimostrazione che il cosidetto 'boomerang' che ritorna in faccia esiste davvero.

Andai alla posta, e una volta sbrigata la prioritaria tornai al negozio visibilmente soddisfatto.
Qualche giorno dopo, mentre stavo andando a fare la spesa in un supermercato vicino casa mia, sentii dietro le mie spalle una brusca frenata, un freno a mano e uno sportello sbattere violentemente.
Mi girai.
Era Gaetano, infuriato come una iena.
A passo svelto cercai di divincolarmi ma mi raggiunse e mi strinse forte un braccio.
'Prosciutto di merda, per colpa tua la mia ragazza mi ha lasciato!' esordì con un tono iracondo.
'Come per colpa mia? Che cavolo stai dicendo?' gli domandai ' Ero per i cazzi miei, hai cominciato tu a provocare!' soggiunsi con la coscienza apposto.
Gaetano mi diede un potente spintone e andai a sbattere in una serranda di un pubblico esercizio chiuso per ferie, restando aderente a essa.
'Sei passato nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, tutta colpa tua!' insistette con gli occhi stralunati e visibilmente arrossati.
Con una mano mi premette la cassa toracica mentre l'altra la chiuse in un pugno sospeso in aria come se fosse pronto per colpirmi.
'Io ti ammazzo! Hai capito? Io ti ammazzoooooo!' continuó con un tono sempre più brutale e minaccioso.
Avevo due scelte:
Ingaggiare una lotta cercando di colpirlo per primo con un sonoro pugno in faccia oppure risolverla a parole e convincerlo a lasciarmi in pace.
Scelsi la seconda opzione ma allo stesso tempo preparai la mano destra nell'eventualità  di difendermi.
'Gaetano, non ti ho fatto mai nulla, ormai la scuola è finita, se mi tocchi con un dito vado al commissariato, stavolta non te la faccio passare liscia!' gli dissi per cercare di intimorirlo.
'A me gli sbirri mi possono fare solo una sega!' gracchió e con gli occhi sempre più rossi nonché accecati dalla rabbia.
'Gaetano, per una buona volta lasciami stare, te lo chiedo per favore, non hai idea di quanto male mi hai fatto in tutti questi anni!' e dopo queste parole in maniera delicata gli abbassai il braccio con la mano sinistra il quale mi premeva il torace.
'Ti prego... basta!' aggiunsi con un fil di voce.
Mi sembró di scorgere i suoi occhi diventare incredibilmente lucidi oltre al fatto che erano giá arrossati, tanto da abbassarli per alcuni istanti.

Probabilmente era indeciso sul da farsi e forse le mie suppliche l'avevano toccato a livello interiore.

0
0
2

La leggenda dei dragoni sputa-acqua

22 July 2018

A Palermo due dragoni non sputano fuoco ma offrono acqua dalla loro bocca. Si racconta che i due esseri mitologici siano diventati di marmo in seguito a un incantesimo, essi terrorizzavano il territorio e la gente rimaneva chiusa in casa per paura di finire tra le fiamme dei bestioni. Allora le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Scrittura, cinema, fantasia ed io

22 July 2018

Una volta qualcuno mi chiese: «Ti piace scrivere, eh?» «Mi piace? io amo scrivere!» risposi con convinzione, sebbene abbia sempre avuto un rapporto particolare con la scrittura... Allora, partiamo col presupposto che è una necessaria attività di cui mi prodigo da quando avevo sedici anni, ufficialmente [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
5

Van Gogh

22 July 2018

Caldissimo sole in alto. Girasoli in arrivo, sui binari del giallo più forte, pieno, ricco di luce. Blu della notte, giravolte, giravolte nucleari di pennellate vorticose, fisiche e di caccia al mondo, arrabbiato di vita, d'amore e senza filtri. Tu, Vincent, credi che sia una cosa difficile la [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
10

