Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York,  precisamente a Hell's Kitchen un quartiere di Manhattan.

Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato fin da subito un lavoro prestigioso in una sede così importante, la cosa mi inorgoglisce, mi fa sentire un grande.

Un ottimo stipendio, una carriera assicurata e solo otto ore di lavoro. Un pacchia.

Non potevo desiderare di meglio e per tutto questo sono disposto a vendere l’anima al diavolo.

Attualmente mi trovo in una sala d’aspetto del settantanovesimo piano e resto sbalordito dal suggestivo panorama. Sono dannatamente felice.

«Freda, è pregato di andare giù al sesto piano, il capoufficio Damien le fornirà ragguagli in merito al suo nuovo incarico.» mi dice Fiamma, la segretaria di origine italiana, dopo aver riagganciato il telefono.

Mi alzo dal divanetto in pelle da cui per circa un ora sono rimasto in paziente attesa, faccio cenno di sì alla ragazza, accompagnato da un occhiolino.

La guardo, è molto bella, ha uno sguardo tra l’angelico e il diabolico, penso proprio che appena mi sarò ambientato, ci farò senz’altro un pensierino.

Chiamo l’ascensore.

Quando stavo in Italia, solitamente non lo prendevo mai in quanto soffro di claustrofobia però qui siamo in un grattacielo e farsi tutti questi piani utilizzando le scale non mi sembra assolutamente il caso.

Le porte dell’impianto si aprono, e mi stupisco del fatto che non ci sia nessuno poiché normalmente c’è un via vai di gente.

Una volta entrato, premo subito il tasto 6.

Le porte si chiudono ma non succede nulla. Che strano!

Calma, niente panico!

Premo nuovamente 6 e purtroppo ancora niente. Questo maledetto ascensore non vuole proprio saperne di muoversi e comincio ad avvertire un senso di soffocamento e di sudorazione.

Non voglio premere il campanello d’allarme, altrimenti rischio di fare la figura dell’imbecille già dal primo giorno.

Colpisco violentemente il 6 con il palmo della mano destra e avviene improvvisamente uno strano scossone.

Finalmente l’ascensore decide di partire, la discesa ahimè la reputo particolarmente anomala, come se stessi precipitando.

Dovrebbe essere normale, d’altro canto, ragionandoci su, se la cabina fosse più lenta, ci metterebbe troppo ad arrivare al piano desiderato, ma allo stesso tempo sono terrorizzato dal momento che va veloce… fin troppo veloce!

Un suono mi fa chiaramente notare che sono arrivato all’agognato sesto piano.

Le porte dell’ascensore si aprono e resto raccapricciato nonché a bocca aperta da ciò che vedono i miei occhi.

Un buio spettrale, un caldo inaudito, del fumo fastidioso e dei lamenti agghiaccianti che mi lasciano letteralmente di sasso.

«Ma dove diavolo sono capitato?» urlo.

«Benvenuto Freda, la stavo aspettando!» esordisce una voce sinistra.

Dinnanzi a me, quasi senza accorgermi, mi appare un’oscura figura e nel suo corpo sono disseminate una miriade di fiammelle.

«Cosa ci faccio qui?» Chiedo confuso.

«Si trova qui per un motivo ben preciso!» mi dice.

«Quale motivo?» chiedo sempre più smarrito e con la paura che si è letteralmente impadronita di me.

«Il direttore Satana mi ha fatto pervenire questo fax, prego lo legga pure!»

Prendo velocemente il foglio dalla sua mano.

 

'Non potevo desiderare di meglio e per tutto questo sono disposto a vendere l’anima al diavolo'  leggo inorridito.

 

Dannazione, ma io non lo pensavo veramente. O forse si?

«Ma come sono arrivato qui da voi?» ponendo l’ennesima domanda con la voce rotta dal terrore .

«Ebbene, lei stesso è venuto a trovarci, nell’ascensore ha premuto tre volte 6, per cui 6 - 6 - 6  che rappresenta il numero della Bestia nonché nostro maledetto direttore.» mi spiega il tenebroso tizio. 

Sento che sto per impazzire.

«Le è stato assegnato una specifica mansione!» soggiunge ridendo maliziosamente.

Piango scuotendo la testa e prego Dio che sia tutto un incubo.

«Freda, capisco bene il suo disagio e la sua incredulità, ma ci si abituerà presto!» cercando di rabbonirmi e come se mi avesse letto nel pensiero.

Resto impietrito e in silenzio.

«Ecco il suo incarico: Si occuperà di catalogare tutti i suicidi oppure omicidi causati da questioni finanziarie, si farà le sue belle otto ore, sette giorni su sette, anche la domenica dal momento che qui non siamo in Paradiso, nelle ore non lavorative potrà girare gli Inferi liberamente, le assicuro che da queste parti gli svaghi non mancano!»

Mi sento come paralizzato, non ci voglio ancora credere.

«Comunque sono Damien, e adesso mi segua che le mostro il suo ufficio con una bella vista su lava!» conclude stringendomi la mano.

Mi rassegno a testa bassa e decido di seguirlo.

Sono finito all’Inferno… me la sono cercata!

 

 

'Enrico Freda, un laureato italiano ventiseienne appena assunto, è stato trovato morto in uno degli ascensori della Duke & Nuke. Secondo una prima ricostruzione della polizia sembrerebbe trattarsi di un infarto.' queste furono le prime righe di uno dei tanti articoli di cronaca del New York Times pubblicato il 6/ 6/2006

1
0
6

Tiè!!