Fuego y Hielo - 2/2

Le storie del Buenos Aires Café

21 July 2018

Parlammo davanti a una tazza di caffè, toccammo svariati argomenti, poi iniziamo a parlare d’Amore e delle manifestazioni di questo sentimento. Man mano che parlavamo mi trovavo sempre più a mio agio e l’imbarazzo scomparve. «Sai cos’è l’Amore?» chiese dopo una lunga pausa. «Sono stato innamorato [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
10
20

Ganja

da "Una Margarita indigesta"

21 July 2018

«Te la senti di scoprire l’isola vera?» «Certo!» «Scendi, guido io!» apre lo sportello lato passeggero, per un attimo fugace ho la vista delle sue stupende gambe, mi sbrigo a fare il giro della macchina per ammirare la sua entrata al posto di guida. «Ho passato l’esame gambe?» «Con il massimo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Dario De Santis: è tutto un libro che sto scrivendo, una piccola parte che mi piaceva [...]

  • Surya: Wow! E dopo averci fatto assaggiare un po' del tuo nuovo libro, non posso [...]

7
8
23

Vivi e lascia vivere

21 July 2018

Il troppo prodigarsi fa rima con dannarsi. Io credo che ognuno di noi avrebbe bisogno di vivere senza stare troppo a preoccuparsi di cosa accade attorno o chi ci sta attorno. La nostra vita dispone di un meccanismo perfetto, sta a noi capirne il complicato funzionamento. Purtroppo nessuno di noi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Caspita Giuseppe! Ma come fai a trovare il tempo per continuare a scrivere, [...]

  • Santiago Montrés: Ciao Giuseppe, buona questa tua riflessione mi trovo a condividere con te il [...]

2
0
11

Fatima, ovvero la libertà.

20 July 2018

"Tu non potrai mai cantare in pubblico, perché la nostra tradizione non ammette che una donna si esibisca davanti ad un pubblico di uomini e di donne. Non puoi colorarti i capelli, anzi devi nasconderli perché sono strumenti di seduzione e obbediscono al gioco perverso della vanità." Fatima non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
17

Fuego y Hielo - 1/2

Le storie del Buenos Aires Café

20 July 2018

Ancora non ricordo come accadde. Era una calda notte di novembre. Si, qui l’autunno si veste ancora d’estate. Ero andato a letto con tutte le buone intenzioni, un libro per conciliarmi il sonno che puntuale giunse dopo nemmeno una pagina letta. Spensi la luce e mi infilai sotto le lenzuola, forse [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

6
11
24

Tangenziale

20 July 2018

Sto percorrendo questa tangenziale già da un po’, insieme a quelli che sono i miei abituali compagni di viaggio. La musica pompa dalle casse e noi cantiamo a squarcia gola. La tangenziale è congestionata. Intorno a me, auto, tutte diverse per forma, cilindrata, colore... alcune sono nuove e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
9
23

Il primo camper

vacanze di famiglia

19 July 2018

Racconto della prima estate passata in camper, una vacanza indimenticabile lunga un mese. Quell'anno la primavera era stata caldissima e si parlava di vacanze già dal mese di aprile. Il Salone dell'Automobile esponeva macchine di varie cilindrate, stupende e lussuose a prezzi proibitivi alla portata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
7
16

Grumo

19 July 2018

Coagulo di dolore condensa di passione che non si scioglie non si dilava ma grava piange negli occhi annoda la gola stringe le mani ferite. Gesto aspro ingiusto mille volte rivissuto sofferto e inferto. Oscenamente violenta di paura mi scaglio mi scheggio mi frango.

Tempo di lettura: 30 secondi

8
15
19

Antichi mestieri

19 July 2018

A Roma nord, sulla Tiberina, la strada che porta a Capena, Fiano Romano, Morlupo, Monterotondo, su una leggera pendenza c'è un bellissimo e grande campo di girasoli da far impazzire Van Gogh, è uno dei miei soggetti preferiti, non voglio copiare il Maestro, ma cercare d'interpretare una sua idea [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su