19 February 2018

Trastullandomi in un tetro tugurio di Tobruk con una trottola di tek della Tasmania, mentre giocavo a tressette con un trucido tirapiedi tedesco che trasportava tartarughe terrestri dell'isola di Tonga con un tir targato Trieste, mi trattenni dal trascendere nello scoprire che il tipaccio truccava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
10

Una piccola piuma bianca

c'è sempre una speranza

19 February 2018

Viviana stava fumando nervosamente un toscano, affacciata alla finestra della sua camera da letto. Stava pensando ai fatti suoi e man mano che i pensieri si aggrovigliavano nella testa, dal fondo dello stomaco le saliva l'incazzatura. Era sommersa da mille incombenze, le pareva che il peso del [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Delicato, leggero e positivo racconto, mi è piaciuto molto.
    Da una [...]

  • Bibbi: Flavia che dire.... onorata commossa contenta 🙃 stai certa che domani cioè [...]

2
2
8

Cosa succede dopo "e vissero tutti felici e contenti?"

19 February 2018

Cosa succede dopo il “e vissero tutti felici e contenti” Cenerentola digitava veloce sul suo smartphone: Cenny: “Raga, io non ne posso proprio più!! Qui a corte non succede mai niente.. due palle!! Quasi quasi preferivo quella vecchia ciabatta della mia matrigna.. almeno con lei non mi annoiavo, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Lory sei incorreggibile, i fratelli Grimm dei dilettanti confronto a te. Bravissima [...]

  • Bibbi: No vb con questa ti incorono scrittrice dell anno. Bellisssssssima con 15000 [...]

2
2
8

4 amici alla toilette

É una cagata pazzesca...o forse no?

19 February 2018

Roma, Garbatella. Interno bagno. Ore 22.15. Personaggi e interpreti: Armando il bancario, Giggetto il tassista, Fiammetta la promotrice cosmetica, Teresa la P.R. . versione originale in dialetto Romanesco. Venerdì sera di una buia e silenziosa serata Romana, Armando, Giggetto, Fiammetta e Teresa, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Una cagata culturale, simpatico come sempre. Ci sentiamo domani

  • Bibbi: Quindi quando partecipi stai cagando?!?? 😂😂😂bravo Walter sempre il top 💋🍾👍🏻

10
14
28

Anna dagli occhi tristi

Favola

18 February 2018

Empoli è una graziosa cittadina in provincia di Firenze. Si narra che qui vivesse Anna, una donna tanto triste e infelice. La sera, nell’intimità del suo letto, l’infelicità della donna diventava insopportabile e lei scoppiava a piangere scossa da singhiozzi irrefrenabili ma silenziosi, per non [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Lorena, Bibbi, Walter , Jared, grazie ! Siete fantastici!

  • Surya: Giuseppe! Che dire! Il tuo commento mi commuove e mi lusinga...sei unico! I [...]

4
5
14

Anima mundi

18 February 2018

È un mondo sospeso di simulacri spenti tra anime errabonde in aridi deserti dove asce roventi spaccano incessanti pietre scheggiate dal corso dei millenni Ingenuo sentimento scosso nell'anima solo dai lenti cerchi di un solitario sasso scagliato sulla vita ......nell'insolito passaggio d'indistinte [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

9
12
30

Tufo verde

Guarda il mio mondo, attraverso i miei occhi.

18 February 2018

Prendimi la mano, anche se è fredda, anche se è febbraio e non vuoi uscire. Seguimi sempre. Oggi è un giorno a parte. Un giorno qualunque. Noi lo renderemo speciale. Per questa manciata di attimi, sei solo per me. La mia è una vita a parte, la vita su un'isola lo è sempre. Si gira in tondo, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
5
17

Il bambino interiore - 2/2

(Le storie del Buenos Aires Café)

17 February 2018

Ora mi trovavo in una stanza buia, doveva essere enorme perché mentre camminavo non avevo sentito né la presenza di un muro né tanto meno quella di una porta. Continuavo a camminare e man mano che andavo avanti perdevo un mio indumento fino a quando non rimasi completamente nudo. Poi in tutta quell’oscurità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
11

Mimì e le Sette Fate

17 February 2018

Nel piccolo slargo davanti al Monastero di Santa Chiara, nel quartiere Ballarò, sette creature magiche, 'ntra stu curtigghiu di li setti Fati [...] la notti cci vinìanu sette donni di fora, tutti una cchiu bedda di ‘n’àutra (In questo cortile delle Sette Fate [...] la notte venivano sette donne [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
2
11

Statistiche 2

17 February 2018

È notorio che a Tirano se lo trovan sempre in mano mentre a Ivrea e a Mondovì se lo menan tutto il di Sia a Ravenna che a Cesena lo fanno sempre stare in pena A Rieti e in Ciociaria chi l'ha lungo fa la spia Sia a Pescara che ad Ancona lo vorrebber sempre in mona ma a Perugia e pure a Urbino preferiscono [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
22

Il bambino interiore - 1/2

(Le storie del Buenos Aires Café)

16 February 2018

L’amicizia con Don Eduardo era ormai consolidata, da lungo tempo ero diventato un assiduo frequentatore del Buenos Aires Café. Mi fermavo per un caffè o un bicchiere di rum, leggevo le mie poesie e insieme a lui le commentavamo. Don Eduardo aveva sempre un occhio e un orecchio di riguardo per i [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Surya: Bravo! Scorrevole e ben scritto. Non vedo l'ora di leggere il seguito. [...]

  • Santiago Montrés: Ciao Giuseppe e benvenuto ancora una volta al Buenos Aires Café, vedrò [...]

8
7
27

C'era una volta....

Tema dato da walter fest e svolto

16 February 2018

C'era una volta in un mondo che non cè, un principe infelice, non sapeva amare. Il problema grande non era che non sapesse amare, ma la sua tirchieria che gli impediva di spingere oltre una relazione. Impegnarsi significava condividere i suoi averi con qualcun altro che alla fine giudicava sempre [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su